Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Buddy Guy

Immagine
Buddy Guy par Jean-Pierre Leloir

The Blaster - Hard Line (1985)

Immagine
Hard Line è un disco unico nella storia dei Blasters, e non solo. E' anche un passo verso un futuro che, purtroppo, è rimasto incompiuto e in questo ha tutto una sua identità all american di promesse non mantenute, strade perse e identità sfuggenti. Il capolavoro dei Blasters li proiettava infatti verso una forma musicale dallo spettro più ampio e sensibile rispetto al rock'n'roll e al rhythm and blues al fulmicotone degli esordi: il gospel di cui è intessuto Hard Line era soltanto la sfumatura più evidente (ricordava il produttore, Jeff Eyrich, che i Jordanaires, già con Elvis, si erano presentati in studio in completo con giacca e cravatta di cuoio per onorare l'occasione, e i fratelli Alvin non furono da meno), ma è il DNA dei Creedence a emergere. Sia da un punto di vista musicale (e basta Dark Night) sia da quello della consapevolezza, visto che Hard Line, come insegna il titolo, è stato uno dei pochi, convincenti segnali di resistenza umana e rock'n'roll…

Accadde oggi...

Immagine
1936: Nasce Buddy Guy, grande chitarrista blues.
1946: Nasce Jeffrey Hammond, uno dei membri non permanenti dei Jethro Tull (ovvero tutti tranne Ian Anderson) più amati dai fans del gruppo.
1958: Nasce Kate Bush, donna incantevole e misteriosa della canzone inglese. Dopo l'esordio a 18 anni con "Wuthering heights" e il capolavoro "Hounds of love", gradualmente si allontana dalla musica.
2014: Muore Dick Wagner, chitarrista che ebbe l'onore e la ventura di lavorare, tra gli altri, con Lou Reed, Alice Cooper e i Kiss. Aveva 71 anni.
Fonte

David Bowie - Heroes (1977)

Immagine
Lo studio è a pochi metri dal Muro, a Berlino. Dalle finestre si vede una delle torrette che guardano a Ovest; dalla torretta spesso le guardie sbirciano i movimenti dentro lo studio. Sotto, tra lo studio e il Muro, ogni giorno nell'ora di pausa-pranzo un Uomo e una donna, quasi certamente berlinesi, probabilmente adulteri di certo clandestini, si incontrano e si amano su una panchina (solo decenni dopo Bowie ammetterà che, in realtà, l'uomo era il produttore dell'album, Tony Visconti, la donna l'amante di quel tempo). L'idea di «Heroes» (le virgolette sono ironiche spiegherà poi Bowie, non sono veri eroi, questi) arriva cosí, da una storia d'amore condannata all'infelicità. Bowie vive da asceta, anzi, da miserabile: si nutre con un uovo al giorno, abita in un appartamento di Neukölln con Brian Eno, ma è questo ciò che vuole, che cerca. A Berlino, la città che gli salverà la vita, o almeno l'ispirazione. «A quel tempo, là a Berlino, tutti pensavano che…

Grand Funk Railroad

Hard rock band americana popolare negli anni '70, i Grand Funk Railroad si formano a Flint, Michigan, nel tardo 1968, per iniziativa di Don Brewer e Mark Farner, batterista e chitarrista di Terry Knight and the Pack. Reclutato il bassista Mel Schacher, affidano il ruolo di manager a Terry Knight, dj di Detroit, poi cantante con i Pack e solista a New York.
Discografia e Wikipedia

Accadde oggi...

Immagine
1953: Nasce Patti Scialfa, cantautrice moglie di Bruce Springsteen e membro della E Street Band.
1968: Nasce Stefano Bellotti in arte Cisco. Dapprima nei Modena City Ramblers, poi titolare di una buona carriera solista.
1974: Muore soffocata da un sandwich "Mama" Cass Elliot, voce femminile dei Mamas and Papas.
2014: Muore Giorgio Gaslini, grande pianista, compositore e direttore d'orchestra. Era nato a Milano il 22 ottobre del 1929.
Fonte

The Byrds - Younger than Yesterday (1967)

Immagine
Seminali e anticipatori di suoni e tendenze, i Byrds più che una vera band furono un grande laboratorio musicale dove alcune tra le più illuminate menti (Roger McGuinn, Gene Clark, David Crosby, Gram Parsons, Chris Hillman) della giovane scena rock americana mossero i primi passi per poi fuggire ed affermarsi altrove, rendendo impossibile ai Byrds di cementare una propria identità di gruppo, ma consentendo alla band di assorbire influenze e contributi diversi rendendo la propria opera sempre innovativa. Il miglior esempio di questo melting pop musicale è per l'appunto Younger Than Yesterday, quarta opera della band che seguì la svolta psichedelica di Fifth Dimension. Reduci dalla fuoriuscita di Gene Clark, realizzarono un album maturo in cui le idee e le intuizioni dei due fuoriclasse, McGuinn e Crosby, si integrano alla perfezione raggiungendo un punto di equilibrio unico. Se pezzi quali Have You Seen your Face o Renaissance Fair sono stupendi esempi del classico folk rock psich…

23 grandi canzoni di Neil Young #12

Immagine
Tired eyes
(Tonight’s the night, 1975)

“Please take my advice”: una anomala canzone di Neil Young, bellissima e sonnolenta come gli occhi del titolo, con lui che di fatto parla, più che cantare. Salvo lasciarsi andare nella dolcezza del refrain.

Accadde oggi...

Immagine
1960: James Brown, il padrino del Soul, compare sulle scene del mitico Apollo Theatre di Harlem, che sarà poi 'teatro' di un suo imperdibile live album.
1943: Nasce Rick Wright, tastierista dei Pink Floyd. Muore il 15 settembre 2008.
1944: Nasce a Chicago Mike Bloomfield, chitarrista e componente della Paul Butterfield Band e degli Electric Flag. Memorabile la sua partecipazione a 'Highway 61 revisited' di Bob Dylan. Bloomfield muore a San Francisco il 15 febbraio 1981.
1948: Nasce Ares Tavolazzi, componente degli Area e bassista di levatura superiore, arruolato di volta in volta da Paolo Conte, Francesco Guccini, Mina, Eugenio Finardi, Lucio Battisti, Pat Metheny ed altri.
1973: Nell'autodromo di Watkins Glen ben 600.000 persone assistono a un concerto cui prendono parte Grateful Dead, Band e Allman Brothers.
1979: 'I don't like Mondays' dei Boontown Rats conquista la vetta della classifica britannica. Bob Geldof l'aveva scritta ispirato dalla sto…

David Bowie - The Rise and Fall of Ziggy Stardust & the Spiders from Mars (1972)

Immagine
Invece di avere tante personalità, il londinese David Jones decise di averne una ma su più livelli. Si inventò prima David Bowie, che a sua volta s'inventò Ziggy Stardust. Che era un alieno vestito come una groupie, trasformatosi in artista per portare al nostro mondo un messaggio positivo di pace, finendo però distrutto dagli abusi tipici del ruolo. Una parabola già tristemente nota in quel 1972, proprio all'indomani della morte a catena del trio Morrison/Hendrix/Joplin, tutti accomunati dalla sindrome del rock and roll suicide che chiude anche la vicenda di Ziggy. Anticipando intelligentemente il declino già previsto dal titolo dell'album, Jones ucciderà definitivamente il suo personaggio per tornare ad essere Bowie e crearsi così nuove maschere come il Thin White Duke di pochi anni dopo. Ma quello che (s)vestiva i panni della prima icona dichiaratamente gay della storia del rock resta il Bowie più universalmente amato e riconosciuto, quello che metteva d'accordo l&…

40 copertine di dischi censurate #28

Immagine
Guns N’ Roses - Appetite for Destruction (1987)
L'album fu ritirato dal commercio pochi giorni dopo l'uscita a causa della copertina che raffigurava un quadro di Robert Williams censurato.

Pink Floyd - The Wall (1979)

Immagine
Difficile pensare che uno degli album più famosi della storia del rock sia stato originato da uno sputo. Sì, uno sputo, perché quella grande band - al tempo già pluridecorata - aveva difficoltà a calcare il palcoscenico di fronte a un pubblico numeroso. Fu così che un bel giorno - era il luglio 1977 - il bassista Roger Waters, irritato dagli schiamazzi e dalle urla di alcuni spettatori, decise di annaffiare con un po' di saliva uno di loro. Proprio da quell'esternazione poco artistica nascerà il personaggio di Pink, costretto oltretutto a muoversi, e anche in fretta, tra le rovine di un conto in banca - quello dei Floyd, appunto - che gridava vendetta. The Wall è la trasfigurazione della vita di Waters, un atto d'accusa nei confronti del "sistema", simbolo universale dell'alienazione dell'artista e dell'essere umano, vittima sacrificale che mattone dopo mattone costruisce un muro di difesa, quel muro che esattamente dieci anni dopo assumerà connotati…

Accadde oggi...

Immagine
1943: Nasce Mick Jagger. Probabilmente ha venduto l'anima al diavolo.
1958: Nasce Giorgio Canali, esponente del rock tricolore. Attivo nei CCCP divenuti poi CSI e PGR. Ora solista apprezzato.
1974: Nasce Samuel Beam in arte Iron and Wine. Cantautore statunitense.
2013: Muore a 74 anni il chitarrista J.J. Cale. Sue 'After midnight' e 'Cocaine', cavalli di battaglia di Eric Clapton.
Fonte

Steely Dan - Aja (1977)

Immagine
I due vengono dall'Est, dal Queens l'uno, l'altro dal New Jersey. Si incontrano in un college di campagna nello Stato di New York, e trovano spazio sull'altra costa, a Los Angeles, dove li chiamano a comporre per i cantanti della casa discografica ABC. Stanno arrivando gli anni Settanta, ma loro, Walter Brecker e Donald Fagen, lavorano ancora come si faceva ai tempi di Frank Sinatra: scrivono, qualcun altro interpreterà. Sono però gli anni Settanta, quello che scrivono loro, in fondo, si adatta solo a loro: a qualcuno viene in mente che dovrebbero formare un gruppo. Lo fanno, si scelgono il nome di un oggetto per il piacere femminile inventato da William Burroughs nel Pasto nudo e cominciano a mettere insieme quel mix di rhythm and blues, funky, jazz (molto jazz), melodie pop e suoni secchi, senza eco, che diventerà un riconoscibilissimo marchio di fabbrica, Totalizzano diversi buoni successi, amati dalle radio americane, e a gennaio 1977, quando entrano in studio per…

The Who - Quadrophenia (1973)

Immagine
Poco apprezzato all'epoca e amatissimo dalle generazioni successive, Quadrophenia è uno sguardo retrospettivo sul mondo dei mods e sulla gioventù londinese degli anni sessanta che era cresciuta in simbiosi con la band. Protagonista è il giovane Jimmy Cooper, che attraverso le sofferenze e le frustrazioni adolescenziali arriverà ad affrontare nell'epilogo finale la decisione se crescere definitivamente superando l'illusione dell'eterna giovinezza o morire. Diverso dal suono barocco e pomposo di Tommy, Quadrophenia si consacra per il tipico ed esplosivo rock'n roll targato Who, ovvero una miscela micidiale fatta da un drumming istintivo "a doppia cassa", da un basso granitico che piuttosto di tenere il ritmo esegue assoli, da una chitarra che sputa rasoiate ed una voce roca che offende. Dal suggestivo brano d'apertura I Am the Sea, seguendo per le potenti The Real Me, The punk and the Godfather, alle malinconiche ballate Sea and the Sand, I Am the One,…

Lenny Kaye

Immagine
"L'America è la patria del rock'n'roll; e sebbene abbia dilagato per tutto il mondo, la natura di "crogiolo in cui tutto trova posto" di questa musica rimane specifica di una tipica promessa del Nuovo Mondo. Il rock'n'roll contiene i semi e i percorsi di innumerevoli musiche etniche, da cui attinge a piacimento indipendentemente dal loro segno - nero, bianco, verde o ben che sia. Ma, ancora, non importa quante derivazioni, genealogiche riuscivano a estrapolare da quel genitore che chiamiamo rock; esso continua a rimanere un'invenzione alla Frankenstein, disposta a saccheggiare il recente passato tanto quanto ad abbracciare tutti i party di domani." (da "La terra promessa" di Gino Castaldo)

Robert Johnson - King of the Delta Blues Singers (1961)

Immagine
E' l'album che, voluto da John Hammond Sr e pubblicato nel '61, ha fatto conoscere a tutti il leggendario bluesman che assomma in sé stilemi e tratti lirici del blues del Delta, facendo da ponte fra quello arcaico e quello urbano, in particolare chicagoano, del primissimo dopoguerra, e quindi anche alle sue influenze sul rock. Le registrazioni risalgono al '36 a San Antonio, TX, e '37 a Dallas, TX, quando il ventiseienne bluesman aveva ormai fatto sua la "leggenda cross road". Proprio lo splendido Cross Road Blues è uno dei brani portanti dell'album che raccoglie una tale messe di classici di carattere stilistico (impressionante) e contenutistico, da lasciare a bocca aperta. Come On In My Kitchen, Walkin' Blues, Ramblin' On My Mind, Me And The Devil Blues, Hell Hound On My Trail, sono altri titoli che dall'epoca dell'uscita dell'ellepi abbiamo ritrovato in decine e decine di dischi e concerti blues e rock (dal vol. 2, pubblicato n…

Led Zeppelin: storia della musica

Immagine
di Artaserse Brazo
I Led Zeppelin occupano i vertici della scena rock, metal e blues mondiale sin dall'ultimo ventennio del Novecento. Affronteremo, nella seguente guida, i punti principali e gli inconfondibili tratti che sancirono l'immortalità del gruppo britannico nella globale storia della musica. Animarono i palcoscenici di tutto il mondo dal 1968 al 1980 e, persino oggi, suscitano un vivido ricordo nella memoria dei più. Il gruppo dei Led Zeppelin fu composto dal chitarrista Jimmy Page, dalla voce di Robert Plant, dal bassista John Paul Jones e dal batterista John Bonham. Nacquero nel 1968 nel Regno Unito e, tra i generi trattati, spiccano l'Hard rock, l'Heavy metal, il blues rock, il British blues e anche il meno conosciuto Industry rock. Incisero e pubblicarono, immediatamente dopo la formazione, il primo album, omonimo del gruppo, a Londra. I Led Zeppelin riuscirono in un compito prodigioso: contribuire all'evoluzione della musica Rock non introducendo o i…

Talking Heads - Talking Heads: 77 (1977)

Immagine
Sono gli ultimi dei quattro big del CBGB che arrivano a pubblicare un album (gli altri tre sono Ramones, Patti Smith e Television). Sono anche, almeno in apparenza, i piú pop tra i quattro i meno chitarristici, i piú ironici. Vengono tutti dalle scuole d'arte: il tastierista, Jerry Harrison, studia architettura a Harvard. Scottato dallo scioglimento dei Modern Lovers, di cui faceva parte, impiega qualche mese per farsi convincere a mollare l'università. Ci riescono infine David Byrne, che è nato in Scozia e ha vissuto anche in Canada, Chris Frantz e Tina Weymouth, che sono una coppia: i tre abitano insieme in un loft con i materassi sul pavimento e mangiano cibo cinese per spendere meno. Byrne è innamorato del suono della chitarra elettrica, che considera il primo e forse unico strumento musicale della modernità, pulito, metallico, preciso, «ma anche funky e africano». In una parola sola, americano. Il rock'n'roll gli pare morto, o almeno agonizzante, mentre la scena …

Blues & Roots - Charles Mingus

Immagine

Neil Young & Promise Of The Real - Earth (2016)

Immagine
di Paolo Carù Il nuovo album del canadese, dopo The Monsanto Years, è un disco dal vivo. Si intitola Earth. Ma non è un classico disco dal vivo, almeno in parte. Ho sentito Earth usando il Pono, il marchingegno inventato da Young per sentire bene, anzi benissimo: assieme al Pono c’era una cuffia altrettanto costosa, anche bella da indossare. Purtroppo il Pono non funziona molto bene: quando l’ho ascoltato io la voce di Neil Young era lontana (a sinistra), mentre i cori erano più alti (a destra) assieme alla sua chitarra: una questione di equalizzazione, che però io non sono riuscito a mettere a posto. Neppure i ragazzi della Warner. Vabbè. Continua a leggere: Fonte

Tears In Heaven - Eric Clapton

Ricorderesti il mio nome se ti vedessi in Paradiso?
Sarebbe lo stesso se ti vedessi in Paradiso?
Devo essere forte ed andare avanti
Perché lo so, io non appartengo qui, al Paradiso
Mi terresti la mano se ti vedessi in Paradiso?
Mi aiuteresti a stare in piedi se ti vedessi in Paradiso?
Troverò la mia via attraverso la notte e il giorno
Perché lo so, io non posso restare qui, in Paradiso
Il tempo può buttarti giù; il tempo può piegarti le ginocchia
Il tempo può spezzarti il cuore, farti implorare pietà, implorare pietà
Oltre la porta c'è pace ne sono sicuro
E lo so non ci saranno più lacrime in Paradiso
Ricorderesti il mio nome se ti vedessi in Paradiso?
Sarebbe lo stesso se ti vedessi in Paradiso?
Devo essere forte ed andare avanti
Perché lo so, io non appartengo qui, al Paradiso
Perché lo so, io non appartengo qui, al Paradiso

R.E.M. - Murmur (1983)

Immagine
Presentando il cofanetto Nuggets, raccolta di sconosciuti 45 giri di garage-rock e psichedelia anni 60, il curatore Lenny Kaye aveva fatto notare come quel patrimonio artistico avesse rischiato l'oblio a causa della mancanza di mezzi per il passaparola di quegli anni (no alternative: o passavi in radio o rimanevi appannaggio di pochi). Come a dire che sarebbe bastato Facebook a rinsavire le carriere di tanti artisti che hanno poi attaccato la chitarra al chiodo per mancanza di riscontri. Ecco, Murmur dei R.E.M. è stato lo spartiacque tra le due epoche, il primo album nato in provincia, al di fuori dei canali della grande distribuzione discografica, ma sopravvissuto al tempo fin da subito grazie al passaparola delle piccole radio universitarie e delle stanzette nel retro dei negozi musicali, dove il commesso lungimirante ti portava dicendoti "lascia stare il nuovo degli Abba, ti faccio ascoltare io un gruppo forte!". I R.E.M. sono stati quelli che ce l'hanno fatta de…

Iggy Pop - Lust For Life (1977)

Immagine
Il rapporto tra i due è uno dei grandi misteri del rock'n'roll, un mistero che forse neppure loro stessi potranno mai decifrare. Vampiro o salvatore, David Bowie si appresta a mettere a punto, nel fatale 1977, anno dell'esplosione punk, il secondo ritorno sulle scene del suo maestro e seguace. Dopo il tentativo esistenzialmente e commercialmente fallito di Raw Power (artisticamente è un successo, nientemeno che la fondazione del punk), questa volta il piano prevede, punto per punto: strappare l'Iguana alla clinica psichiatrica in cui è rinchiuso; portarlo in giro per il mondo nel tour di Station to Station; fargli registrare due album a Berlino, dove Bowie è andato a cercare salvezza per se stesso. Forse il programma non è proprio cosí dettagliato, forse all'ombra del Muro Bowie cerca appunto, piú che altro, di esorcizzare i propri demoni, e vederli riflessi in quelli di qualcun altro può servire. Comunque sia, le cose vanno cosí: dopo The Idiot, i due decidono di…

Miriam Makeba

Immagine
Francesco Scavullo, Miriam Makeba, 1981

Jimi Hendrix - Are You Experienced (1967)

Immagine
Un soffio, una meteora, un baleno. E senza neanche saperlo il mancino prodigio di Seattle si ritrova catapultato nell'Olimpo del rock con vicissitudini del tutto simili a quelle di un altro angelo con la pelle scura come Robert Johnson, alle origini di questa stessa musica. Come fotografie che diventano icone quando riproducono linearità contemporanee dal classicismo di opere d'arte, così la storia del ragazzo che se ne va quasi invisibile e ritorna come un idolo si ripete in una sorta di mitopoiesi. La faccenda è nota: l'inglese Chas Chandler, bassista e produttore degli Animals, ne coglie le potenzialità messe da parte dai pregiudizi americani "di colore" e un chitarrista poco noto di nome James Hendrix se ne va in Inghilterra e ritorna Jimi, il più grande chitarrista di tutti i tempi. Era già successo col blues britannico e un'altra volta sono ancora gli inglesi ad aprire gli occhi agli americani. Quantunque fosse stato difficile accettarlo, la genialità …

Philip Glass

Philip Glass (1937) cresce a Baltimora, Maryland, dove fin da piccolo viene a contatto con la musica grazie al padre, gestore di un negozio di dischi e apparecchiature radiofoniche. Trascorre l'infanzia ascoltando i quartetti di Beethoven, le sinfonie di Shostakovich e le sonate di Shubert, quindi negli anni dell'adolescenza si accosta ai classici della canzone statunitense.
Discografia a Wikipedia

Accadde oggi...

Immagine
1959: Muore Billie Holiday, voce tormentata di "Stormy weather", "The man I love" e "Strange fruit".
1967: Muore a New York il jazzista John Coltrane, aveva 40 anni ed è stato uno dei più grandi sassofonisti di sempre.
1996: Muore a 57 anni Chas Chandler, bassista degli Animals e primo manager di Jimi Hendrix.
Fonte

John Coltrane - A Love Supreme (1964)

Immagine
"Mr Coltrane, cos'è, per lei, l'amore supremo?", "L'espressione spirituale di ciò che sono, la mia convinzione, il mio abbraccio all' Onnipotente". "A Love Supreme è diviso in quattro parti". "Certo, Acknowledgement (riconoscimento), Resolution (decisione), Pursuance (perseveranza) e Psalm (inno). Rappresentano tutte il mio ringraziamento al Signore". "Lo stile è cambiato. C'è ancora Charlie Parker, da qualche parte, ma sta mutando forma". "Sì, lo stile è quello del jazz modale. Di nuovo. Tuttavia avverto il bisogno di guardare altrove. Forse verso il cielo e le stelle. Ho bisogno di un fraseggio più veloce e aggressivo. Per inseguire la luce celestiale del cosmo". "La struttura resta semplice, come nelle quattro note di Acknowledgement, ma le potenzialità sono infinite". "Ma il punto non è la quantità, il punto è lasciare spazio all'istinto. Non reinventare all'infinito, bensì rein…

23 grandi canzoni di Neil Young #11

Immagine
See the sky about to rain
(On the beach, 1974)

Racconta ancora qualcosa di inquietante all’orizzonte, come in “After the gold to rush”, ma qui il suono è più west coast (e il titolo del disco è On the beach), con un organo à la Doors.

Accadde oggi...

Immagine
1952: Nasce Stewart Copeland, batterista di notevole talento: insieme a Sting darà vita alla base ritmica dei Police.
1952: Nasce Eugenio Finardi, uno dei primi autentici rocker italiani in anni complicati. Dopo "La musica ribelle" e gli anni duri della contestazione, si trasforma in un cantautore più melodico ma mai banale.
1980: Esce il docu-film "No nukes" tratto dalla serie di concerti con, tra gli altri, Jackson Browne, Bruce Springsteen e James Taylor.
2012: Muore a 71 anni Jon Lord, lo storico tastierista dei Deep Purple.
2013: T-Model Ford, bluesman che imparò a suonare la chitarra da autodidatta, è scomposo a causa di gravi condizioni di salute all'età di 93 anni.
2014: Muore a 70 anni Johnny Winter, chitarrista blues di grande spessore. Riconoscibilissimo per i lunghi capelli tanto biondi da essere bianchi.
Fonte

Neil Young - Tonight's the Night (1975)

Immagine
Che qualcuno voglia portarsi su un'isola deserta, luogo idealmente paradisiaco, un disco come Tonight's the Night è quasi preoccupante: battute o paradossi a parte, è riconosciuto da tutti che questo sia uno degli episodi più malinconici e drammatici messi sul pentagramma da una rock'n'roll star. Dedicato agli amici scomparsi Bruce Berry e Danny Whitten, album su cui aleggia lo spirito malato della tossicodipendenza e dell'abbandono, Tonight's The night è quasi la negazione sistematica della pace e del successo di Harvest. Pubblicato nel '75, in seguito ad altri contradditori lavori (eppure capolavori assoluti della poetica younghiana) come On the Beach e Time Fades Away, in realtà registrato e concepito due anni prima, proprio a ridosso del citato Harvest, questo disco è un'unica, lunga confessione di dolore, dove il sound dei Crazy Horse superstiti (raggiunti dal giovane Nils Lofgren e da altri amici come Jack Nitzsche) appare precario, abbozzato, pa…

Television - Marquee Moon (1977)

Immagine
Anche loro vengono dal giro del CBGB, dalla scena dark di Downtown Manhattan, ma certo considerarli punk risulta difficile. Accostarli ai Ramones, per esempio, è impossibile. Li si può avvicinare a Patti Smith, ecco, e per restare all'interno della mitologia newyorkese c'entrano di sicuro anche i Velvet Underground del decennio precedente. Ma gli anni non trascorrono invano e i Television di Tom Verlaine sono decisamente figli del loro tempo. Due chitarre acide, una voce stridula, assoli che si susseguono e strutture armoniche che si ripetono con piccole e sempre piú significative variazioni (ecco l'insegnamento del minimalismo dell'arte contemporanea applicato alla musica): in Marquee Moon, l'album d'esordio, i Television rovesciano su chi li ascolta lava chitarristica incandescente con una fede assoluta, e assolutamente anni Settanta, nella propria voce e nella necessità di darle spazio adeguato. Ritornati da alcune sessioni di registrazione con Brian Eno ch…

40 copertine di dischi censurate #27

Immagine
Michael Jackson - Ben (1972)
La copertina originale del secondo disco di Michael Jackson per la Motown mostrava il giovane cantante accanto ad un inquietante topo: il disco era infatti la colonna sonora del film horror "Ben", con protagonista un ratto killer.

Accadde oggi...

Immagine
1912: Nasce Woody Guthrie, padre del moderno folk americano. Tra i suoi brani più importanti, "This Land is Your Land" e "Hard Travelin’". Muore nel 1967.
1982: Esce al The Empire in Leicester Square a Londra il film dei Pink Floyd "The wall".
1993: Muore il cantautore Leo Ferrè. Aveva 76 anni.
2003: Muore alla veneranda età di 95 anni il compositore cubano Compay Segundo. Divenuto famoso nel 1997 a seguito dell'uscita del docu-film 'Buena Vista Social Club' di Wim Wenders.
Fonte

The Rolling Stones - Beggars Banquet (1968)

Immagine
In fondo nel 1968 i Rolling Stones sono una vecchia band, hanno visto e fatto di tutto; dietro l'angolo stanno gli echi del rhythm'n'blues londinese in bianco e nero, remoto è l'esordio al Marquee nel sessantadue e il sessantotto per Richard e soci inizia in realtà nell'estate sessantacinque, con la finitura del riff di Satisfaction. Il maggio sessantotto, insieme al vento e a tutto il resto, porta anche un altro riff stonesiano; si ritrova la vecchia via, Richard apre l'accordatura e crea l'intro di Jumpin' Jack Flash, intimamente vicina allo spirito del sessantacinque, al tempo stesso lontana anni luce. I Rolling Stones sono la più grande rock'n'roll band del pianeta e stanno fervendo le registrazioni di un album storico, pubblicato in dicembre. Beggars Banquet sarebbe autosufficiente anche solo come singolo contenente Simpathy For The Devil: non un brano, non una canzone rock'n'roll, molto di più, un documentario, colonna sonora di q…

50 fatti interessanti su Pink Floyd #8/10

Immagine
36. The last Pink Floyd album Roger Waters appeared on was ‘The Final Cut’ - a work he conceived and wrote with no help from the others (David Gilmour expressed misgivings about the record later).

37. Waters took the other members of Pink Floyd to court in the mid-80s in the hope of barring them from continuing with the name. He recently admitted regretting the litigation.

38. Russian astronauts took ‘Delicate Sound of Thunder’ with them when they boarded the MIR space station in 1989, making it the first album to be played in space (that we know of).

39. The album ‘The Division Bell’ was named by The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy author Douglas Adams.

40. Richard Wright was sacked from the band during ‘The Wall’ sessions for not pulling his weight. He returned to Pink Floyd for their 1987 Gilmour-led ‘A Momentary Lapse of Reason’ album, but for legal reasons was not reinstated as a full member again until the group toured ‘The Division Bell’ in 1994.

Tom Waits - Blue Valentine (1978)

Immagine
Ci sono un prima e un dopo nella lunga vita artistica di Tom Waits? C'è forse una sottile linea "blue" che unisce la voce glabra di Martha e del cuore che batte il sabato sera, con le trame, a confronto, ermetiche e oblique di Mule Variations? Oggi la storia è scritta ma c'è da chiedersi chi era nel 1978 Tom Waits. L'amante ubriaco di Rickie Lee Jones, il presente e il futuro, il disperato rapace notturno di sensazioni nel caldo soffocante di Pomona, il jazz e il blues consumati nello stesso bancone di Nightawk At The Dinner; il musicista, il trovatore del piano alcolico, l'appassionato della banda dell'esercito della salvezza, l'accompagnatore alla ricerca della sua Muriel che non c'è più e "a causa di ciò il locale ha chiuso". Il Tom Waits dell'epoca vive in un mondo iconografico, ma frequenta un universo tutto suo, fatto di cuori sbandati e animi solitari, legati unicamente da quell'insostenibile nostalgia per quello che si d…

Storia della musica: Bob Marley e il reggae

Immagine
di Stefano Nurse
Bob Marley è stato uno dei più grandi interpreti musicali, nel suo genere, il reggae. Questo tipo di musica è nato in Giamaica alla fine degli anni '60, sotto l'influenza di vari stili musicali come l'R&B, lo ska ed il rocksteady. La nascita del reggae ha coinciso con la conquista dell'indipendenza della Giamaica dal colonialismo inglese. Il suo nome deriva, quasi sicuramente, dal termine dispregiativo inglese "ragged" (cioè, "rozzo"). La sua prima comparsa sulle scene si deve al titolo dell'album "Do the reggay", realizzato da uno dei primi gruppi musicali giamaicani, i Tolls& the Martayls. Tuttavia, c'è qualche teoria che attribuisce il nome reggae all'idioma "ragga", parlato dalle popolazioni bantu. Tracciamo, ora, una breve storia della sua vita con le tappe più significative. Bob Marley, è il nome d'arte di Robert Nesta Marley. È nato il 6 febbraio del 1945 nel piccolo villaggio di Rh…

Accadde oggi...

Immagine
1957: Nasce Peter Murphy, lega il suo nome a una grande avventura chiamata Bauhaus.
1959: Nasce Suzanne Vega, la cantautrice di "Luka".
1973: Nasce a Chicago il cantautore Andrew Bird.
2014: Muore a 76 anni Charlie Haden, bassista jazz. Suonò tra gli altri con Ornette Coleman, interpretando al meglio il suo jazz innovatore.
Fonte

David Bowie - Low (1977)

Immagine
Il primo elemento della trilogia berlinese nasce in Francia, nel castello di Hérouville, e in Svizzera, dove l'inventore di Ziggy Stardust vive per sfuggire ai suoi demoni e agli ispettori del fisco britannico. Lí si forma un gruppo di lavoro destinato a fare storia, e non solo a cambiare quella di Bowie. C'è Tony Visconti che produce: ha già lavorato con lui prima della sua esplosione planetaria ed è un convinto paladino dell'uso dello studio come moltiplicatore delle possibilità espressive. C'è Brian Eno alle tastiere e a molto altro: da quando, nel 1973, ha lasciato i Roxy Music, il musicista che Bowie conosce solo superficialmente è diventato compositore, studioso di suoni ed elettronica applicata alla musica, teorico, saggio. Eno porta con sé le carte di Strategie oblique, un gioco serio che ha inventato con l'artista Peter Schmidt: da un mazzo di carte se ne estrae una e ci si impegna a rispettarla. Sulla carta ci può essere un'indicazione (del tipo « Re…

Breve storia della musica rock #3/3

Immagine
di Federica Zanotti
Gli Stati Uniti furono il regno incontrastato del rock fino alla metà degli anni Sessanta, quando dal Regno Unito emerse una nuova generazione di musicisti e band - Beatles, Rolling Stones, Who, solo per citarne alcuni - che influenzarono in maniera radicale sia la scena musicale britannica, sia quella oltreoceano, tanto che l'apice dell'epoca rock verrebbe fatto risalire al 1967 con la pubblicazione dell'album "Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band" dei Beatles, capolavoro assoluto di una discografia che non ha bisogno di presentazioni, in cui ogni dettaglio, a partire dalla copertina, farà scuola per gli anni a venire. "A Day in The Life" è il pezzo simbolo dell'album. Approdati negli Stati Uniti nel 1964 e accolti da una folla in delirio, sfondarono nella patria del rock'n'roll, tanto che questo fenomeno viene ancora oggi definito come Brit Invasion. L'evento che segna il culmine dell'epopea del rock nel 196…

Grateful Dead - American Beauty (1970)

Immagine
Grateful Dead hanno scritto pagine a dir poco memorabili, non sempre tanta grazia e vitalità musicale è riuscita a trovare una sua naturale prosecuzione entro le limitanti pareti di uno studio di registrazione. La discografia deadiana vede infatti alternarsi ad album ispirati e di pregevole fattura, altri di peso specifico minore. American Beauty, uscito nel 1970, a pochi mesi dal gemello "Workingman's dead", oltre ad essere insieme a quest'ultimo frutto della svolta country folk di Jerry Garcia e soci, appartiene di diritto al novero delle loro opere più belle. Il "Morto riconoscente", abbandonate infatti le proprie siderali esplorazioni musicali, poggia i piedi nelle polverose strade dell'America rurale e arcaica. Tra atmosfere elettroacustiche e rimandi alla tradizione musicale americana, Garcia, in coppia con il paroliere di fiducia Robert Hunter, appronta una manciata di brani dal fascino senza tempo. Se Ripple è pura tradizione (complice anche il…

We Insist! - Max Roach

Immagine

Leonard Cohen - Songs Of Leonard Cohen (1968)

Immagine
Leonard Cohen a 33 anni suonati, (uno dei più tardivi della storia del rock dopo essersi affermato come poeta e scrittore) non ebbe grande risonanza di pubblico (ma l'ebbe in seguito come long seller) all'epoca della sua uscita, quando la summer of love e le idee rivoluzionare contrastavano con la tristezza, la malinconia, la drammaticità delle dieci composizioni contenute in Songs Of Leonard Cohen. Atmosfere raccolte e intime, figlie della tradizione francese di Jaques Brel e George Brassens (Cohen viene dalla francofona Montreal) costruite su pochi accordi, arrangiamenti ridotti all'osso e la voce da tanti definita monotona e poco duttile, ma capace di aprire, a chi la ascolta, le porte del paradiso. Song of è ancora oggi un album che mantiene inalterata tutta la sua profonda magia quasi ipnotica, un'alchimia che resiste anche ai giorni nostri come un affresco di profondo lirismo, di rinascita e speranza, che fanno piangere ed emozionare. Si rimane ancora senza paro…

The Eagles - Hotel California (1976)

Immagine
«E l'anno del bicentenario, noi ci chiamiamo Eagles, cioè "Aquile", l'aquila è il simbolo degli Stati Uniti d'America, ci sentiamo obbligati a dire la nostra sull'anniversario, usando la California come un microcosmo e gli Usa come un simbolo del mondo intero. Non c'è modo di evitarlo, questo è un concept album». Lo dice Don Henley poche settimane prima dell'uscita di Hotel California, impossibile non credergli. Il punto è che il discorso degli Eagles sullo Stato dell'Unione (e del mondo, o della California) è quasi del tutto contenuto in una sola, celeberrima, canzone (quella che dà il titolo all'album), e, volendo, in un paio di versi di quel brano: «You can check out but you can never leave». Cioè, puoi pagare il conto (check out però si usa anche per « morire»), ma non te ne puoi andare. Un colpo di genio che da solo rende meritato l'incredibile successo dell'album, che nei primi trent'anni di vita ha venduto 18 milioni di cop…

In a gadda da vida - Iron Butterfly

Nel giardino dell'eden*, baby
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che ti amo
Oh, non vuoi venire con me
E prendermi la mano
Oh, non vuoi venire con me
E camminare in questo posto
Per favore prendi la mia mano
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che ti amo
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che sarò sempre fedele
Oh, non vuoi venire con me
E prendermi la mano
Oh, non vuoi venire con me
E camminare in questo posto
Per favore prendi la mia mano
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che ti amo
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che sarò sempre fedele
Oh, non vuoi venire con me
E prendermi la mano
Oh, non vuoi venire con me
E camminare in questo posto
Per favore prendi la mia mano
Nel giardino dell'eden, baby
Nel giardino dell'eden, tesoro
Non lo sai che ti amo
Oh, non vuoi venire con me
E prendermi la mano
Oh, non vuoi venire con me
E camminare in questo posto
Per …

Violent Femmes - Violent Femmes (1983)

Immagine
La variabile impazzita, l'eccentricità, la sorpresa che spiazza, che sfonda una porta. Senza bisogno di energia elettrica perché anche nel rock'n'roll esiste un'ecologia, un'idea di risparmio e di evitare sprechi inutili per cui il luogo comune less is more in questo caso è sacrosanto più che mai. Tanto è vero che quando uscì il primo disco delle Violent Femmes impazzirono tutti a cercare un riferimento, un modello a cui paragonare quel disco dalla meravigliosa copertina, un misto di innocenza e mistero, lo stesso che si sente nelle canzoni. Giocando tutte le carte possibili, dai Velvet Underground ai Modern Lovers, i tentativi furono infiniti, tutti giusti, nessuno corretto perché quella scheggia di puro genio era un bizzarro scherzo destinato a cambiare il corso della storia del rock'n'roll, mettendo in circolo il virus di un dubbio secondo il quale basta suonare sopra un catino rovesciato dal nome impossibile (tranceaphone) e tutta la prosopopea dell…

George Harrison

Immagine
George Harrison, photographed for The Beatles Book, 1968.

Accadde oggi...

Immagine
1943: Nasce Robbie Robertson, mente della "Band" e poi artista solista.
1969: I Rolling Stones suonano a Londra ad Hyde Park di fronte a 250.000 persone. Il concerto è in memoria di Brian Jones, sul palco il nuovo chitarrista Mick Taylor.
1971: I Led Zeppelin si esibiscono per la prima (e ultima) volta in Italia, nel corso della tappa milanese del Cantagiro - sul palco prima di loro, Albano. Fuori dal Vigorelli, la polizia spara lacrimogeni ai troppi fans senza biglietto.
Fonte

Wilco - Being There (1994)

Immagine
Oggi potrebbe persino essere considerato come un disco di passaggio, dall'età dell'innocenza roots verso la sperimentazione più ardita della canzone pop, ma se dovessimo trovare un punto di sintesi e al tempo stesso un fermo immagine dei Wilco più "progressisti" allora continueremmo a rispolverare Being There. Doppio, ambizioso allungo all'indomani del più dimesso esordio A.M., il disco rilegge con audacia l'esperienza dell'alternative country divenendone presto una sorta di testo sacro, ma al tempo stesso indicando la strada per uscire dal vicolo cieco: nelle quattro ideali facciate Being There parte dalla tradizione per spingersi oltre, verso una forma di ballata stralunata dove l'estro di Jeff Tweedy per la prima volta può chiaramente mostrare tutte le sue aspirazioni. La band non sfodera ancora la sensibllità avanguardista degli anni a venire, ma proprio la sostanza più rustica di Max Johnston, Ken Coomer e del compianto Jay Bennett (mai troppo l…

Gentle Giant

I fratelli Roy, derek e Phil Shulman, originari di Glasgow, suonano nei '60 in una delle prime band inglesi di rock r'n'b, Simon Duprèe & The Big Sound. Sciolto quel gruppo dopo un solo album, l'eccellente Without Reservation, nel 1970 i tre organizzano una nuova formazione ispirandosi alla fusione allora di moda fra jazz, rock e musica classica, con violini, chitarre, tastiere e fiati.
Discografia e Wikipedia

Stevie Wonder - Songs in The Key Of Life (1976)

Immagine
L'ex bambino prodigio Stevie è cresciuto ancora, se non altro perché ha appena rinnovato il contratto con la Motown e la cifra fa impressione: 13 milioni di dollari. Il nuovo accordo con il padre-padrone Berry Gordy gli garantisce un'autonomia artistica che lui mette a frutto immediatamente: il nuovo album sarà doppio, ci lavora da due anni, ci suonano decine di musicisti, e quando uscirà, si viene a sapere, ci sarà dentro tutto il mondo di Stevie Wonder. Al momento della firma si dice abbia centinaia di canzoni già registrate. Ce ne vorrà un altro centinaio — e tutte nuove — perché l'album finalmente esca. Attesissimo, chiacchieratissimo, Songs In The Key Of Life riesce nel miracolo di mantenere tutte le promesse. Dentro c'è tutto Wonder, con le sue incoerenze, le cadute kitsch, la retorica, le sdolcinature. Ma anche la musicalità straordinaria, le idee melodiche e ritmiche, la cultura immensa, che abbraccia il funky e la musica d'autore, il rock'n'roll e…

Etichette

Mostra di più