Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2015

Robert Johnson - King Of The Delta Blues Singer (1961)

Immagine
Nel 1961 arrivano sui giradischi la voce e la chitarra di uomo morto da 25 anni. Un chitarrista e cantante blues che pochi ricordano, e che non si è abituati a considerare un maestro. Da vivo, nei 27 anni della sua esistenza, Robert Johnson non era stato un mito. Lo diventerà dopo la morte, soprattutto grazie ai musicisti bianchi (e in larga parte inglesi) che identificano in lui il leggendario suono del blues del Delta del Mississippi. Robert Johnson è un fantasma: oltre ai 29 blues registrati tra il 1936 e il 1937, su di lui non v'e certezza alcuna. Pare fosse figlio illegittimo, probabilmente nato nel 1911, di una tale Julia Major, sposata con un Charles Dodds che rifiuterà per sempre di riconciliarsi con la moglie, anche se riprenderà con sé il figlio. Si dice che abbia imparato a suonare la chitarra grazie a uno dei fratellastri e si racconta che da ragazzino pedante e sgraziato all'improvviso si sia trasformato in musicista sorprendentemente dotato. La leggenda - incora…

Prince

Immagine

José González - Vestiges & Claws (2015)

Immagine
di Enrico Stradi
La densità mediatica dei nostri anni, durante i quali qualsiasi cosa deve uscire dall’ordinario per ottenere spazio attentivo, visibilità e approvazione, sta mostrando già da tempo i suoi lati negativi: dal mio punto di vista personale, in cima alle nefaste conseguenze della bulimia musicale, c’è che non badiamo più a tutti quei dischi che rifiutano già a priori il meccanismo dell’esaltazione e della gara a chi ci appiccica sopra il numero più alto di punti esclamativi. Dischi che in maniera più sintetica potremmo definire come “normali”, se l’aggettivo, per i motivi scritti sopra, non avesse un’accezione ormai irrimediabilmente negativa.
L’ultimo disco di José González è uno di quei dischi. Il che d’altronde non è nemmeno una novità: già le cover degli esordi (Joy Division, The Knife, Massive Attack tra le meglio riuscite), il primo disco solista “Our Nature” e i successivi due album con i Junip (“Fields” del 2010 e “Junip” del 2013) erano prodotti di indiscutibile f…

Yoko Ono and John Lennon, Rolling Stone, 1981

Immagine
Le 101 copertine di musica più importanti di sempre

Van Morrison - Moondance (1970)

Immagine
di Silvano Bottaro
Tutti i critici reagirono entusiasticamente ad Astral Weeks. La rivista Rolling Stones lo nominò album dell'anno. Tutte belle parole, intanto Van era costretto a chiedere i soldi in prestito per mangiare. Infatti le vendite erano di appena 15.000 copie ed i discografici, forti di contratti capestro, bloccavano i pagamenti dei suoi diritti. Ancora oggi Van aspetta le sue royalties di "Brown Eyed Girl"! Passarono due anni prima che arrivasse il disco successivo. Van era pieno di dubbi e diffidava del mondo dell'industria discografica. Scoprì che, se le sue canzoni fossero state trasmesse per radio, avrebbe ricevuto le royalties direttamente dalla BMI (l'equivalente della nostra SIAE). Abbandonò le sperimentazioni e decise di fare della semplice musica soul, dove le canzoni avrebbero mantenuto la canonica forma strofa-ritornello. La svolta sarà sbalorditiva, ma non si può dire che Van si svende. Non è il tipo di fare qualcosa che non senta suo o q…

Got Me Wrong - Alice in Chains

Immagine
Frainteso

Yeah, va via
Tutto di questo e più del niente nella mia vita
Argilla non colorata
Individualità non sicura

Adesso scommetto che mi hai frainteso
Così insicura corri da qualcosa di forte

Non posso mollare
Logora tappezzeria si sta srotolando lenta
Sento il cervello torturato
Mostra la tua pancia come se anche tu mi volessi

Adesso scommetto che mi hai frainteso
Così insicuri raggiungiamo qualcosa di forte

Non mi sentivo così da molto tempo
Sbagliato, nel senso di allontanato troppo dall?amore
Che non dura per sempre
Qualcosa è cambiato nel verso giusto

Tu sapore di zucchero
La dolcezza spesso non tocca la mia faccia
Resta se ti fa piacere
Potresti non esserci quando partirò

Van Morrison, il nuovo album “Duets: Re-Working The Catalogue” in uscita il 24 marzo 2015

Immagine
Uscirà il 24 marzo 2015 il trentacinquesimo album di Van Morrison, “Duets: Re-Working The Catalogue“. Per comporre il disco di duetti, il Belfast Cowboy ha rimesso mano al suo vasto repertorio (contenente più di 360 brani), scegliendo 16 canzoni da inserire in questo nuovo lavoro che, di fatto, contiene unicamente inediti.
Chiamando a sé una lunga schiera di amici musicisti, tra cui figurano anche Bobby Womack, Steve Winwood, Mark Knopfler, Michael Bublé, Natalie Cole, Gregory Porter, Joss Stone e Mick Hucknall, il visionario musicista irlandese ha riarrangiato alcuni dei brani meno noti della sua carriera per riportarli a nuova vita, chiedendo ai suoi collaboratori di non limitarsi al piano esecutivo ma di contribuire attivamente a plasmare e ricreare ciascuna canzone.
Registrato tra Belfast e Londra nel giro di un anno e prodotto da Van Morrison insieme a Don Was e Bob Rock, “Duets: Re-Working The Catalogue” sarò anticipato dal primo singolo “Real Real Gone”, inciso insieme a Micha…

Country Joe & The Fish

Joe McDonald (1942) nasce e cresce a El Monte, nei dintorni di Los Angeles, da genitori comunisti (vuole la storia che il nome sia un omaggio a Stalin). Dopo quattro anni di servizio militare in Marina, McDonald si affaccia alla scena universitaria di Berkeley, cantando canzoni di protesta politica nei piccoli club: la sua primissima canzone, "I Seen A Rocket", è dedicata ad un compagno di scuola in lizza nelle elezioni del college.
Discografia e Wikipedia

Little Richard - Here's Little Richard (1957)

Immagine
Richard Wayne Penniman è incasinato e tormentato come il rock'n'roll. Ha 12 fratelli e sorelle e suo padre viene assassinato quando lui ha 20 anni. Non ha un soldo, e quel poco che guadagna lo spende in lezioni di pianoforte. Lo chiamano Little, ma è alto un metro e ottanta. Ha imparato a cantare in chiesa e a fare spettacolo dai venditori ambulanti che arrivano in città, a Macon, Georgia, pieno Sud degli Stati Uniti. E' spirituale e carnale, religiosissimo e volgare, canta sconcezze indirizzate a donne che sanno come divertirsi e divertire, ma da come si trucca tutti capiscono che gli piacciono piú che altro gli uomini. Con i fratelli, fa musica da sempre. A 19 anni vince un concorso con la Rca, ma prima che accada qualcosa trascorrono altri quattro anni. Ora è con la Specialty, e in particolare con il produttore Bumps Blackwell, una piccola celebrità in quel momento, l'uomo che ha lanciato le Carriere di Ray Charles e di Quincy Jones. Non è che Blackwell ci capisca …

Mount Eerie - Sauna (2015)

Immagine
di Gianluca Marian
Parlare di Phil Elverum è come parlare del Papa, la sua musica è diventata talmente personale che è impossibile sbagliarsi durante l’ascolto di uno dei suoi dischi: disco dopo disco, è giunto ad essere uno dei cantautori americani più importanti della sua generazione. Le alte vette raggiunte con The Glow Pt.2 e Mount Eerie, quando era sotto il moniker The Microphones, sono un bel ricordo ormai cronologicamente distante. Il cambio di nome, avvenuto proprio successivamente a Mount Eerie, molto probabilmente, è stato un sintomo di rinascita artistica. Elverum doveva distaccarsi dal successo che aveva ottenuto, consapevole di non poter mai più raggiungere quei picchi. Il progetto Mount Eerie nasce dunque sotto quest’ala di timore ma, per sua fortuna, non si è ridotto ad una semplice comparsa nel panorama musicale, mantenendosi anzi a livelli alti, elevando Phil a maestro nell’utilizzo di droni in ambienti lo-fi.
Sauna è una liturgia di debolezze e paure composta da sint…

Patti Smith

Immagine
Patti Smith by Robert Mapplethorpe (1976)

Janis Joplin

Alcuni artisti hanno un modo di vivere e un modo di fare arte, per me ne esiste uno solo.
Janis Lyn Joplin (Port Arthur, 19 gennaio 1943 – Hollywood, 4 ottobre 1970) è stata una cantante statunitense. Divenne nota verso la fine degli anni sessanta come cantante del gruppo Big Brother and the Holding Company, e successivamente per i suoi lavori da solista. La sua carriera continuò fino alla morte per overdose all'età di 27 anni. La rivista americana Rolling Stone la pone al 46º posto della lista dei 100 artisti più importanti della storia e al 28º della classifica del 2008 dei 100 cantanti più importanti di tutti i tempi. Riconosciuta e ricordata per l'intensità delle sue interpretazioni, nel 1995 è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame e nel 2005 è stata insignita del Grammy Award alla carriera. (Wikipedia)
Puoi distruggere il tuo presente preoccupandoti del tuo domani.

Le foto di Janis da bambina ci mostrano una cucciola bionda e sempre sorridente, ben vestita e curata, …

Blues Brothers, Rolling Stone, 1979

Immagine
Le 101 copertine di musica più importanti di sempre

Ibeyi - Ibeyi (2015)

Immagine
di Mattia Villa
Le gemelle franco-cubane Naomi e Lisa-Kaindé Díaz erano attese al varco in questo 2015, dopo che l’anno passato grazie all’Ep di debutto “Oya” si erano fatte conoscere e apprezzare quasi all’unanimità da tutti gli addetti ai lavori. L’uscita per XL Recordings, responsabile di alcuni dei maggiori trend musicali recenti (FKA Twigs, Jungle, East India Youth) altro non ha fatto che fungere da cassa di risonanza. Non che il duo ne avesse particolarmente bisogno: più o meno tutti i blog e siti musicali specializzati le avevano indicate come uno dei nomi di punta da tenere assolutamente d’occhio.
Nate e cresciute a Parigi, le Ibeyi sono figlie del percussionista cubano Anga Díaz, membro del Buena Vista Social Club, scomparso quando le due avevano solo undici anni. La famiglia ha fornito loro i primi elementi per un’educazione artistica, in particolare la madre che le ha educate alla cultura Yoruba (una lingua parlata nell’Africa orientale e arrivata a Cuba oltre tre secoli f…

Walk on the Wild Side - Lou Reed

Immagine
Un Giro Nella Zona Selvaggia

Holly viene da Miami (Florida)
in autostop attraverso gli USA
sfoltendo le sue sopracciglia per strada
depilandosi le gambe lui diventa lei
Lei dice, Hey bambino
Fatti un giro nella zona selvaggia
Lei disse, hei dolcezza
Fatti un giro nella zona selvaggia

Candy viene dall'isola
Nella camera sul retro lei era la ragazza di tutti
ma non ha mai perso la testa
neanche quando faceva pompini
Lei dice, Hey bambino
Fatti un giro nella zona selvaggia
Disse, hei bambino
Fatti un giro nella zona selvaggia
e le ragazze di colore fanno do doo do doo...

Piccolo Joe non l'ha mai dato via a gratis
tutti devono pagare e pagare
Una botta qui e una botta là
NY city è il luogo dove dicono, Hey bambino
Fatti un giro nella zona selvaggia
Ho detto, Hey Joe
Fatti un giro nella zona selvaggia

Sugar Plum Fairy è venuto e batte le strade
cercando cibo per l'anima e un posto dove mangiare
è andato da Apollo
avresti dovuto vederlo come ci dava dentro
Loro dicono, Hey bambino
Fatti un giro nella zona se…

Elvis Presley - Elvis Presley (1956)

Immagine
Nel 1955 Elvis Presley da Memphis, Tennesse, è già conteso dalle principali case discografiche americane. La spunta la Rca, che offre al colonnello Parker, il suo nuovo agente, la somma senza precedenti di 35 mila dollari. Nell'accordo sono comprese anche le 25 canzoni che Elvis ha registrato con la Sun Records di Sam Phillips, da My Happines, il pezzo country che aveva inciso il 18 luglio 1953 come regalo di compleanno per sua madre Gladys, a When It Rains It Really Pours, cantata in un momento imprecisato dell'autunno del 1955. A gennaio del 1956, tra Nashville e New York, la nuova casa discografica gli fa mettere su nastro altre undici tracce, e tra queste c'è anche Heartbreak Hotel, che viene pubblicata immediatamente e immediatamente finisce in testa alle classifiche, primo numero uno di un futuro numero uno (e singolo piú venduto dell'anno, a fine 1956). La canzone è firmata da Mae Boren Aston, un'insegnante con la passione per la musica, e da Thomas Durden,…

Counting Crows

Nati come duo acustico composto da Adam Duritz e David Bryson (autori anche di alcune registrazioni inn proprio), i Counting Crows nascono ufficialmente nell'aprile 1992 a San Francisco, suonando in vari club della zona. Notati da alcuni talent scout della Geffen Records, vengono messi sotto contratto e affidati a T-Bone Burnett nelle vesti di produttore. Il risultato è "August and Everything after", in cui brillano le particolari doti vocali di Duritz, autore di gran parte dei brani.
Discografia e Wikipedia

Van Morrison - Astral Weeks (1968)

Immagine
di Silvano Bottaro
Sin dall'epoca dei Them Van passava ore ed ore, da solo o in compagnia, a cantare, comporre ed improvvisare con la chitarra. Improvvisava non solo le melodie, ma anche le parole sul momento. In questo modo cercava di tirar fuori dall'inconscio la materia prima delle sue composizioni. Le stesse avevano una struttura libera, senza la divisione fra strofa e ritornello. Da questa esperienza venne fuori il suo nuovo stile di cantare, che non spero di riuscire a descrivere. E' necessario ascoltarlo. Le canzoni si dilatano, e a volte si fermano su una frase o una sola parola ripetuta una decina di volte. Nell'economia dello stream-of-consciousness questa ripetizione corrisponde alla mente che si perde dietro i suoi pensieri. Per molti ascoltatori la cosa assumerà un'altra dimensione: quelle sono parole magiche che, se ripetute, hanno il potere di guarire i dolori dell'anima. Le parole delle canzoni di Van assumono il loro pieno significato solo quan…

Two Gallants - We Are Undone (2015)

Immagine
di Tommaso Meazza
Nascere negli Stati Uniti è croce e delizia per chiunque voglia fare musica; nascere in California, in particolar modo a San Francisco, lo è ancor di più. Dalla tua hai la tradizione, hai i mezzi, hai l’ispirazione, hai un DNA ricchissimo di rock&roll, di hard rock, di blues, di folk, di country, di tutto ciò di bello e di orrendo che nell’arco dell’ultimo secolo è stato sfornato nella patria dei blue jeans. Ma hey, sei comunque nato nel paese più competitivo del mondo, e non ti basterà di certo imitare i tuoi idoli per fare la storia. I Two Gallants si presentano al loro quinto album con la stessa formazione: due ragazzi che vanno avanti da 13 anni, camminando fianco a fianco come i protagonisti del racconto di Joyce da cui prendono in prestito il nome. Due ragazzi evidentemente cresciuti a pane e blues, abituati a sognare con una chitarra ed un’armonica a bocca, con qualità né troppo evidenti ma neanche troppo scadenti. I Two Gallants sono l’emblema della music…

Tina Turner

Immagine

Dolly Parton, Playboy, 1978

Immagine
Le 101 copertine di musica più importanti di sempre

Accadde oggi...

Immagine
13 febbraio 1967: insieme a "Penny Lane" i Beatles pubblicano il singolo "Strawberry Fields Forever": uno dei primi esempi di rock psichedelico della band e per molti critici musicali anche uno dei brani migliori del gruppo.

Yet Again - Grizzly Bear

Immagine
Ancora una volta

Ancora una volta, ci siamo solo noi
Non è una sorpresa, è così che va
Ultimamente tutto gira intorno a quanto posso sopportare
Sopporterò, ma un uomo ha fatto qualcosa di più in questa rottura
oh-oh-oh oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh
oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh

Un guscio con un’altra crepa
Sono piccolo, ma riesco a restare informato
Troppo presto, tutti quanti, allontanatevi
Sono sicuro che questa non sia l’ultima partita
Non fare una piega
Parla, non confidare
Non abbiamo neppure le prove sufficienti
È finita prima che ci proviamo
Si è fatto buio e di notte
Un deserto deturpato

Tieni il punteggio, senti il gioco con il cuore
So quando tutte le cose dette sono le stesse
Se potessi lascerei perdere tutto
Non c’è possibilità di tornare indietro e capire
oh-oh-oh oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh
oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh

Non fare una piega
Parla, non confidare
Non abbiamo neppure le prove sufficienti
È finita prima che ci proviamo
Si è fatto buio e di notte
Un deserto deturpato

Non fare una piega
Parla,…

Elvis Costello

Elvis Costello (1954 vero nome Declan Patrick Aloysious McManus) nasce a Londra il 25 agosto, figlio di Ross McManus (cantante con la Joe Loss Orchestra negli anni '50 e autore del piccolo hit Patsy Girl nel 1966). A dodici anni studia chitarra e compone e nel 1968 è a Liverpool, dove lavora come roadie per i Brinsley Schwarz e conosce Nick Lowe, instaurando un rapporto d'amicizia importante per la sua futura carriera.
Discografia e Wikipedia

Steve Earle & The Dukes - Terraplane (2015)

Immagine
di Gianfranco Callieri
Casomai qualcuno se lo chiedesse (ma il dato possiede anche un suo senso “narrativo”), la Terraplane, fino al 1934 EssexTerraplane, era un modello di automobile prodotto da una casa di Detroit, la Hudson Motor Company, e molto diffuso negli Stati Uniti ai tempi della Grande Depressione. La vettura, assai simile a quelle che potete vedere in una qualsiasi puntata di Boardwalk Empire, divenne, in virtù del costo accessibile, una delle più comprate, anche in tempo di crisi, e contribuì a fare della Hudson (sopravvissuta per altri vent’anni) una delle poche aziende davvero floride del paese. La Terraplane ispirò persino il primo successo di Robert Johnson, la Terraplane Blues uscita su 78 giri (etichetta Vocalion) nel 1937, con Kind Hearted Woman sul lato-b, e registrata l’anno prima in quel di San Antonio, Texas. Il brano di Johnson era in pratica un riassunto, più sfacciato di qualsiasi altra cosa pubblicata fino a quel momento, della capacità, tipica dei bluesmen…

Van Morrison - Blowin' Your Mind (1967)

Immagine
di Silvano Bottaro
Una volta fuoriuscito dai Them, Van non tenta di formare un nuovo gruppo, vuole fare il cantautore. Lavora molto per sviluppare un proprio genere ed un proprio stile, mettendo le distanze fra sè ed il passato prossimo. Il suo cammino è tutt'altro che lineare. Viene scritturato da una neonata etichetta americana, la Bang, che vuol fare di lui un cantante commerciale. Il primo tentativo è il singolo "Brown Eyed Girl", una bella composizione con un arrangiamento più morbido di quanto non capitasse con i Them. In pratica Van è costretto a scriverla spinto dalla fame. Il pezzo entra nella top ten USA e la casa discografica cerca di sfruttarne il successo con un album. All'insaputa dell'autore, esce "Blowin' Your Mind", che è soltanto un pasticcio. E' il frutto di un paio di session eseguite senza sufficiente preparazione. Van non aveva voce in capitolo nè su quali pezzi suonare, nè sugli arrangiamenti, nè sulla scelta degli strumen…

Tim Buckley

Immagine

Patti Smith, Punk Rock, 1977

Immagine
Le 101 copertine di musica più importanti di sempre

Waves Of Grain - Two Gallants

Immagine
Onde Di Grano

Prega e tradisci il defunto,
una così nascosta libertà, una pace così militante.
Come osano diffidare, sanno chi siamo?
E la Tua impavida progenie,
le loro case stanno aspettando, già costruite e pavimentate
ai confini della Terra, moglie, bambini e un'auto.

Ma oh no, no, li vedo cadere.
Preghiamo tutti perché piova, preghiamo tutti perchè piova.
E tutti i tuoi bambini sono cresciuti col panico e la paura.
Ma cosa succederà, quando tutti i tuoi campi sono marci,
alle tue onde di grano, le ambrate onde di grano?
E hai già dato la tua parola: uniamoci finchè non saremo la stessa cosa.

E la tua collezione di lingue,
ti prepari nel tuo salotto, con le tue bibbie e le tue pistole,
il feto di Cristo con una manciata di cicatrici,
e la tua visione è chiara,
mentre ti mascheri dietro la paura,
le tue parole che serpeggiano verso il cielo vengono intercettate dalle stelle.

Ma oh, no, no, il cielo sta cadendo.
Preghiamo tutti perché piova, preghiamo tutti perchè piova.
E tu spendi tutte le tue p…

Marc Cohn

Marc Cohn (1959) nativo di Cleveland, Ohio, apprende le prime nozioni musicali dal fratello pianista. Trasferitosi in California ancora adolescente, resta affascinato dal mondo musicale locale, in uno spettro che comprende Tom Waits, Jackson Browne e James Taylor. Con questi maestri in mente si affaccia al professionismo all'inizio degli anni '80, quando sono i piccoli locali di New York a ospitare le esibizioni, inizialmente basate su un repertorio acustico di cover.
Discografia e Wikipedia

Marianna Faithfull

Immagine

Kiss, Marvel comic book, 1977

Immagine
Le 101 copertine di musica più importanti di sempre

Etichette

Mostra di più