Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2014

Accadde oggi...

Immagine
30 aprile 1983 - Muore nella sua casa in Illinois la leggenda americana del blues Muddy Waters, all’età di 68 anni.
Come descrivere Muddy Waters? Una leggenda. Una pietra miliare della musica moderna. L’uomo che rese celebre il blues elettrico. L’uomo che decise di chiamarsi acque fangose, per ricordare continuamente il delta del Mississipi. L’uomo che con la sua canzone Rollin’ Stones ispirò Richards e Jagger a dare quel nome alla loro band. Che ispirò, con la sua You Need Love i Led Zeppelin a comporre la loro famosa Whole Lotta Love. Procurò a Chuck Berry il suo primo contratto discografico. Convinse Jimi Hendrix a comporre Voodoo Chile (da cui, per una strana vicenda, nacque successivamente la più conosciuta Voodoo Child). Insomma, senza di lui, non so proprio come sarebbe andata. Grazie Muddy.

The Sound of Silence - Simon & Garfunkel

Salve oscurità, mia vecchia amica
ho ripreso a parlarti ancora
perché una visione che fa dolcemente rabbrividire
ha lasciato in me i suoi semi mentre dormivo
e la visione che è stata piantata nel mio cervello
ancora persiste nel suono del silenzio


Nei sogni agitati io camminavo solo
attraverso strade strette e ciottolose
nell’alone della luce dei lampioni
sollevando il bavero contro il freddo e l’umidità
quando i miei occhi furono colpiti dal flash di una luce al neon
che attraversò la notte… e toccò il suono del silenzio


E nella luce pura vidi
migliaia di persone, o forse più
persone che parlavano senza emettere suoni
persone che ascoltavano senza udire
persone che scrivevano canzoni che le voci non avrebbero mai cantato
e nessuno osava, disturbare il suono del silenzio


“Stupidi” io dissi, “voi non sapete
che il silenzio cresce come un cancro
ascoltate le mie parole che io posso insegnarvi,
aggrappatevi alle mie braccia che io posso raggiungervi”
Ma le mie parole caddero come gocce d…

Nico

Immagine

Caravan

I Caravan nascono dalle ceneri dei Wilde Flowers, pietra d'angolo di tutto il Canterbury Sound. Nei Flowers, esistiti dal 1963 al 1967, si alternano in tempi diversi Robert Wyatt, Kevin Ayers, Hugh Hopper, i due fratelli Sinclair, Richard e David, Richard Coughlan e Pye Hastings. Questi ultimi quattro musicisti nel gennaio 1968 formano i Caravan, ottenendo la possibilità di incidere un solo disco con la Verve inglese.
Discografia a Wikipedia

Accadde oggi...

Immagine
24 aprile 1968: un giovane talento si propone all'Apple Records, l'etichetta dei Beatles, ma viene rifiutato. Si fa chiamare David Bowie.

Woody Guthrie - Dust Bowl Ballads (1940)

Immagine
di Silvano Bottaro
Strade polverose di un'America inquieta e povera. Lo spirito dell'hobo con tutta la sua filosofia popolare sempre alla ricerca della giustizia sociale. Le canzoni di Woody Guthrie, classe 1912, sono il viaggio di un emarginato attraverso i drammi della Grande depressione e le rivolte del Midwest. Sono l'eco di un grido sofferto, una ribellione verso quello sviluppo sociale alienante e alienato, così inumano da accantonare e lasciare al proprio destino chi non vale perché non serve. Musicalmente, a differenza di Pete Seeger - altro grandissimo cantore 'impegnato' nell'unire dialetticamente cultura e lotta sociale - il quale si muoveva in un contesto più rigoroso che evidenziava l'approccio storico-tradizionale del ricercatore folk di matrice bianca, Guthrie è stato il filo conduttore che ha ricondotto la 'protest song' nella strategia affidata, la spontaneità colloquiale del 'talking blues' e del 'train time'. Canzoni n…

Black Sabbath - Black Sabbath

Cos'è questa cosa che sta dietro di me?
Una figura in nero che punta su di me
Mi volto rapido e inizio a correre
Scopro di essere il prescelto
Oh no

Una grande forma nera con occhi di fuoco
Rivela alla gente i loro desideri
Satana seduto lì, sorride
Guarda quelle fiamme diventare sempre più alte
OH no, no, ti prego Dio aiutami

È questa la fine, amico mio?
Satana sta arrivando, è dietro la curva
Le persone scappano perché hanno paura
Le persone è meglio che se ne vadano e stiano attente
No, no, ti prego, no

Accadde oggi...

Immagine
19 aprile 1978: esce il 45 giri “Because The Night” interpretato da Patti Smith. Il brano è scritto dalla stessa Smith insieme a Bruce Springsteen e diventerà uno dei singoli più conosciuti di tutti i tempi.

Editors - An End Has a Start

Immagine

Accadde oggi...

Immagine
16 aprile 1971: esce "Brown sugar" dei Rolling Stones. Tempo qualche settimana e dominerà le classifiche: al numero uno nella classifica statunitense e al secondo posto in quella inglese.

Sarah Vaughan

Cantante (1924 - 1990). Deve l'originalità del suo stile vocale all'assidua frequentazione in gioventù dei musicisti bop; cantò tra l'altro con Billy Eckstine, Charlie Parker e Dizzy Gillespie, nell'orchestra di Earl Hines e in quella dello stesso Eckstine a metà degli anni '40. Nella prima versione di Lover Man con Parker e Gillespie a nome di quest'ultimo, si può apprezzare il suo ampio vibrato, modellato sull'esempio di Eckstine e il suo ginnico fraseggio boppistico.
Discografia e Wikipedia

Accadde oggi...

Immagine
15 aprile 2001: Muore Joey Ramone. Vero nome Jeffrey Hyman, fu il primo batterista dei Ramones prima di diventarne il cantante. Era nato a Forest Hills, quartiere Queens di New York, il 19 maggio 1951.

Neil Young - On the beach (1974)

Immagine
di Silvano Bottaro
Se si escludono le estemporanee night-session di Tonight's the night, On the beach è il lavoro più drammatico, triste e doloroso di Young, ma anche quello meno negativo. Neil Young mette a nudo le sue esperienze facendone un punto di forza realizzando sei incubi agghiaccianti, tetri ed impenetrabili e due rifugi malinconici per il cuore. Storie di morte raccontate da chi è sopravvissuto, ricordi vicini e lontani che vengono rivisti con significati rivelatori. On the beach è una introspezione esistenziale con evidenti sottintesi psicoanalitici in un misto di irreale e quotidiano, di bisogno-abbandono, dove per la prima volta Neil Young vive la sua vita e le sue esperienze in prima persona. E' l'impronta esasperata e vera del suo personale modo di intendere il blues: una musica cruda, chitarre sporche e lancinanti, ritmiche squadrate ed essenziali e su tutto la voce cruda di Neil che tesse frenetiche immagini surreali, suonate e interpretate esclusivamente …

Accadde oggi...

Immagine
11 aprile 1961: Al Gerde’s Folk City, localaccio del Greenwich Village, un giovanissimo e ancora sconosciuto cantautore, Robert Allen Zimmerman, fa il suo debutto sul palco aprendo il concerto di John Lee Hooker e cantando "Blowin' In The Wind." Di lì a un anno inciderà il primo disco per la Columbia con lo pseudonimo di Bob Dylan.

Accadde oggi...

Immagine
11 aprile 1992 - I Pearl Jam appaiono per la prima volta sulla tv americana al programma Saturday Night Live a New York.
Era il 1990. Un giovane benzinaio di San Diego entra in possesso di una demo di un giovane gruppo di Seattle, i Mother Love Bone, i quali stanno cercando un cantante per la loro formazione. Eddie Vedder impugna carta e matita e scrive al volo un testo, ispirato alla propria vita. La storia di un ragazzo a cui viene detto dalla madre che quello che lui ha sempre ritenuto essere il suo padre naturale, in realtà è il suo patrigno, poiché il primo morto in un incidente quando lui era tredicenne. Da qui il grido di maledizione: I’m still alive. La canzone era Alive. Col tempo, questo grido ha cambiato il significato per Eddie, grazie anche al pubblico, che nei concerti gridava la maledizione con un significato diverso: quello di speranza.

Accadde oggi...

Immagine
9 aprile 1956: Gene Vincent registra la demo di "Be bop a lula". Diventerà uno dei classici del rock che nel corso del tempo sarà poi reinterpretato da innumerevoli artisti del calibro di Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Beatles, John Lennon, Carl Perkins e Queen.

The Chieftains

Immagine
Non sempre è possibile individuare con precisione il momento in cui un artista, o un gruppo di artisti, valica la linea d'ombra tra l'elité e il mito. Per i Chieftains, uno dei pochi ensemble musicali diventati il simbolo di una nazione, questo coincide con l'uscita e il successo di Barry Lyndon, il capolavoro con cui Kubrick prende atto dell'impossibilità dell'uomo di progredire. Nel 1975 il film al botteghino non fu un successo ma la colonna sonora agì da detonatore sullo spirito di un tempo in cui la musica popolare stava diventando rifugio sicuro per i tanti delusi da un rock che iniziava a dare i segni di una decadenza da Babilonia. Grazie ai Chieftains, il grande pubblico scoprì lo straordinario patrimonio musicale irlandese - qualcosa di molto simile a quello che ha fatto di Tolkien l'alfiere della riscoperta di miti e fiabe celtiche. "Negli anni '50 l'Irlanda era percorsa dalla febbre per il rock'n'roll e farsi vedere in giro con un…

Scusi dov'è il west? #John Mayall

Tre “nostri” musicisti si trasferirono in California a fine anni Sessanta per ri-trovare un’ispirazione che sembrava stesse per scomparire. In pochi anni e con pochi dischi segnarono la storia della musica rock, sprigionando un’energia insperata: Eric Burdon, John Mayall, Van Morrison.
John Mayall è originario di Manchester, dove nacque il 29 novembre del 1943. Il padre era un chitarrista amante del jazz e attraverso di lui conobbe Pinetop Smith, Leadbelly, Sonny Boy Williamson (suo maestro per l’armonica) Muddy Waters. Passò tre anni in Corea per il servizio militare e lì imparò a suonicchiare la chitarra elettrica. Nel 1963 decise di provarci come musicista e partì per Londra dove suonò nei Blues Syndicate e conobbe il batterista Hughie Flint e Alexis Korner. Nel 1963 formò i Bluesbreakers e suonò al Marquee di Londra come cantante, tastierista e armonicista di una band maniacalmente devota al Chicago Blues. Formazione con Bernie Watson alla chitarra, John McVie al basso e Peter War…

Accadde oggi...

Immagine
6 aprile 1968 - Arriva l'annuncio che Syd Barrett, co-fondatore, chitarrista e cantante dei Pink Floyd, lascia ufficialmente il gruppo. 6 Aprile 1968 Era ormai molto tempo che Syd Barrett non era più lo stesso. Non era più lo scrittore di “See Emily Play”, “Astronomy Domine” e in definitiva di tutto l’album “The Piper at The Gates of Dawn”. Il continuo abuso di droghe e la vita psichedelica che viveva aveva già avuto riscontri negativi anche nelle performance live che il gruppo eseguiva. Una prima idea maturata in febbraio dello stesso anno fu quella di sostituire nelle performance live Barret con David Gilmour, compagno di classe di Syd e Waters ai tempi del liceo, lasciando al co-fondatore dei Pink Floyd il compito di scrivere in studio i testi delle canzoni. Ma questa proposta durò poco. In Aprile Syd venne definitivamente sostituito da Gilmour. Ma questo lasciò un segno indelebile nel gruppo, ma soprattutto in Roger Waters. Molti dei testi infatti, implicitamente o esplicitam…

Accadde oggi...

Immagine
5 aprile 1994: si suicida Kurt Cobain, leader dei Nirvana ed icona del grunge. Il corpo viene rinvenuto nella sua casa di Seattle, dove si era sparato un colpo di fucile alla testa.

Samson - Regina Spektor

Immagine
Sansone

Tu sei la mia dolce rovina
ti ho amato per primo, ti ho amato per primo
la mia verità giace sotto i fogli di carta
devo andare, devo andare
i tuoi capelli erano lunghi la prima volta che ci siamo incontrati

Sansone tornò a letto
pochi capelli rimasti sulla sua testa
mangiò una fetta di meraviglioso pane e tornò dritto a letto
e i libri di storia ci hanno dimenticato e la Bibbia non ci ha menzionato
e la Bibbia non ci ha menzionato neanche una volta

Tu sei la mia dolce rovina
ti ho amato per primo, ti ho amato per primo
sotto le stelle cadenti arrivarono sulle nostre teste
ma sono solo vecchie luci, sono solo vecchie luci
i tuoi capelli erano lunghi la prima volta che ci siamo incontrati

Sansone venne al mio letto
disse che i miei capelli erano rossi
disse che ero meravigliosa ed entrò nel mio letto

Oh tagliai i suoi capelli da sola una notte
un paio di forbici sorde in una luce gialla
mi disse che avevo fatto la cosa giusta
e mi baciò fino alla luce del mattino
la luce del mattino
e mi baciò fino al…

Accadde oggi...

Immagine
4 aprile 1987 - Gli U2 fanno il loro ingresso nella classifica americana dei dischi più venduti con The Joshua Tree, entrando direttamente alla posizione numero 7, la posizione di entrata più alta nella classifica americana degli album per i seguenti 7 anni.
The Joshua Tree è l’album che ha consacrato definitivamente gli U2 come una delle migliori rock band di sempre. Dell’album, a mio parere ,la canzone più bella rimane Where the streets have no name, che inizialmente voleva essere scartata dal produttore, Brian Eno, ma che alla fine, grazie all’insistenza e alla produzione di Steve Lillywhite, venne inserita nell’album.
Sono state date diverse identificazioni al luogo descritto dalla canzone, “dove le strade non hanno nome”: c’è chi lo attribuisce al deserto Mohave, in California, dove si trova il Joshua Tree; c’è chi lo identifica con l’Etiopia, dove appunto le strade non hanno nome, ma numeri. Ma la vera spiegazione data direttamente da Bono è che la band si riferisce all’Irlanda…

Accadde oggi...

Immagine
3 aprile 1964 - Bob Dylan entra per la prima volta nella UK singles chart con “The Times They Are A-changin’”.
Una delle canzoni che per prima mi fece avvicinare all’Ebreo errante, parla di un cambiamento imminente, radicale, cui tutti, dal politico allo scrittore, dalla madre al padre, devono stare davanti, accettarlo, oppure “affondare come una pietra”. Forse una delle canzoni più adatte al periodo che stiamo vivendo.
Nel 1985 Dylan commentò la sua canzone dicendo: “Questa è una canzone con uno scopo. Volevo scrivere un inno, qualcosa che raccontasse davvero quello che stava succedendo, con versi brevi e chiari, che si sommassero uno all’altro in maniera ipnotica”.

Nina Simone

Immagine

Accadde oggi...

Immagine
2 aprile 1967: a Birmingham Steve Winwood, Jim Capaldi, Chris Wood e Dave Mason decidono di fondare i Traffic, band fondamentale a cavallo tra Sessanta e Settanta.

Accadde oggi...

Immagine
1 aprile 1966 - The Troggs registrano negli Pye Studio in Marble Arch a Londra la canzone Wild Thing, con nel ruolo di produttore Larry Page e con la presenza di Mick Jagger, come osservatore della band. the troggs 2
La canzone, scritta nel 1965 da Chip Taylor (zio di Angelina Jolie) e basata su soli tre accordi (la leggenda vuole che la canzone presenta molte pause dovute allo stato di ubriacatezza in cui Chip versava mentre cercava di comporre il brano) , per i Wild Ones, ebbe successo nella versione dei The Troggs, rock band inglese nata ad Andover, sud dell’Inghilterra, raggiungendo in Luglio la posizione n° 1 in USA e n°2 in UK nella Billboard 100 chart. È dovere puntualizzare che queste due posizioni vennero raggiunte, oltre per la bellezza del brano, anche grazie al malinteso che fece si che la canzone venne pubblicata da due etichette discografiche diverse (Atco e Fontana) e che la Billboard (poiché venivano dallo stesso master) sommò le vendite di entrambe le case discografi…

Captain Beefheart

Don Van Vliet (1941 - 2010), originario di Glendale in California, frequenta le scuole superiori a Lancaster dove si distingue per una naturale predisposizione verso le attività artistiche, pittura e scultura. Alla stessa scuola incontra Frank Zappa, all'epoca produttore di film di basso costo.
Discografia e Wikipedia

Etichette

Mostra di più