Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2018

Mavis Staples - We'll never turn back (2007)

Immagine
di Silvano Bottaro
E’ un doppio filo quello che percorre questo ottimo disco.
Il primo è quello di Mavis Staples: il gospel, il soul, la lotta, Dr. King (Martin Luther King) e la sua splendida voce.
Il secondo è quello di Ry Cooder: la produzione, il suo talento, la sua musica e il suo essere straordinario.
L’unione di questi due “fili” che tra loro si intrecciano, come la trama e l’ordito, formano un tappeto sonoro unico e inimitabile. Questo “tappeto sonoro” provoca e trasmette dei segnali che vanno a stimolare anche quelle “zone” più latenti del nostro cervello, creando così nuove sensazioni, nuove emozioni, che credevamo perdute.
Mavis Staples è una cantante di colore di 67 anni, è una leggenda del gospel. Possiede una delle voci più belle della musica soul, una delle voci più preziose della musica contemporanea. E’ stata cantante solista per tantissimi anni negli Staple Singer assieme al padre Roebuck Pops.
Incide questo, che probabilmente, è il più bel disco della sua carriera. Lo …

Top Ten 2018 #1

Immagine
Jonathan Wilson - Rare Birds

Duke Ellington

Immagine
Duke Ellington, Paris, 1958. Herman Leonard. Gelatin silver

Top Ten 2018 #2

Immagine
Femi Kuti - One people, one world

Top Ten 2018 #3

Immagine
Sidi Tourè - Toubalbero

Blind Melon - Three Is a Magic Number

Immagine

Top Ten 2018 #4

Immagine
Nathaniel Rateliff e The Night Sweats – Tearing At The Seams

Top Ten 2018 #5

Immagine
Bombino - Deran

Classifica 2018

Immagine
1) Jonathan Wilson - Rare Birds - Leggi
2) Femi Kuti - One people, one world - Leggi
3) Sidi Tourè - Toubalbero - Leggi
4) Nathaniel Rateliff e The Night Sweats – Tearing At The Seams - Leggi
5) Bombino - Deran - Leggi
6) Marianne Faithfull – Negative Capability - Leggi
7) Ben Howard – Noonday Dream - Leggi
8) Glen Hansard - Between Two Shores - Leggi
9) Alejandro Escovedo – The Crossing - Leggi
10) John Mellencamp – Other People’s Stuff - Leggi
11) Van Morrison – The Prophet Speaks - Leggi
12) Dave Matthews Band – Come Tomorrow - Leggi
13) Maisha – There Is A Place - Leggi
14) Van Morrison And Joey Defrancesco – You’re Driving Me Crazy - Leggi
15) Elvis Costello and The Imposters – Look Now - Leggi
16) Rosanne Cash – She Remembers Everything - Leggi
17) Ry Cooder - The Prodigal Son - Leggi
18) Ovlov – Tru - Leggi
19) Tom Rush – Voices - Leggi
20) John Prine – The Tree Of Forgiveness - Leggi
21) Old Crow Medicine Show – Volunteer - Leggi
22) Lanco – Hallelujah Nights - Leggi
23) Kurt Vil…

Top Ten 2018 #6

Immagine
Marianne Faithfull – Negative Capability

Top Ten 2018 #7

Immagine
Ben Howard – Noonday Dream

David Bowie - Aladdin Sane (1973)

Immagine
La foto sulla copertina dell'album "Aladdin Sane" del cantautore britannico David Bowie pubblicato il 13 aprile del 1973, è opera del fotografo inglese Brian Duffy, uno dei 100 fotografi professionisti più influenti di tutti i tempi, con la collaborazione del make-up artist Pierre Laroche. La foto fu scattata a gennaio del 1973 ed è la più celebre immagine di Bowie nella quale venne ritratto in un primo piano a torso nudo, con una strana goccia poggiata sulla scapola sinistra, i capelli rossi, gli occhi socchiusi e sul viso disegnato l'iconico fulmine rosso e blu. Il manager dell'artista, Tony Defries, talmente soddisfatto del risultato, decise di rendere ancora più brillanti i colori insistendo con la RCA di riprodurre la copertina con un inedito sistema a sette colori che richiedeva l’intervento di una tipografia di Zurigo. In Italia, al fine di anticipare al massimo l'uscita dell'album la RCA decise di distribuire la prima tiratura con una copertina p…

Top Ten 2018 #8

Immagine
Glen Hansard - Between Two Shores

Top Ten 2018 #9

Immagine
Alejandro Escovedo – The Crossing

John Mellencamp – Other People’s Stuff (2018)

Immagine
di Fabio Cerbone 
John Mellencamp alle prese con il canone americano, questo potrebbe essere il sunto di Other People's Stuff. Il canone è quello delle radici folk e blues, l'anima della tradizione che soffia da sempre sulle stesse ballate di John e su un percorso artistico che, soprattutto in anni recenti, si è fatto più convintamente fedele a quello che Mellencamp stesso chiama "The Great American Songbook", un filo rosso che da Woody Guthrie e passando per Dylan e Springsteen arriva a bussare alla sua porta. Peccato però che non si tratti affatto di una novità discografica, semmai di una provvisoria, superflua raccolta di cover che pesca fra materiale già edito (e ben noto ai suoi estimatori), rarità sparse (ma non indispensabili) negli anni, fra tributi e documentari, e una sola vera registrazione inedita, la riproposizione di quella Eyes on the Prize che fece bella mostra nel 2010 alla Casa Bianca, durante le celebrazioni per il movimento dei Diritti Civili.
La…

Top Ten 2018 #10

Immagine
John Mellencamp – Other People’s Stuff

Al Kooper

Eclettico e influente musicista, soprattutto lungo tutti i '60. Al Kooper (1944) inizia appena tredicenne come membro dei Royal Teens, la cui Short Short arriva nei Top 10 USA. Lasciato il gruppo si fa notare come sessionman, tecnico del suono e autore. Nel 1965 la sua This Diamond Ring, affidata a Gary Lewis & The Palyboys giunge fino al primo posto e grande successo.
Discografia e Wikipedia

Van Morrison – The Prophet Speaks (2018)

Immagine
di Paolo Panzeri
Van Morrison non molla di un centimetro e non si ferma più. Solo sei mesi fa aveva pubblicato “You’re Driving Me Crazy”, con il supporto dell’organista jazz Joey De Francesco. Sei mesi fa, però, erano sei mesi fa, era il passato. Ora, prima della fine dell’anno, è in arrivo il suo secondo disco del 2018, “The Prophet Speaks”. Due sono anche gli album che aveva pubblicato nel 2017. Uno ne uscì nel 2016 e un altro ancora nel 2015. Non sappiamo cosa sia scattato nel cuore e nella testa del leone di Belfast – se poi è scattato qualcosa - da portarlo a tenere questo notevole ritmo di pubblicazione. Ad onor del vero, Van è sempre stato musicista prolifico e la sua discografia lo testimonia. Vero anche che questi suoi ultimi album non sono composti interamente da brani inediti, bensì, in buona parte, dalle sue versioni di canzoni scritte e interpretate in precedenza da altri. Una formula che oltre a ridurre l’impegno di scrivere e proporre nuovi brani possiede il pregio di p…

L'uomo che ha fatto conoscere il blues al mondo: Alan Lomax

Immagine
Durante un’esibizione in Virginia del 1997, Bob Dylan rese omaggio a un uomo presente fra il pubblico, praticamente sconosciuto al resto degli astanti:
"C’è un distinto gentiluomo qui, fra voi… voglio presentarvelo, si chiama Alan Lomax. Non so quanti di voi abbiano sentito parlare di lui. È qui, ha fatto un viaggio per venirmi a trovare. Ci frequentavamo anni fa. Ho imparato molto, allora, e Alan… è stato uno di quelli che ha rivelato i segreti di questo genere di musica. Perciò, se c’è qualcuno che dobbiamo ringraziare, è lui. Grazie, Alan."
Il “genere di musica” di cui parlava Bob Dylan—il cui idolo Woody Guthrie divenne celebre proprio grazie a Lomax—è, in senso ampio, il “folk” americano. E senza Alan Lomax, secondo l’opinione di Brian Eno, “è probabile che non ci sarebbero stati l’esplosione del blues e dell’R&B, né i Beatles né gli Stones né i Velvet Underground” di Lou Reed, Nico e Warhol. Un’opinione sensata: Lomax è stato uno dei più grandi etnomusicologi del X…

Arthur “Art” Blakey

Immagine
Francis Wolff Art Blakey’s A Night In Tunisia session, August 7, 1960. Arthur “Art” Blakey (October 11, 1919 – October 16, 1990) Gelatin silver print

Sonny Rollins - Saxophone Colossus (1956)

Immagine
Max Gordon, il leggendario proprietario del Village Vanguard, uno dei jazz club più famosi del mondo, ne ha visti passare di giganti del jazz. E di Sonny Rollins scrisse: “i critici e gli appassionati hanno pareri molto discordi sulla bravura di alcuni musicisti jazz, ma non su Sonny Rollins. Lui è il più grande, il più grande sax tenore della sua generazione”. In effetti siamo di fronte ad una delle parabole artistiche più luminose della storia del jazz, e di uno degli ultimi giganti ancora viventi.  Theodor Walter Rollins nasce a New York nel 1930, da una famiglia di origini caraibiche. Si appassiona subito al sassofono, e la sua adolescenza si forma con i più grandi maestri, negli anni del Bop. Fa una gavetta, per ogni appassionato un percorso dei sogni, con divinità come Miles Davis, Thelonious Monk, Bud Powell, Max Roach… persino Charlie Parker. Inizia a suonare il sax imitando altri giganti, soprattutto Parker e Dexter Gordon. Con The Bird suona il sax tenore, pur di accompagn…

Dead Eyes - Adia Victoria

Immagine
di Claudio Todesco

Beyond the Bloodhounds - Adia Victoria
Disco che gira attorno al concetto d’identità. Adia Victoria è una figlia del Sud. Ora vive a Nashville, ma mamma (di Philadelphia) e papà (di Trinidad) l’hanno cresciuta in South Carolina secondo i precetti della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno col risultato che ora lei canta cose tipo: «I don’t know nothing about Southern belles, but I can tell you something about Southern hell». Qualcuno ha descritto la sua musica come blues gotico, Vogue l’ha inclusa fra le «bellezze che rispondono al grido di battaglia dell’afropunk», qualunque cosa significhi. Ama leggere Flannery O’Connor e Toni Morrison e intanto prende il rock-blues e lo sovverte con energia da garage rocker per scrivere canzoni in cui dice addio alla confusione dei suoi vent’anni. Usa fraseggi originali per cantare di crisi esistenziali e amori conflittuali, raccontare cosa si prova a sentirsi intrappolata, fare l’elenco delle cose che la madre non le ha…

Willy De Ville - Miracle (1987)

Immagine
di Silvano Bottaro
E’ un periodo di cambiamenti questo per De Ville che di nome fa Williams Borsos classe 1950, prima con il suo gruppo si faceva chiamare “Mink De Ville”, adesso si è messo da solo, e si fa chiamare Willy.
Il suo però non è un cambiamento solo di nome e quindi di facciata, ma anche musicale. Ha abbandonato il gruppo e quindi strumentalmente il sax e i fiati, aprendosi verso suoni e atmosfere latine, facendosi influenzare da Van Morrison, Lou Reed e Dire Straits.
I musicisti che accompagnano Willy in quest'avventura sonora sono di prim’ordine: Chet Atkins chitarrista e produttore di gente del calibro di Roy Orbison, i Chieftains, Ray Charles e niente meno di Elvis Presley, Jeff Porcaro batterista di grande classe, dai due Dire Straits, Guy Fletcher tastierista e Mark Knopfler chitarrista e in questo caso anche produttore.
Miracle è un gran bel disco, De Ville tuffandosi nelle sue sopraddette e predilette sonorità latine riesce ad esprimere il suo gran talento compo…

Mark Knopfler - Privateering (2012)

Immagine
L'immagine sulla copertina del settimo album del chitarrista britannico Mark Knopfler dal titolo "Privateering" pubblicato nel 2012, è opera del fotografo Johnnie Pilkington. La foto ritrae un furgone malconcio in mezzo a vecchi pneumatici e un cane randagio in cerca di cibo sotto un cielo cupo. La scelta di questa immagine ha una valenza molto autobiografica per l'artista dovuta al fatto che agli inizi della carriera chi avesse un furgoncino aveva maggiori possibilità di entrare a far parte di un gruppo musicale. Questo mezzo è stato un vero e proprio elemento essenziale nella formazione musicale dello stesso Knoplfer e per questo i veicoli della band hanno avuto sempre un posto speciale nel suo cuore.

Josephine Foster – Faithful Fairy Harmony (2018)

Immagine
di Fabrizio Zampighi
Josephine Foster è probabilmente una delle musiciste folk più virtuose che si possano ascoltare oggi, per lo meno dal punto di vista vocale. Un timbro unico il suo (certi acuti ci fanno addirittura venire in mente le frequenze che raggiunge uno strumento come il theremin), che ha consentito alla musicista, negli anni, di frequentare affascinanti anticaglie gitane e andaluse o magari la tradizione di Nashville, componimenti poetici rubati alla letteratura e pre-war folk. Una voce che si comporta un po’ come un antiquario appassionato e competente, colto a rimettere a nuovo il materiale su cui opera grazie a una grande eleganza frutto del mestiere e a quelle inflorescenze così vecchio stile ma al tempo stesso personalissime del cantato.
La raccolta di«preghiere rituali, lamenti blues, inni vestali e gioiose benedizioni» Faithful Fairy Harmony, in questo senso, non fa eccezione. Anzi, è uno dei dischi-manifesto più eloquenti dello stile di Foster, sviluppato in 18 br…

The Kinks

I Kinks si formano nel 1963 a Muswell Hill sobborgo settentrionale di Londra. I fratelli Davies, Raymond Douglas (1944) e Dave (1947) e il bassista Peter Quaife (1943) hanno suonato al principio dei '60 in piccoli gruppi locali quali i Ramrods e i Ravens e accompagnato il cantante Robert Wace che diventerà poi loro manager.
Discografia e Wikipedia

Paolo Conte, guida per principianti

Immagine
Paolo Conte è uno dei cantautori più originali del panorama italiano, e pur non avendo mai raggiunto le vette di notorietà e successo di altri artisti nel nostro paese—a causa del genere che ha sviluppato, il jazz, e della complessità dei suoi testi—rimane uno dei musicisti italiani più apprezzati all’estero.
La vita
Paolo Conte nasce ad Asti, nel 1937, da Luigi, un notaio con una grande passione per la musica e Carlotta. Durante il periodo del fascismo il padre, nonostante le severe restrizioni del regime nell’importazione di prodotti culturali di origine americana, acquista una serie di dischi jazz provenienti dagli Stati Uniti, e influenza così i gusti musicali del figlio, che nel frattempo sta apprendendo i rudimenti del pianoforte. L’infanzia dell’artista, quindi, è segnata da questo grande ascendente musicale paterno e dal mito dell’epoca d’oro del jazz statunitense.
Subito dopo essersi laureato in giurisprudenza, Conte entra come assistente nello studio del padre, ma parallela…

Elton John - Goodbye Yellow Brick Road (1973)

Immagine
Reginald Dwight forse non vi dirà nulla, ma è il vero nome di uno dei più grandi artisti della musica di sempre. Lo cambierà quando, giovanissimo, si unì ad un gruppo, i Bluesology, che accompagnavano in Inghilterra i grandi artisti del blues e del jazz americani. Reginald cambia il suo nome di in Elton John in omaggio a Elton Dean, grande sassofonista britannico, e Long John Baldry, uno dei padri del british blues. Inizia così una carriera cinquantennale, che sta per concludersi con un farewell tour in corso. Eppure gli inizi sono tutt'altro che folgoranti, dato che viene ingaggiato per la Dick James Music, notissima casa editrice musicale londinese, a dieci sterline a settimana, scrivendo piccole hit, jingle, anche successi di classifica. Lì incontra Bernie Taupin, paroliere raffinato, delicato e sensibile. Inizia così un duo tra i più grandi e prolifici di sempre. C’è voglia di provarci, ma Empy Sky (1969), prodotto dalla DJM (che manterrà parte dei diritti fino al 1975, facen…

Jerry Lee Lewis

Immagine

Patti Smith - Twelve (2007)

Immagine
di Silvano Bottaro
La nostra sessantunenne Patti Smith non sente i segni del tempo, e ci regala questo bel disco di cover.
E' facile pensare che un disco di cover sia un disco di comodo, un'uscita obbligata da contratti discografici, il riempire un vuoto creativo, insomma tutto fuorché un'opera vera e propria. No, niente di tutto questo. questo è un disco puramente voluto e sentito dalla nostra. Patti Smith ha sempre amato rifare brani di altri autori, nella sua carriera ne ha inciso abbastanza, con le canzoni degli altri riesce a dare il meglio di se, riesce a plasmarli come fossero opere sue. Per il titolo del disco non ha passato notti insonni, si chiama Twelve, dodici, come il numero delle canzoni incise. Sull'interpretazione invece, l'ex sacerdotessa punk ha fatto molto, cercando di ricreare e far sue alcune perle della storia del rock. Queste dodici canzoni ci accompagnano per un'ora di musica piacevole, molto godibile. Un cd che sono convinto confidenzierà p…

Roadkill Ghost Choir - Beggars' Guild

Immagine

Edoardo Bennato - Sono Solo Canzonette (1980)

Immagine
Nell’ultimo post di questa rubrica, ho indicato Ivan Graziani e il protagonista di oggi come i due simboli della rinascita del rock italiano negli anni’70. Con una sostanziale differenza: Edoardo Bennato a cavallo dei due decenni ‘70-’80 diventerà uno dei cantanti più famosi e di successo della musica del nostro paese. Nato a Napoli nel 1949, giovanissimo inizia ad amare il rock americano portato in città dai militari americani. Con i due fratelli, Eugenio (che diventerà colonna portante della Nuova Compagnia Di Canto Popolare e poi maestro della musica folk tradizionale) e Giorgio, si esibisce nel locali a nome Trio Bennato. Dopo il diploma al liceo artistico, va a Milano per studiare architettura. Incide un 45 giri, Le Ombre, ma quelli sono anni di gavetta, passati anche a suonare da busker con chitarra, armonica, kazoo nelle metropolitane di mezza Europa. Incide brani per Bruno Lauzi, Formula 3 e la Numero Uno, l’etichetta di Mogol e Battisti gli fa incidere un disco nel 1973, No…

The National - Boxer (2007)

Immagine
Il giorno del matrimonio di Peter Katis era chiaro che tutti i membri della band statunitense "The National" erano tra gli invitati, essendo lui produttore della band stessa oltre che amico di lunga data. L'immagine utilizzata a rappresentare la copertina dell'album "Boxer" uscito sul mercato il 22 maggio 2007, fu una foto scattata proprio durante quel giorno mentre la band eseguiva il brano "The Geese of Beverly Road " presente nel loro precedente lavoro dal titolo "Alligator" del 2005.

King Crimson

Le origini dei King Crimson, formazione principe del rock progressivo britannico, sono quantomai precise. Si conosce infatti la data esatta, annotata da Robert Fripp (1946) chitarrista, fondatore, mente e anima della formazione: 13 gennaio 1969.
Discografia e Wikipedia

Jimi Hendrix - Jimi Plays Monterey (1986)

Immagine
Da pochi giorni a Genova si è aperta una mostra evento su Niccolò Paganini, dal titolo Paganini Rockstar. Il mago del violino infatti, cito dalla locandina della mostra “è stato una vera e propria rockstar, in tempi in cui il rock neppure esisteva. È il musicista del passato che più di tutti si può accostare, senza esitazioni, alle stelle del rock della nostra epoca: Jimi Hendrix, fra tutte. C’è un prima e dopo Hendrix nella storia della chitarra, e c’è stato un prima e un dopo Paganini nella storia del violino: il rapporto con lo strumento, il virtuosismo, le spettacolari performances in pubblico, i concerti affollati, sono solo alcune delle affinità tra i due, che in tempi diversi e con la stessa straordinaria potenza hanno rivoluzionato la musica”. Il paragone non è affatto ardito, perchè se c’è una costante nelle opinabili classifiche sul Rock è che Jimi Hendrix è stato il più grande chitarrista di tutti i tempi.  Jimi Hendrix arriva al successo non più giovanissimo, dopo una gav…

Jaco Pastorius, il musicista che ha cambiato il modo di suonare il basso

Immagine
"Mi chiamo John Francis Anthony Pastorius III e sono il più grande bassista del mondo."
Così si era presentato a Joe Zawinul, per convincerlo a prenderlo nella sua band. Non è difficile ammettere che quel ragazzo, sicuramente arrogante e sicuro di sé, avesse un po’ di ragione.
Jaco” ha rivoluzionato il modo di suonare il basso. Così come Jimi Hendrix ha fatto con la chitarra. Lo stesso Zawinul avrebbe poi dichiarato:
"C’era della magia in lui, lo stesso tipo di magia che c’era in Jimi… Cominciammo a fare il tutto esaurito nelle grandi sale da concerto, ovunque andassimo."
La musica: un vizio di famiglia Nato nel 1951 a Norristwon, una piccola città in Pennsylvania, Jaco viene da una famiglia di musicisti. Il nonno e il padre sono due batteristi. Quest’ultimo porta spesso i figli a sentirlo suonare nei locali. Incoraggiandoli anche a salire sul palco. Jaco lo fa volentieri. Quando i genitori si separano, rimane legato al padre, sia da un punto di vista affettivo ch…

Etichette

Mostra di più