Post

Le Luci Della Centrale Elettrica - Costellazioni (2014)

Immagine
Per il quarto album de Le Luci Della Centrale Elettrica, progetto musicale del cantautore ferrarese Vasco Brondi uscito sul mercato il 4 marzo 2014, troviamo un'opera dell'artista e illustratore Italiano Gianluigi Toccafondo. Vasco Brondi ha raccontato così l'opera realizzata per il suo nuovo album " Una ragazza che sembra una Madonna ma con il rossetto. Una Madonna contemporanea che aspetta e chissà che lavoro fa. Aspetta con gli occhi chiusi, aspetta un bacio oppure fa finta di dormire o chiude gli occhi per non vedere oppure chiude gli occhi per non essere vista come fanno i bambini, come a volte facciamo tutti. Dietro di lei la notte è rosa e blu elettrico. Una ragazza che assomiglia ad una nazione. È protettiva e distratta, pensa soprattutto a se stessa, è bellissima".

Salif Keita

In molti paesi africani essee albino è uno stigma pressoché incancellabile. Salif Keita (1949) è stato marchiato per questo "handicap" fin dall'infanzia passata a Djoliba, villaggio a ovest di Bamako, a poca distanza dal cuore dell'antico impero mandingo. La tradizione vuole che le sue origini nobili gli impediscano di diventare cantante.
Discografia e Wikipedia

Susanne Sundfør - The Brothel

Immagine

Chet Baker

Immagine
Edward van der Elsken (1925 - 1990) Untitled / Jazz, late 50s Gelatin silver prints

Kraftwerk, Guida per principianti

Immagine
I Kraftwerk si possono paragonare ai Beatles, senza offendere nessuno. Sono stati i pionieri della musica elettronica. Associati principalmente al synth-pop e al krautrock la “Centrale elettrica” (questa è la traduzione in italiano della band) ha indicato la strada a tantissimi artisti successivi. Come i quattro di Liverpool nel pop. Difficile pensare a gruppi come i Depeche Mode o i Devo senza i Kraftwerk.
I Kraftwerk non erano certo musicisti improvvisati. Avevano seguito i corsi a Dusseldorf di Stockhausen. Due dei fondatori si erano conosciuti proprio al conservatorio della città. Florian e Ralf.
Nel 1970 pubblicano il primo album, anche se il nome del gruppo era un altro: Organisation. Il LP si intitola Tone Float. Oggi è un gioiello introvabile e indispensabile per conoscere la genesi dei futuri Kraftwerk.


Il cui esordio, omonimo, sarà l’anno dopo. Cominciano i primi aggiustamenti alla formazione. Che di lì a poco troverà una stabilità: Ralf Hütter, Florian Schneider, Karl Bartos e…

PJ Harvey - Silence

Immagine

Nick Cave & Grinderman - Omonimo (2007)

Immagine
di Silvano Bottaro
Grinderman è un progetto, e come tale ha una sua precisa identità. I brani che compongono l’album hanno la peculiarità di essere “essenziali”, scarni, meno arrangiati del Cave che conosciamo degli ultimi anni, infatti ci riportano il “nostro” agli esordi, anche se in forma più morbida. I Grinderman, oltre a Cave alla voce, chitarra e piano sono: Warren Ellis al violino e chitarra acustica, Jim Sclavunos batteria e percussioni, Martyn Casey al basso. I disco spazia in tre momenti particolari; quello della TENSIONE ELETTRICA come la rabbiosa Get it on, la stridente Honey bee, la potente Love bomb, la essenziale Title track, per finire con la nevrotica e punk No pussy blues. Quello del BUIO TORMENTO come la psicadelica Elettric Alice, dell’oscura Don’t set me free, della seducente Decoration day, della decadente Go tell the women. Quello DOLCE RILASSATO come la lirica Rise, la poetica Man on the moon solo voce e piano, la superba Vortex, per finire con l’eccezionale e roma…

The Darkness - Hot Cakes (2012)

Immagine
Autore del dipinto presente sulla copertina del terzo album in studio della hard rock band britannica The Darkness pubblicato il 20 agosto 2012 fu l'artista argentino Diego Gravinese, famoso per i suoi quadri iperrealistici basati sulla rielaborazione di fotografie scattate su soggetti reali. L'idea di questa copertina fu di Thom Lessner, un amico della band, mentre a lavorare sugli oggetti di scena fu l'agenzia londinese Tourist. L'immagine rappresenta tre ragazze ricoperte di caramello in bikini su dei pancakes giganti, dopo lo scatto fotografico a Gravinese spettò il compito di trasformare il tutto in un dipinto artistico.

Fabrizio De Andrè - Creuza De Mà (1984)

Immagine
di Silvano Bottaro
Prefazione.
Disco considerato come uno dei massimi capolavori non solo della musica italiana, ma della musica tutta. Attribuire questo disco a De Andrè è un po’ limitativo visto che l’apporto musicale di Pagani è non solo determinante ma in egual misura direi anche “sonoramente marcante”. In questi ventidueanni dall’uscita del disco, ammetto di averlo ascoltato fino quasi alla nausea (che non mi è mai venuta), assaporandolo in ogni sua minima sfumatura, nei suoni e nei testi, cercando di cogliere il significato più profondo che i due musicisti hanno voluto esprimere. Proprio per questo l'articolo è più lungo e dettagliato.

Il disco
Un disco italiano ma non in italiano, anzi in genovese antico. L'album infatti nasce dall'incontro tra De Andrè e Mario Pagani, uno dei maggiori musicisti italiani. L'idea è stata quella di concepire un album "mediterraneo" nell'origine, andando a pescare in giro per il bacino del nostro mare gli strumenti che le…

Janis Joplin

Janis Joplin (1943 - 1970) nasce a Porth Arthur, una piccola città del profondo sud texano. Personaggio ribelle e inquieto trascorre gli anni della giovinezza con la musica di Bessie Smith e Leadbelly, dedicandosi con eguale metodo alla musica e all'alcol. A diciotto anni viene ricoverata in ospedale per infezione al fegato.
Discografia e Wikipedia

Etichette

Mostra di più