Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2012

Billie Holiday

I giovani mi domandano sempre da dove viene il mio stile, come si è formato e tutto quanto; cosa posso dire? Se scopri un pezzo che ha qualcosa a che fare con te, non devi costruirci niente. Semplicemente ti procura emozione, e quando lo canti anche altra gente proverà qualcosa.

Lee Konitz

Sax alto, soprano e tenore (1927). E' il più noto discepolo del pianista Lennie Tristano, e l'unico (oltre al bassista Peter Ind) che abbia anche suonato più volte con musicisti estranei alla cerchia cool.Le lunghe, taglienti, serpentine frasi del suo sax alto si incrociavano con quelle del tenorista Warne marsh nelle storiche incisioni Capitol di Tristano.
Discografia a Wikipedia

Last Goodbye - Jeff Buckley

Questo è il nostro ultimo addio 
Odio sentire che l'amore tra noi due finisca 
Ma è finito 
Ascolta solo queste parole e poi me ne andrò 
Mi hai dato qualcosa in più per cui vivere 
Molto più di quanto tu possa immaginare 
 Questo è il nostro ultimo abbraccio 
Devo sognare e vedere per sempre il tuo volto?
 Perché non possiamo superare questo muro? 
Ecco, forse è proprio perché non ti conoscevo per niente
 Baciami, per favore baciami 
Ma baciami senza desiderio, bimba, e non un bacio di consolazione 
Sai che mi fa così arrabbiare perchè so che tra un po'
 Ti farò soltanto piangere, questo è il nostro ultimo addio 
 Hai detto no, questo non può succedere proprio a me
 E sei corsa al telefono per chiamare?
 C'era una voce fastidiosa nella tua testa che ti diceva che forse non lo conoscevi per niente? Non lo conoscevi per niente, oh, non lo conoscevi 
 Ecco, le campane fuori in cima al campanile
 Indizi che bruciano dentro al mio cuore pensando ardentemente ai suoi occhi dolci e i ricordi mi o…

Patti Smith

Immagine
Nel 1975 Patti Smith pubblicò Horses, il suo primo album, inaugurando una nuova stagione del rock americano. L'area intellettuale newyorchese, affidò a lei il compito di legare nuovamente arte e rock, poesia e cinema, letteratura e musica. Nel 1974 diede vita al Patti Smith Group, con Lenny Kaye, facendo produrre, non casualmente, il primo disco da John Cale dei Velvet Underground e proclamando la propria continuità con la musica e l'impegno degli MC5. E' lei a incarnare, prima con Radio Ethiopia (1976) e poi, ancora di più, con Easter (1978), i sogni e la rabbia della nuova generazione. Patti Smith canta il rock come se fosse una poesia o una preghiera, urla la sua passione sostenuta da una band elettrica e grintosa, che mescola Rimbaud e Hendrix, anarchia e amore, lo Springsteen di Because the Night e il Van Morrison di Gloria. A ben guardare, non è punk in nessun senso, ma allo stesso tempo del punk cattura lo spirito e l'anima, con una personalità e una musica che,…

Herbie Hancock

Immagine

Aupeo

Aupeo fornisce un servizio online per creare una stazione radio personalizzata che trasmette il genere musicale preferito. Si tratta di un progetto europeo nato a Berlino, che vuole ricalcare il modello fornito dal precursore di questo tipo di servizi, ovvero, il celeberrimo Pandora. Il funzionamento è il medesimo: basta accedere al sito, inserire il nome dell'artista preferito che vorremmo ascoltare, e la sua musica verrà subito trasmessa insieme a quella di musicisti affini. L'Interfaccia sobria e disponibile anche in italiano.
Link: Aupeo

David Bowie

David Bowie (1947) nasce David Robert Jones Brixton, Londra. Dopo il diploma alla Bromley High School lavora in una agenzia di pubblicità, suonando contemporaneamente il sax in gruppi locali. Nel 1963 forma i King Bees, con Bob Allen, Frank Howard, Roger Bluck e George Underwood, colui che gli procurerà una lesione permanente alla pupilla sinistra.
Discografia e Wikipedia

The Talking Heads: Live in Roma (1980)

Immagine
I Talking Heads in un concerto dal vivo a Roma nel 1980



Pochi gruppi possono vantare delle performance come quelle dei Talking Heads.  Live in Roma, ne cattura una e siamo nel 1980, un buon momento della loro storia musicale. I Talking Heads sono nel pieno della loro "Afro-Funk Orchestra", si noti alla chitarra un certo Adrian Belew, che gli avrebbe lasciati l'anno successivo per i King Crimson.

Solsbury Hill - Peter Gabriel

Solsbury Hill

Salendo a Solsbury Hill
Potrei vedere le luci della città
Il vento soffiava, il tempo si era come fermato
L’aquila volava nella notte
Lui era una figura da osservare
È arrivato vicino, ho sentito una voce
È stato lì a stiracchiarsi i nervi
Dovevo ascoltarlo, non avevo scelta
Non credevo a ciò che mi diceva
Potevo solo fidarmi dell’immaginazione
Sentivo il mio cuore esplodere
“Figlio,” disse lui “raccogli le tue cose,
sono venuto per portarti a casa”

mi sono rassegnato in silenzio
i miei amici mi darebbero del coglione
trasformare l’acqua in vino
aprire porte che si chiuderebbero presto
così ho vissuto giorno per giorno
la mia vita era una routine,
ma ancora penso a cosa dovrei dire
quali legami dovrei tagliare
mi sentivo parte di una scena
stavo uscendo fuori dal sistema
Sentivo il mio cuore esplodere
“Hey” disse lui “ raccogli le tue cose,
sono venuto per portarti a casa”

quando l’illusione tesse la sua trama
non sono mai dove vorrei essere
e la libertà volteggia
quando…

Van Morrison - Astral Weeks (1968)

Immagine
di Silvano Bottaro
Quarant’anni fa usciva “Astral Weeks”, disco che Wikipedia definisce così: - “Astral Weeks è uno degli album più enigmatici della storia. Le canzoni sono pacate, la voce estremamente estatica, le melodie languide e jazzate. Ad un primo ascolto non sembrano esserci grandi capolavori, ma ascoltando meglio si è irresistibilmente attratti”. - “Astral Weeks è il secondo album dell'artista irlandese Van Morrison; uscì nell'anno 1968 ed è considerato uno dei migliori album rock di sempre.” - 
Dopo la pubblicazione di “Blowin Your Mind” del 1967, Morrison effettua una breve tournèe con dei musicisti sconosciuti. Al ritorno si presenta con delle sue composizioni alla chitarra: l’artista è irriconoscibile – la crisalide è diventata farfalla, il rock è posto in disparte per assaporare nuovi sofisticati suoni, meno immediati ma emotivamente più intensi. Nei concerti di “prova” la formazione non infiamma le platee, ma incanta molti musicisti, fra i quali Jimi Hendrix (che…

Dave Matthews Band - The Daily Telegraph

Immagine

Robert Fripp

La musica è il calice che contiene il vino del silenzio,
Il suono è quel calice, ma vuoto;
Il rumore è quel calice, ma rotto.

B. B. King

Chitarrista, cantante (1925), al secolo Ryley King. Assieme a Lightnin' Hopkins, John Lee Hooker e Muddy Waters, è il più dotato chitarrista di blues postbellico. Influenzato, tra l'altro, da Django Reinhardt, Elmore James, Charlie Christian, Oscar Moore, Johnny Moore e T-Bone Walker, è stato a sua volta il modello di numerosi altri chitarristi (di blues, rock, jazz, rhythm and blues e perfino country and western) fin dagli anni '50.
Disografia e Wikipedia

Queen of the slipstream - Van Morrison

Regina della scia 

 Tu sei la regina della scia 
Con occhi che brillano 
Hai attraversato molte acque per essere qui 
Hai bevuto dalla fontana dell’innocenza 
E sperimentato i lunghi freddi rigidi anni 
C’è un sogno dove i concetti sono visibili 
Dove i campioni della poesia compongono 
Non dirai una parola di questo segreto 
Sarai ancora la mia rosa speciale? 
 Andando via lontano attraverso il mare
 Ma sarò di ritorno per te 
Ti racconterò tutto quello che so 
Ragazza è tutto vero 
 Rimarrà ancora il rossore 
Sulle tue gote amore mio 
Che ho sempre visto nella luce 
Nella tua testa 
Oro e argento sono posti 
Ai tuoi piedi mia cara 
Ma so che sceglierai me 
Invece 
 Andando via lontano attraverso il mare 
Ma sarò di ritorno per te 
Ti racconterò tutto quello che so 
Bambola è tutto vero 
 Sei la regina della scia 
E ti amo così 
Hai attraversato molte acque per essere qui 
A hai bevuto alla fontana dell’innocenza 
E sperimentato, lo sai molto bene

The Band & Robbie Robertson

Immagine
The Band - Una sola formazione merita l’appellativo di “band più importante della musica americana degli anni Settanta” ed è stata quella di R. Robertson, R. Danko, L. Helm, G. Hudson e R. Manuel, ovvero la Band, il massimo riconoscimento al più nobile artigianato della musica. Tra il 1958 e il 1963 la Band entrò nella storia del rock suonando alle spalle di un Bob Dylan alla ricerca dell’elettricità. La Band arrivava da un repertorio forte, ballabile e nero. Dylan portava con sè il proprio repertorio folk e country: l’insieme fu straordinario, dal vivo come in studio (basta riascoltare i Basement Tapes). Prima di Dylan i musicisti del gruppo non componevano le proprie canzoni, dopo l’incontro con il folksinger Manuel, Robertson e Danko iniziarono a mettere mano alle composizioni con risultati eccellenti. E’ con “Music from Big Pink”, del 1968, che la band mostra davvero se stessa al mondo. Il gruppo cantava e suonava come cinque distinte individualità che lavoravano insieme per lo ste…

Ella Fitzgerald

Immagine

Radionomy

Radionomy ospita più di 3000 stazioni radio su Internet si estende oltre 170 diversi generi musicali. Visitate il sito e scoprire questa ampia gamma di radio online animata da appassionati di musica passionale, e trovare le stazioni corrispondenti ai vostri gusti.
Link: Radionomy

Billy Bragg

Principale esponente del movimento antifolk inglese degli anni '80, Billy Bragg (1957) vero nome Steven Williams, cresce musicalmente col primo punk inglese, ama i Clash e ha idee politiche vicine a quelle del partito laburista. Fanno rumore soprattutto le graffianti frecciate al potere, le canzoni agrodolci sulla vita quotidiana e i manifesti di ribellione spicciola ("La rivoluzione non inizia in un negozio di dischi" è una delle prime celebri sentenze).
Discografia wikipedia

Il Bill Evans Trio a Londra (1965)

Immagine
Il 19 marzo 1965, il trio di Bill Evans si è fermato negli studi della BBC a Londra per registrare un paio di set su "Jazz 625", l'ormai leggendario programma condotto dal trombettista inglese Humphrey Lyttelton. Evans al piano, Chuck Israels al basso e Larry Bunker alla batteria, suonano due set, tra cui la maggior parte delle canzoni del loro album appena terminato, Trio '65. I due programmi di 35 minuti consecutivamente (mostrato nel video qui sopra) ci riportano indietro nel tempo per vedere e sentire uno dei pianisti jazz più brillanti e influenti di tutti i tempi, al lavoro in un trio strettamente integrato.
Set One:

"Cinque", di Bill Evans
"Elsa", di Earl Zindars
"Summertime" di George Gershwin
"Come Rain or Come Shine", di Harold Arlen
"My Foolish Heart", di Victor Young
"Re: Person I Knew", di Bill Evans
"Israele", da Johnny Carisi
"Cinque", di Bill Evans (reprise)

Set due:

&quo…

A sight for sore eyes - Tom Waits

Ehi toccasana per occhi stanchi, che bellezza rivederti
quanto tempo è passato
lavoriamo sempre dal mattino alla sera
ti ricordi cosa facevamo?
Quanta acqua è passata sotto i ponti hai visto la mia auto nuova?
E’ mia, l’ho pagata
è qui fuori in strada
Ehi barista cosa ti ha tenuto qui a versare da bere
per questi spiantati
Sai che ti dico?
dovremmo brindare ai giorni passati
e anche a Di Maggio
e al vecchio Drysdale e Mantle Whitey Ford
e a te
No, la vecchia banda non esiste più
ognuno ha lasciato il paese
eccetto Thumm e Giardina non è rimasto niente
Oh lui è mezzo ubriaco per tutto il giorno e io ubriaco per l’altra metà
si, Monk è sempre il campione
ma io sono il migliore
Immagino che hai saputo di Nash
è morto in un incidente
Diavolo, devono essere già passati due o tre anni
Era in auto e ha perso il controllo
dritto contro un palo
se n’è andato con la radio accesa.
No, lei si è sposata e ha un bimbo
alla fine ha rotto con Sid
lui è su al nord, vive di rapine per procurarsi la sua…

Ivano Fossati - Musica Moderna (2008)

Immagine
di Silvano Bottaro
A due anni dall’ottimo “L’Arcangelo” arriva un’ennesima bella, autentica, opera “Musica Moderna”. Lo stile inconfondibile di Ivano Fossati è ancora una volta messo in evidenza in questo disco che è in grado di parlare d’amore (e non solo) in un modo unico. Fossati è in grado di usare le parole come carezze, parole che arrivano al cuore senza sentimentalismi, senza sdolcinature. Il cinquantasettenne musicista ligure, stanco di essere considerato solo per i suoi testi, già da diversi dischi ha cominciato a dar importanza anche ai suoni, questo naturalmente gioca a suo favore in quanto l’approccio risulta facile a un pubblico maggiore. Il suo è un viaggio introspettivo all’interno dell’essere umano. E’ grande Fossati nel riuscire a “trasportare” quelli che sono i sentimenti “personali” nel “sociale”. E’ facile farsi “prendere” dalle sue melodie, dalle sue parole, perché ascoltandolo bene è impossibile non trovare nei suoi testi qualcosa di noi. “Like motif” del disco è …

King Crimson - Island (1971)

Immagine

Billie Holiday

Tutti dobbiamo essere differenti. Non si può copiare un altro, e nello stesso tempo pretendere di arrivare a qualcosa. Se tu copi, ciò inoltre è perché il tuo lavoro non ha un sentimento sincero, e senza sentimento nessuna delle cose che fai avrà realmente valore. Come non ci sono al mondo due persone uguali, così dev'essere anche con la musica, altrimenti non è musica.

Scott Joplin

Pianista (1867 - 1917). Figlio di uno schiavo liberato, fu il più grande compositore di ragtime, e uno dei più grandi compositori di tutta la storia della musica afro-americana. Le origini del ragtime sfumano nell'oscurità, ma i canti e le danze delle piantagioni, danze europee come il valzer, la mazurka, la quadriglia e la polka, la musica per banjo dei minstrels e le marce militari vi contribuirono tutti in varia misura.
Scott Joplin

>>>>>>>>>> Etichette

Mostra di più