Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016

50 fatti interessanti su Pink Floyd #5/10

Immagine
21. Nick Mason is certainly the silent but violent one in Pink Floyd; ie. he hits things for a living and doesn’t open his mouth much. Despite the drummer being the only band member to play on everything the group have ever made, he only ever contributed one vocal - on ‘One of These Days’ from 1971’s ‘Meddle’ - and it was just one line, slowed down to scare the pants off the listener.

22. Hipgnosis, the team behind most of Pink Floyd’s album covers, actually presented the band with the inverted swimmer that would eventually become the cover of Def Leppard’s iconic ‘High ‘n’ Dry’ album, for ‘Atom Heart Mother’. The band rejected it and opted for the cow instead.

23. Recorded in 1973, ‘The Dark Side of the Moon’ stayed on the Billboard Chart (top 200) for more than 800 weeks straight, a record that will take some beating.

24. ‘The Dark Side of the Moon’ was the best selling album in the world for a while (it is still third best seller ever), shifting so many units that one in 12 people…

Accadde oggi...

Immagine
1909: Nasce Benny Goodman, clarinettista e re dello "swing". Muore il 13 giugno 1986.
1955: Nasce Topper Headon, batterista dei Clash sino a che la sua malata storia d'amore con l'eroina non lo fece allontanare dalla band.
1968: Nasce Tim Burgess, cantante dei Charlatans.
1981: Nasce a Houston Devendra Banhart, bravo cantautore.
1993: Muore a 79 anni Sun Ra, pianista ma non solo. Jazzista ma non solo.
Fonte

Fine Anni ottanta

Immagine
di Silvano Bottaro
Molti dischi a cui sono profondamente legato appartengono agli anni ottanta, soprattutto alla seconda metà. Questo non è dovuto ad una sorta di nostalgia, legata a ricordi di gioventù, anzi, diciamo che molto più probabilmente è dovuta ad un’insieme di fattori (che un po’ alla volta potranno essere trattati) non ultimo quello che sto per esporre. La Rifondazione del Rock Gli anni ottanta in linea di massima vengono ricordati come gli anni degli yuppies, di Reagan e della Thatcher, quelli della musica sintetica e prodotta in serie, dei vari duranduran ecc… ecc… Invece il decennio ha offerto moltissima musica, innumerevoli possibilità, grandi scenari e perfino qualche piccola rivoluzione. Se l’immagine dominante è quella del decennio dell’apparenza, delle droghe veloci, dell’immagine che sostituisce la sostanza, al di sotto di tutto ciò gli ottanta hanno messo in scena una delle piccole grandi rivoluzioni del rock: la rifondazione. In realtà gli anni ottanta cominciano…

Elton John - Goodbye Yellow Brick Road (1973)

Immagine
Rotondo, occhialuto e seduto dietro un piano dall'età di quattro anni, Reginald Kenneth Dwight (che ha scelto di chiamarsi Elton John in omaggio al sassofonista della sua prima band Elton Dean e al bluesman inglese Long John Baldry, con cui suonava da ragazzo) è la piú improbabile delle rockstar. Tanto improbabile che lui stesso sente il bisogno di caricare la sua figura pubblica, oltre che la sua musica, di mascheramenti insostenibili. Ma dietro occhialoni, mantelli, costumi e cappelli si nasconde un autore dotatissimo, che in altri tempi avrebbe forse lavorato per il teatro musicale. Ora però il mondo va a ritmo di rock'n'roll. Per questo, Reginald Dwight è diventato Elton John. Per registrare il disco, l'ottavo della sua carriera, il primo doppio, è stato in Giamaica (dove avevano lavorato i Rolling Stones), senza riuscire a mettere su nastro neppure una nota. Tornato al Castello di Hérouville, non lontano da Parigi, nello studio in cui ha già registrato due album,…

Lou Reed & Metallica - Lulu (2011)

Immagine
“Lulu” è il titolo dell’album realizzato nel 2011 dalla strana coppia formata da uno dei padri del rock, Lou Reed, e il gruppo metal più famoso al mondo, i Metallica. L’idea di realizzare un album insieme venne nel 2009 quando Reed e i Metallica si incontrarono al venticinquesimo anniversario della Rock and Roll Hall Fame. “Lulu” è un concept album basato su un’opera teatrale di Frank Wedekin del 1904. L’opera è divisa in due parti, una parte intitolata “Erdgeist” (lo spirito della terra) e una seconda parte intitolata “Die Büchse der Pandora” (il vaso di Pandora), dove emerge il personaggio Lulu. L’opera è basata sulla storia di una ballerina che si fa strada sfruttando le relazioni che trattiene con uomini potenti ma che alla fine la porta in rovina finendo per fare la prostituta. Il tema della donna che sfrutta il proprio corpo ricorre sia nelle varie tracce che compongono l’album e sia nella copertina che lo rappresenta: un tronco nudo di una donna manichino senza braccia con i c…

Accadde oggi...

Immagine
1926: Nasce Miles Davis. La più grande rockstar che il jazz abbia mai avuto. In ogni decennio, lancia la sua personale sfida a tutti i generi che lo circondano, riuscendo sempre a stupire, tanto in "Bitches brew" quanto in "Tutu". Muore il 28 settembre 1991.
1948: Nasce Stevie Nicks, voce inconfondibile della seconda fase dei Fleetwood Mac, e partner del leader Lindsey Buckingham in una tormentatissima storia d'amore.
1964: Nasce Lenny Kravitz, chitarrista e sex symbol. Il suo credo rock è che "comunque, il meglio è già stato fatto" - ragion per cui, si ispira direttamente agli anni '60.
1978: I Cure, guidati dal 19enne Robert Smith, stanno registrando il loro primo album "Three imaginary boys" nei Chestnut Studios nel Sussex.
2012: John Harrison, bassista originale degli Hawkwind muore a 69 anni.
Fonte

Hallelujah - Jeff Buckley

Hallelujah

Beh, ho sentito che c'era un accordo musicale segreto
che David suonò e che piacque al Signore
Ma tu non ti interessi veramente di musica, vero?
Beh, funziona così:
La quarta, la quinta, la minore cala e la maggiore cresce
Il re perplesso compose l'Hallelujah
Hallelujah Hallelujah Hallelujah Hallelujah ...

Beh, la tua fede era forte ma avevi bisogno di prove
L'Avevi vista fare il bagno sul tetto
La sua bellezza e la luce della luna tutto intorno
E lei ti ha legato alla sua sedia della cucina
Ha rotto il tuo trono e ti ha tagliato i capelli
E dalle tue labbra ti strappo l'Hallelujah
Hallelujah Hallelujah Hallelujah Hallelujah ...

(Sì, ma) Baby sono già stato qui prima
Ho visto questa stanza e ho camminato su questo pavimento, (lo sai)
Ero abituato a vivere da solo prima di conoscerti
Ed ho visto la tua bandiera sull'arco di marmo
e l'amore non è una marcia di vittoria
È un freddo ed un stonato Hallelujah
Hallelujah Hallelujah Hallelujah Hal…

Stan Getz

Immagine

Accadde oggi...

Immagine
1941: "Alcuni artisti parlano per sé. Altri parlano per un'intera generazione". Questo è Bob Dylan, nato il 24 maggio 1941 a Duluth, Minnesota, nelle parole con cui Jack Nicholson lo presenta al Live Aid.
1955: Nasce Rosanne Cash, cantautrice figlia del Man in Black Johnny Cash.
1963: Muore a Chicago per un attacco di cuore il 45enne bluesman Elmore James.
1969: Nasce Rich Robinson, chitarra dei sudisti Black Crowes.
1974: Muore Duke Ellington, forse il più grande artista uscito dalla prima generazione di jazzisti.
1991: Muore Gene Clark, fondatore degli indimenticabili Byrds. Aveva solamente 46 anni.
Fonte

Stevie Wonder - Innervisions (1973)

Immagine
Nel 1971, il giorno del suo ventunesimo compleanno, Stevie Wonder lascia la Motown, la casa discografica per cui lavora da quando ha 12 anni. Ora che non è piú «Little», Stevie vuole libertà creativa, vuole fare tutto, scrivere, suonare, cantare, vuole poter decidere dove andare e come. Berry Gordy, il boss della Motown, lo vede come un nuovo Sammy Davis jr, un intrattenitore. Lui vuole crescere come musicista, e non si pone limiti. Un giorno va a trovare in studio Robert Margouleff e Malcolm Cecil, pionieri nell'uso del sintetizzatore di suoni: come Tonto's Expanding Head Band hanno pubblicato un album (Zero Time, uscito da poco), che con quella sua elettronica «calda» ha aperto loro porte che nemmeno immaginavano esistere. Stevie chiede di imparare a suonare il Moog (modificato e personalizzato, loro lo chiamano Tonto, una sigla che sta per «Nuova orchestra di timbri originali»), una vera impresa per un cieco, con tutti quei tasti e quelle leve. «Ma la mia voglia di imparar…

Marvin Gaye

Marvin Gaye (1939 - 1984) vero nome Marvin Pentz Gaye Jr., riconosceva quattro fondamentali ispiratori; Clyde McPhatter, Rudy West, Little Willie John e Ray Charles, pur manifestando un forte apprezzamento anche nei confronti di Nat King Cole. Figlio di un predicatore, suona l'organo e canta in chiesa, e quando intorno ai quindici anni si unisce ai Rainbows, viene osteggiato dal padre che lo vede allontanarsi dai canti religiosi.
Discografia e Wikipedia

23 grandi canzoni di Neil Young #7

Immagine
Birds 
(After the gold rush, 1970)
“Birds” è nello stesso disco di “Af
ter the gold rush”, e le somiglia. Dolce, lenta, solo pianoforte e voci. Ma questa è una bellissima can
zone d’amore, anche se di un amo
re finito.

40 copertine di dischi censurate #23

Immagine
Pink Floyd - Wish You Were Here (1975)
Realizzata da Storm Thorgerson, fu ritirata da molti negozi perché considerata "violenta".

Accadde oggi...

Immagine
1944: Nasce Joe Cocker. Il mondo lo scopre mentre a Woodstock canta a pieni polmoni "With a little help from my friends". Dopo un periodo difficile dovuto a droga ed alcool, torna gradualmente a essere una star - grazie anche allo spogliarello di Kim Basinger ("You can leave your hat on"). Muore il 22 dicembre 2014.
1954: Esce negli Stati Uniti la canzone di Bill Haley 'Rock around the clock'.
2013: muore all'età di 74 anni Ray Manzarek, tastierista e fondatore dei Doors. Nato a Chicago, Manzarek si era trasferito a Los Angeles per studiare e lì aveva formato i Doors nel 1965 dopo avere incontrato Jim Morrison a Venice Beach - il suo suono di tastiera sarebbe diventato altrettanto iconico quanto la voce di Morrison - per esempio come dimostra l'intro del brano simbolo della band, "Light my fire" - tanto da essere considerato uno dei tastieristi più importanti della storia del rock.
Fonte

Trent’anni fa uscì So

Immagine
Ovvero il più famoso disco di Peter Gabriel, quello con cui si inventò ancora delle ulteriori cose rispetto a tutte quelle che aveva inventato fino ad allora.

Peter Gabriel durante un concerto nel 1986 (AP Photo/Fred Jewell)
Il 18 maggio 1986 uscì in tutto il mondo So, il quinto disco di Peter Gabriel. Sarebbe diventato uno dei dischi più belli e apprezzati degli anni Ottanta, e il più innovativo per la carriera di Gabriel. Fino ad allora Peter Gabriel era stato prima il leader e cantante della band progressive rock dei Genesis – rimpianto in eterno dai loro fans – e poi l’autore di quattro dischi propri originali ed eccellenti, noti anche per non avere titolo (si chiamavano tutti “Peter Gabriel”, o convenzionalmente da I a IV, o con nomi derivati dalle immagini in copertina). L’ultimo era uscito quattro anni prima, quello con “Shock the monkey” (che aveva cantato anche al Festival di Sanremo, esibizione di cui si ricorda un maldestro e rischioso dondolare su una fune). Ma nel frattemp…

Accadde oggi...

Immagine
1945: Nasce Pete Townshend, chitarrista e leader degli Who. La musica gli è debitrice per le opere-rock ("Tommy", "Quadrophenia"), per le chitarre sfasciate con rabbia, le ironie su Woodstock ("Baba O'Riley" e "Won't get fooled again"), e soprattutto per "My generation".
1952: Nasce Grace Jones. Dopo aver fatto la modella, si propone come aggressivo sex symbol femminile interpretando "La vie en rose". Nel 1984 tenta di esaltarla come cantante Trevor Horn, con "Slave to the rhythm" - che però resta il suo ultimo successo.
1958: Nei Gold Stars Studios di Hollywood il diciassettenne Ritchie Valens registra "Come on, let's go".
Fonte

Iggy And The Stooges - Raw Power (1973)

Immagine
Dopo tre album che pochi davvero hanno capito e pochissimi hanno acquistato, l'ex batterista James Osterberg, da tempo trasformatosi in Iggy Pop, e i suoi Stooges sono senza contratto discografico. A questo punto le strade si dividono: gli Stooges restano a Detroit e per sopravvivere si inventano concorsi pubblici in cui chiunque può salire sul palco ed essere — per tre minuti - il nuovo Iggy Pop; lui invece va a New York in cerca di nuove possibilità. Ha ragione lui: una sera, mentre è in casa davanti alla tv (danno Mr. Smith va a Washington con Jimmy Stewart, e lui non vuole perderselo), lo chiamano per dirgli che David Bowie e il suo manager sono in città in cerca di contatti e idee. Quando finalmente riesce ad alzarsi dal divano, li incontra: i due gli piacciono, e ben presto si ritrova a Londra con un chitarrista che ha scelto lui (è James Williamson, viene da Detroit), al centro di un progetto che neppure troppo misteriosamente punta a fare di lui il nuovo Lou Reed, ripesca…

Tom Waits - Rain Dogs Full Album Stream (1985)

Immagine

Accadde oggi...

Immagine
1911: Nasce Big Joe Turner cantante rhythm & blues, muore il 24 novembre 1985.
1949: Nasce Rick Wakeman, tastierista degli Yes.
1963: Alla prima edizione del Monterey Folk Festival Bob Dylan duetta con Joan Baez sulle note della sua "God on our side".
1980: Muore suicida a 24 anni Ian Curtis, inquieto cantante dei Joy Division. Diventa immediatamente e inevitabilmente figura di culto del rock britannico.
Fonte

Peter Wolf - A Cure for Loneliness (2016)

Immagine
di Fabio Cerbone
A ideale chiusura di una trilogia della saggezza, A Cure for Loneliness (bellissimo titolo) segue il percorso solista di rinascita che Peter Wolf inaugurò nel 2002 con Sleepless. Settant'anni lo scorso marzo, mai particolarmente prolifico come altri suoi "ingombranti" colleghi, Wolf è un musicista che si concede quando ha qualcosa da dire. Ha vissuto intensamente, saggiando il sapore della vittoria insieme alla J Geils Band, ha macinato miglia e concerti, in un'educazione in pubblico che è stata la quintessenza della sua formazione da animale da palco. Da qualche anno però sembra avere raggiunto una maturità persino inedita. La sue ballate rock tinteggiate di carezze soul e radici country, la classicità immediata delle melodie e il richiamo alla tradizione sono la dimostrazione di un inteprete che non ha più nulla da dimostrare, solo godersi uno splendido tramonto, dove contano l'amore per questa musica e i ricordi.
Nostalgico quanto basta, si …

Accadde oggi...

Immagine
1942: Nasce Henry St. Clair Fredericks, noto come Taj Mahal, uno dei più fervidi difensori della tradizione della black music, in particolare del blues e dell'eredità africana.
1949: Nasce Bill Bruford, batterista di levatura indiscussa, amante di jazz e progressive-rock. Fonda Yes, UK, Earthworks e B.L.U.E., e fa parte per brevi periodi di Genesis e King Crimson.
1961: Nasce Eithne Ní Bhraonáin, in arte Enya. Dopo aver fatto parte per un breve periodo del gruppo dei fratelli - i Clannad - a partire dal 1988 ("Orinoco flow"), insieme ai fratelli Nicky e Roma Ryan trova la formula per fondere misticismo new age e arie irlandesi, ottenendo un impressionante successo.
1966: Bob Dylan, che aveva da poco avuto la 'svolta elettrica', si esibisce alla Free Trade Hall di Manchester. Poco prima di iniziare "Like a rolling stone", una persona del pubblico, un purista del folk arrabbiato con Dylan per essere passato al rock, gli grida:"Giuda!". Dylan ri…

Radiohead - A Moon Shaped Pool (2016)

Immagine
di Fabio Marco Ferragatta
“C’eravamo tanto amati”. Ma ora basta. I Radiohead sono… cosa sono i Radiohead? Una tra le più innovative band degli ultimi vent’anni? Un fenomeno? Un geyser di hype? Tutto assieme? Forse abbiamo trovato una quadra. E ad ogni disco, da qualche anno a questa parte, la menata è sempre la stessa. Azioni commerciali geniali a furor di popolo con tanto di download gratuiti o quasi (ma che fecero perdere la pazienza anche a Marc Ribot, tanto da dedicar loro, in maniera piuttosto diretta, un brano dei Ceramic Dog intitolato non a caso “Masters of the Internet”), edizioni deluxe da buttarci tutto lo stipendio – il qui presente lo sa bene – e all’alba del 2016, sparizioni dall’internet fino a creare convulsioni a tutti quanti.
Ma se finora il deleterio essere anomali anche in campo di marketing trovava sponda in dischi di una certo spessore oggi non si può dire lo stesso. Almeno io. C’è già chi si straccia le vesti per la bellezza intrinseca di “A Moon Shaped Pool”, n…

50 fatti interessanti su Pink Floyd #4/10

Immagine
16. Pink Floyd also played as The Tea Set in their earlier incarnation. This moniker was settled upon for a while at least after a plethora of name changes, which included: Sigma 6, Meggadeaths, the Abdabs and the Screaming Abdabs, Leonard's Lodgers, and the Spectrum Five.


17. A film of their 1967 Alexandra Palace show - part of the legendary ‘14 Hour Technicolor Dream’ - still survives and is available on DVD. Yoko Ono is there performing an art installation, and John Lennon is captured among the crowd, although at the time the pair had not met.

18. In 1968, Pink Floyd headlined the first ever free gig in Hyde Park with Tyrannosaurus Rex and the Bonzo Dog Doo-Dah Band in support. Not a bad bill... and nada as well!

19. The 1970 album name ‘Atom Heart Mother’ was apparently inspired by a newspaper headline about a woman being fitted with the first ever atomic pacemaker.

20. The cow on Pink Floyd’s ‘Atom Heart Mother’ album had a name too, which was Lulubelle III. Sadly Lulubelle i…

Accadde oggi...

Immagine
1944: Nasce Billy Cobham, batterista e percussionista. Molti si sono sbilanciati definendolo 'il migliore del mondo'.
1946: Nasce Robert Fripp, chitarrista e leader dei King Crimson, uno dei personaggi più intelligenti e autorevoli del rock.
1951: Nasce Jonathan Richman, stimato rocker statunitense.
Fonte

Brian Eno - The Ship (2016)

Immagine
di Mariangela Macocco
Non ha bisogno di particolari presentazioni Brian Eno. Ex componente dei Roxy Music, il suo nome è associato a quello di artisti altrettanto prolifici, sperimentali e brillanti: basti ricordare David Bowie, Robert Fripp, David Byrne e James Blake, fra gli altri. The Ship, suo nuovo lavoro, uscito a fine aprile, arriva quattro anni dopo l’acclamato Lux e appare, sin da un primissimo ascolto, un album estremamente interessante ed elaborato, tanto a livello musicale quanto a livello concettuale. “Wave After Wave After Wave”. E’ così che si chiude The Ship, la prima delle quattro parti che compongono l’album. Lunga più di 20 minuti, è una canzone straniante ispirato dalla tragica vicenda del Titanic (1). Allo stesso tempo minimalista, elegante ma complessa, combina voce e suoni trasportandoci fino alle profondità degli abissi, variando a più riprese prospettiva sonora e impegnando all’ascolto chi si mette alla sua scoperta. Va riascoltato più volte per apprezzare la …

Accadde oggi...

Immagine
1948: Nasce Brian Eno. Dopo aver fatto parte della prima formazione dei Roxy Music, intraprende la propria strada di solista, produttore, artista visivo (le famose "installazioni") e più in generale di venerato intellettuale del rock.
1953: Nasce Mike Oldfield. Grazie al clamoroso successo del suo tema del film "L'esorcista" ("Tubular bells"), nasce l'impero discografico Virgin. Dopo una serie di album meno convincenti, firmerà un nuovo successo negli anni '80, con il disco "Crises" (contenente "Moonlight shadow").
1963: I Rolling Stones firmano con la Decca Records.
1975: L'ultima e più nota line up dei Fleetwood Mac - Mick Fleetwood, John McVie, Christine McVie, Lindsey Buckingham e Stevie Nicks - tiene il suo primo concerto a El Paso.
1977: Procol Harum si esibiscono a New York all'Academy of Music in quello che sarà il loro ultimo concerto.
Fonte

Pink Floyd - The Dark Side Of The Moon (1973)

Immagine
Meddle, uscito nel 1971, indica la strada, soprattutto con Echoes, la suite di 23 minuti che occupa tutto il lato B. Ma per lasciarsi davvero alle spalle Syd Barrett e la sua psichedelia, i Pink Floyd devono prenderla di petto. Lo fa per tutti Roger Waters, che con quel singolo atto diventa capo assoluto della band: i prossimi cinque album avranno tutti testi suoi, le idee saranno sue, cosí come le scelte artistiche piú significative. Alla fine del 1971, in una sala prova di West Hampstead, Londra, i quattro Pink Floyd si ritrovano con un po' di brani ancora da mettere a punto, idee musicali, melodie. Una (Us And Them) l'ha scritta Rick Wright per la colonna sonora di Zabriskie Point, ma non è stata usata, un'altra (si chiamerà Breathe) l'ha composta Waters. Suonano, provano, finché Waters non se ne viene fuori con un'idea, l'Idea: il prossimo album parlerà della follia e dei condizionamenti sociali che rendono folli gli esseri umani. Il denaro, la religione, …

Biffy Clyro – Opposites (2013)

Immagine
Per la del loro sesto album dal titolo “Opposites” uscito sul mercato nel gennaio del 2013, la rock band scozzese Biffy Clyro si affidarono al famoso designer Storm Thorgerson. L’immagine presenta un albero ricurvo che spunta solitario in mezzo al nulla e germoglia delle piccole ossa al posto delle foglie. La band diffuse in rete l’artwork ufficiale della copertina facendola scoprire un pezzo alla volta... furono i 9000 tweet che postarono i fans nell’arco di 12 ore con hasthag ‪#‎biffyopposites‬, a far scoprire l’intera copertina. L’immagine dell’albero piegato e che sembra resistere solo grazie alla forza delle sue radici, fu realizzata da Storm dopo aver ascoltato le storie di ogni componente della band, l’immagine sarebbe la sintesi di ciò che ognuno di loro ha vissuto nella propria vita.

Accadde oggi...

Immagine
1943: Nasce il polistrumentista Jack Bruce, figura onnipresente nel blues rock inglese degli anni sessanta/settanta. L'impresa di maggior lustro: aver dato vita ai Cream con Ginger Baker ed Eric Clapton. Muore il 25 ottobre 2014.
1952: Nasce David Byrne. Leader carismatico dei Talking Heads, decide di scioglierli per intraprendere una carriera da solista e da produttore specializzato in world music.
2015: Muore all'età di 89 anni il bluesman B.B. King. Uno dei grandi del genere.
Fonte

Father and Son - Cat Stevens

Padre e Figlio

Non è il momento di cambiare
Rilassati, prenditela con calma
Sei ancora giovane, questa è la colpa tua
C'è ancora così tanto da imparare
Trovati una ragazza, sistemati
Se vuoi, puoi sposarti
Testo trovato su http://www.testitradotti.it
Guardami, sono vecchio
Ma sono felice
Una volta ero come te ora
E so che non è facile
Restare calmi quando hai trovato
Qualcosa da fare
Ma prenditi il tuo tempo, pensa molto
Penso a tutto quello che hai
Per te il domani sarà ancora qui
Ma i tuoi sogni potrebbero non esserlo
Come posso provare a spiegarti
Quando lo faccio lui si allontana di nuovamente
Ed è sempre stato così
La stessa vecchia storia
Dal momento in cui potevo parlare
Mi fu ordinato di ascoltare
Ora c'è una strada ed io lo so
Che devo scappare
Lo so che devo scappare
Non è il momento di fare un cambiamento
Basta sedersi e prenderla con calma
Sei ancora giovane, ed è questa la tua colpa
Devi passare ancora molto
Trova…

Otis Redding

Immagine
Otis Redding backstage at Hunter College, NYC, January1967

Accadde oggi...

Immagine
1948: Nasce Steve Winwood, enfant prodige della musica inglese. Dopo il grande successo con lo Spencer Davies Group ("Gimme some lovin'") diventa l'anima dei Traffic. Negli anni '80 si propone, con notevole successo, come solista.
1967: Alla Queen Elizabeth Hall di Londra i Pink Floyd tengono il primo concerto quadrifonico della storia.
1968: Alla consegna degli annuali premi tributati dalla rivista New Musical Express Brian Jones si esibisce per l'ultima volta dal vivo con i Rolling Stones.
1972: Esce in Gran Bretagna "Exile on Main St.", album di importanza epocale.
Fonte

Accadde oggi...

Immagine
1941: Nasce Eric Burdon, cantante degli Animals e poi dei War.
1965: Nasce Davide Bernasconi in arte Davide Van De Sfroos. Gran cantautore che predilige esprimersi nel dialetto comasco.
1981: Muore a 36 anni, colpito da un cancro al cervello, Bob Marley, la figura di riferimento della musica giamaicana e indiscusso guru del reggae, genere da lui portato alla notorietà mondiale negli anni '70 con pezzi memorabili come "Exodus", "Jammin'", "Buffalo soldier", "I shot the sheriff" e "Could you be loved".
2003: Muore a 57 anni per cause naturali nella contea di Cork, in Irlanda, Noel Redding, un terzo degli Experience di Jimi Hendrix, di cui fu il bassista pur essendo originariamente un chitarrista.
Fonte

Lou Reed - Transformer (1972)

Immagine
Tra i pochi che hanno amato i Velvet Underground («Ma tutti quelli che comprarono i loro dischi poi formarono una band» noterà Brian Eno), ci sono anche due inglesi che lavorano insieme. Uno viene da Londra, si fa già chiamare David Bowie e ha alle spalle un successo britannico (Space Oddity, Changes) che attende di diventare mondiale. L'altro viene da Hull, nel Nord dell'Inghilterra, si chiama Mick Ronson, ma tutti lo chiamano Ronno, e suona la chitarra da dio. I due hanno visto Lou Reed abbandonare i Velvet Underground (e tornare a casa dai genitori, a lavorare con il padre commercialista) e realizzare un primo disco da solista piuttosto deludente. Nel 1972, quando finalmente è famoso anche negli Usa, dove porta in tour il suo alter ego Ziggy Stardust, Bowie si propone come produttore. Si incontrano a New York, lui e Lou, e l'accordo è immediato: a luglio si mettono al lavoro a Londra, con Bowie pronto a rivestire quel ruolo di mentore che Andy Warhol si era inventato p…

23 grandi canzoni di Neil Young #6

Immagine
Don’t let it bring you down (After the gold rush, 1970)
“Old man”, “full moon”, “the sky”, “down to the river”, le solite cose. Ma una costruzione originalissima, con un solo ritornello finale che si blocca in una pausa da cui si ripete con una nuova dolcezza, rovesciandosi come acqua che trabocca sul resto sulla canzone. E poi c’è questo bel titolo: “Non buttarti giù”.

Accadde oggi...

Immagine
1946: Nasce a Glasgow (Scozia) il cantautore Donovan, maestro del folk rock psichedelico.
1957: Nasce Sid Vicious. Silurato Glen Matlock, Malcolm McLaren lo lancia come bassista dei Sex Pistols - suona malissimo, ma piace al pubblico. Tant'è che la sua misteriosa morte per droga, nel 1979, diventerà apogeo leggendario della parabola del punk.
1960: Nasce Paul Hewson, in arte Bono Vox, cantante degli U2 e (forse) ultimo grande leader carismatico del rock.
2007: I membri originali dei Pink Floyd si riuniscono per la prima volta dal 1980 per fare un concerto tributo, al Barbican Centre di Londra, in memoria di Syd Barrett, ex compagno di band scomparso poco prima.
Fonte

Nothing - Tired of Tomorrow (2016)

Immagine
di Francesco Banci
A prima vista, l’impatto col nuovo full length dei Nothing, ‘Tired Of Tomorrow’, restituisce un violento nichilismo ed un “no future” decisamente punk. Il punto di forza della band di Philadelphia sta proprio nel proporre tematiche quali la negatività della condizione umana, nonché la misantropia, usando però uno stile formale ben lontano dalla rabbia urlata nel microfono unita a chitarre usate come grattugie, muovendosi invece fra territori rock in cui domina il tocco delicato. L’effetto straniante che ne deriva e la qualità della ricerca musicale rendono i Nothing ed il loro nuovo album molto interessanti, e anche piacevoli da ascoltare per un pubblico vasto. La biografia stessa del frontman Domenic Palermo, fra anni di galera e ossa rotte in seguito ad aggressioni, potrebbe far pensare più ad una sorta di GG Allin che non al membro di una band alt-rock a forti tinte shoegaze e post-rock. L’approccio alle tematiche è caratterizzato da un punto di vista esterno, so…

Sei cantautori italiani che ...cantano ancora

Fausto Amodei: Fausto Amodei, per chi non lo sapesse, è stato uno dei protagonisti del movimento "Cantacronache," che per la prima volta in Italia usò la canzone popolare per esprimere contenuti di forte impegno sociale. Negli anni successivi l'autore ha accentuato la sua prospettiva politica, scrivendo molte canzoni di denuncia: la più famosa resta "Per i morti di Reggio Emilia," divenuto un vero e proprio inno delle rivolte studentesche e operaie degli anni sessanta/settanta. Vai al sito

Pierangelo Bertoli: Cantava con naturale fermezza, senza alcuna concessione alle piccole furbizie da palcoscenico, senza cercare complicità. Non forzava il timbro, non voleva fare il nero-bianco anche se si capiva che la musica nera gli piaceva molto. Non aveva modelli di riferimento, era semplicemente se stesso, ma al contempo riusciva ad essere la voce di tanti. Senza fronzoli. E in un'epoca in cui la spettacolarizzazione ci condizionava tutti, il suo rigore insegnava ch…

Accadde oggi...

Immagine
1944: Nasce Richie Furay, membro dei Buffalo Springfield e poi dei Poco.
1949: Nasce Billy Joel, uno dei più influenti cantautori americani degli anni '70. Tra i suoi tanti successi, "Piano man", "Just the way you are", "Uptown girl", "Pressure".
1960: Nasce Gianni Maroccolo, musicista e produttore tra i più valenti degli ultimi trenta e passa anni.
1962: Nasce Paul Heaton, leader degli Housemartins.
1998: Il leader dei Beach Boys Brian Wilson si esibisce per la prima volta in concerto solista a St. Charles (Illinois)
2013: Eric Kitteringham, bassista della prima incarnazione dei Taste, band guidata dall'allora futuro eroe delle sei corde Rory Gallagher (scomparso nel '95) che comprendeva anche il batterista Norman Damery, è morto al Marymount Hospice di Cork, Irlanda, all'età di 66 anni.
Fonte

Matthew And The Atlas - Temple (2016)

Immagine
di Lorenzo Righetto
Era forse inevitabile che il "Bon Iver d'Inghilterra" (etichetta scomoda e brutta, comunque) si unisse agli americani Foreign Fields, nome poco conosciuto se non, appunto, tra chi ha voluto trovare le orme di Vernon nella musica che lo ha seguito. Le interpretazioni espressive di Matthew Hegarty, forse sprovviste del fascino irsuto e della profondità del suo presunto alter ego, trovano così un'ambientazione elettronico-sintetica tipica del duo di Nashville, che avevano già tentato con la loro musica di trascendere le sonorità scarne di "For Emma, Forever Ago". Il risultato, al contrario, contiene in qualche modo la pienezza emotiva, quasi operistica della vocalità di Hegarty (arriva a ricordare l'omonimo in "Glacier"), dandole spazio e colore ("Graveyard Parade").
Forse un espediente un po' facile, in sé, ma non per la musica di Matthew, che trova qui la quadra di un "indie-folk" da classifica, que…

Art Garfunkel

Al momento della separazione da Paul Simon nel 1970, Art Garfunkel (1941) aveva già dimostrato di non curarsi molto degli affari del duo Simon & Garfunkel. Mentre Simon preparava Bridge Over Troubled Water, Garfunkel era infatti in Messico col regista Mike Nichols a girare Cath 22 (Comma 22) e solo in un secondo tempo aveva aggiunto le sue parti vocali. Ancora nel 1971, Garfunkel pare interessato a una carriera in campo cinematografico più che alla musica.
Discografia e Wikipedia

Accadde oggi...

Immagine
1945: Nasce Keith Jarrett, pianista che passa con maestria dal jazz a Bach, e con il notissimo album "The Koln Concert" getta un ponte tra i due mondi.
1970: Viene pubblicato "Let it be", l'ultimo disco ufficiale dei Beatles e loro opera di addio alle scene. Seguiranno un fiume di antologie e raccolte.
1977: Nasce Joe Bonamassa, una delle chitarre più calde del circo musicale.
1984: Esce 'Legend' di Bob Marley. E' il disco reggae più venduto di sempre.
Fonte

Vari - Nuggets: Original Artyfacts From The First Psychedelic Era (1972)

Immagine
Sono passati meno di dieci anni da quando le piú antiche «pepite» scoperte da Lenny Kaye sono state registrate e lui, nelle note di copertina di questa antologia, può già definire « archeologica» la sua ricerca. Il che la dice lunga su che cosa sia accaduto nella fase finale degli anni Sessanta, quando di fatto il rock'n'roll si è reinventato, o forse semplicemente inventato, e quanto queste ventisette tracce suonino aliene, lontane, esotiche alle orecchie di un appassionato dei primi anni Settanta. Appassionato è certamente Lenny Kaye, che da lí a qualche anno sarà il chitarrista di Patti Smith, ma che finora è stato musicista, commesso in un negozio di dischi, giornalista musicale e Collaboratore della casa discografica Elektra. E Jac Holzman, il capo dell'Elektra (l'ha fondata da studente universitario, l'ha venduta nel 1970, continua a dirigerla), che lo incarica di mettere insieme una raccolta di canzoni degli anni Sessanta di gruppi minori. Il concetto è que…

40 copertine di dischi censurate #22

Immagine
The Rolling Stones - Beggars Banquet (1968)

Best of Frank Zappa

Immagine

I luoghi di famose copertine dei dischi #12/12

Immagine
Led Zeppelin “Physical Graffiti”
È un edificio rimasto ancora oggi più o meno identico fra il numero 96 e 98 di St. Mark’s Place, a New York. Gli stessi due edifici si possono vedere anche nel video di “Waiting For A Friend” dei Rolling Stones.

David Bowie - The Rise And Fall Ziggy Stardust And The Spiders From Mars (1972)

Immagine
Gli elementi che portano alla nascita di Ziggy Stardust arrivano uno alla volta. L'incontro con il chitarrista Mick Ronson (1970) è un punto di svolta. Un altro è quello con il nuovo manager, Tony DeFries (1970), che inizia a venderlo (alla casa discografica, ma non solo) come una star prima ancora che lui possa davvero sperare di esserlo. Poi la messa a frutto degli insegnamenti di Andy Warhol, del suo culto per la superficie, e di Lindsay Kemp, del suo gusto per il travestimento camp. Già nel 1968, David Jones, che ora si fa chiamare Bowie, scrive 35 minuti di canzoni sulla storia gloriosa e tragica di una rockstar che finisce per suicidarsi in pubblico. Scompaiono, per riapparire trent'anni dopo, inediti, venduti all'asta. L'anno dopo, ha un certo successo con Space Oddity, la storia dell'astronauta che si perde nello spazio. Tutto è pronto per raccontare la storia della rockstar che venne da Marte per salvarci dalla banalità, venne amato, idolatrato e infine d…

Accadde oggi...

Immagine
1933: Nasce James Brown, uno dei geni musicali della musica nera. Cantante e ballerino inimitabile. Muore il giorno di Natale del 2006.
1955: Nasce Steve Jones, chitarrista dei Sex Pistols. Meno carismatico di Rotten e Vicious, meno musicista di Glen Matlock, ha comunque portato un grande contributo di rumore e aggressività al punk.
1978: Nasce Paul Banks, chitarra e voce degli Interpol.
Fonte

The Burning Hell - Public Library (2016)

Immagine
di Stefano Ferreri
Rieccola la gente, immortalata con sublime senso dell'umorismo e una lucidità degna di un entomologo in quel gioiello di un paio di anni fa, intitolato "People" non a caso. La messa a fuoco del formidabile apparecchio fotografico che è lo storytelling di Mathias Kom oggi sceglie tuttavia di relegarla sullo sfondo, opaca e indistinta, per riprendere a concentrare in via esclusiva il proprio sguardo pungente sull'io e sul noi - intercambiabili a piacimento - di una rock band che da sempre collima fino in fondo con il suo vulcanico deus ex machina. Il folk-cabaret dei Burning Hell ritorna quindi con buona puntualità dopo la parentesi autocelebrativa dello scorso anno, "Live Animals", per quanto nell'accezione più autobiografica e incline al vivace bozzettismo che del collettivo canadese è un po' il marchio di fabbrica. Se le riflessioni restano impregnate di amarezza, l'intonazione nostalgica non ha mai modo di affossarne la pros…

Etichette

Mostra di più