Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

I 200 dischi di Lucien

Immagine
Prosegue la lista dei duecento dischi che hanno lasciato "il segno" nella vita di Lucien. Per una scelta personale, ha deciso di prendere il via con l'anno 1970, arrivando in ordine cronologico (al momento in cui scrivo) al 1994. Finora ha preso in considerazione 2/3 dei dischi, ne mancano ancora quindi un'altra sessantina da suddividere nei restanti ultimi vent'anni. Sono album che, per la maggior parte, fanno parte anche della mia vita, ringrazio quindi Lucien per la condivisione.

La lista ancora parziale la trovate qui.

Buffalo Springfield

Nonostante la loro esistenza conti poco più di due anni, dal marzo 1966 al maggio 1968, i Buffalo Springfield sono fra i gruppi più innovativi e influenti della scena rock californiana. Ne fanno parte tre musicisti e compositori di talento: Steve Still, Richard Furay, entrambi folksinger con una comune esperianza negli Au Go Go Singers, e Neil Young, chitarrista e compositore canadese. Con loro altri due canadesi, Dewey Martin, ex Dillars e Bruce Palmer.
Discografia e Wikipedia

Eric Clapton e Steve Winwood ovvero i Blind Faith

Immagine
Il 7 giugno del 1969, Eric Clapton e Steve Winwood ebbero il loro debutto con oltre 100.000 persone stipate in Hyde Park nel centro di Londra. La band era composta da due terzi dei Cream (il chitarrista Eric Clapton e il batterista Ginger Baker), insieme al frontman dei Traffic (tastierista e cantante Steve Winwood) e il bassista dei Family, gruppo progressive (Ric Grech). Il concerto gratuito, mostrato per intero nel video, non è stato tra i più bei concerti della storia del rock, forse perché c'erano troppe aspettative. "E' stato il nostro primo concerto" dirà Winwood più tardi, "e farlo di fronte a 100.000 persone non è stata la situazione migliore. Non abbiamo potuto rilassarsi come in un tour." La band ha evitato di suonare pezzi dei Cream e a parte "Means to an End" dei Traffic e "Under My Thumb" dei Rolling Stones, i brani sono tutti originali scritti appositamente per i Blind Faith: 1) Well All Right, 2) Sea of Joy, 3) Sleeping …

Mutt Romney Blues – Ry Cooder

Blues di Romney il bastardo*

1, 2, 3, 4 Ora, il capo Mitt Romney è andato a farsi un giro Si è fermato di lato sull’autostrada Mi ha legato mani e piedi sopra il tetto Capo, ho urlato, woof woof woof La prego, signore e padrone! Non sembra giusto, non mi sembra proprio giusto Caldo di giorno, freddo tutta la notte Dove sto andando, non lo so proprio Povero cane, è stato represso Oh, Signor Capo, abbattimi! Woof, woof, woof Si è fatto un giro, di certo non di corsa Povero cane, si è davvero fatto un giro Si è fatto un giro, di certo non di corsa Sul tettuccio, sto seduto li
——
*Il titolo della canzone è un gioco di parole sul nome del candidato repubblicano alle elezioni presidenziali USA 2012, Mitt Romney. ‘Mutt‘ in inglese vuol dire ‘bastardo’, riferito a un cane. La canzone parla del cane di Romney: è stata fatta larga polemica su un lungo viaggio di famiglia che il candidato ha tenuto nel 1983, durante il quale ha portato il suo povero cane sul tettuccio dell’auto.

Cocteau Twins - Treasure

Immagine

Maurice Ravel

Sento che la musica deve toccare le emozioni prima, e l'intelletto poi.

Gerry Mulligan

Sax baritono (1927 - 1996). Si distingue prestissimo come arrangiatore, firmando partuture per Elliott Lawrence, Calude Thornhill e Gene Krupa. Suoi sono gli splendidi Jeru, Rocker e Venus de Milo, che, insieme a diversi, notevoli assoli di sax baritono costituirono il suo contributo alla storica serie di incisioni del complesso di Miles Davis del 1949-50 (Birth of the Coll).
Discografia e wikipedia

Il rimedio - Ivano Fossati

Più lontano della Luna,
più lontano dal mio cuore
sono sempre le stesse parole
che si scrivono sui muri

M'hai fottuto un altra volta
coi tuoi baci al veleno
vorrei essere cattivo
ma quello che siamo è quello che abbiamo
e quello che abbiamo si vede

Più lontano della Luna
anche più lontano di un altra città
del mio amore dovrai spogliarti
dovrai spogliarti ora
I bambini stanno bene
per loro ogni giorno è differente
ci mancavi alla tua festa
ma quello che siamo è quello che abbiamo
è come la gente ci vede
Che vita è questa che vita è stata
mai più saggezza mai più
se c'è un rimedio io corro da te
senza una mano che mi sfiori io corro da te.

Se questo orgoglio è un gran sentimento
come la gente dice
io non sopporto di giorno e di notte
il male che mi fa
Che vita è questa che vita sarà
mai più saggezza mai più se c'è un rimedio io corro da te
senza una mano che mi sfiori io corro da te.

Un campo di grano e lo spazio profondo
sono tutta una strada
senza una luce ti devo cercare, oh povero me
nessuno sa nessun…

Miles Davis

Immagine

Stefano Bollani parla di musica, insegna e si fa capire

Immagine
«La musica dovrebbe far parte del progresso cognitivo di ognuno di noi. Ti insegnano a disegnare e non a cantare, ti insegnano a leggere e a capire le arti figurative ma non ad ascoltare la musica, ti insegnano a godere del suono di una poesia e non del suono di un clarinetto. Ti insegnano la storia della cultura del tuo e di altri paesi e non ti parlano mai dell’apporto dei musicisti. Giuro che non capisco perché»
Stefano Bollani via | ilsole24ore


Tim Buckley

Nato a Washington nel 1947, cresciuto a New York e trasferitosi in California al decimo anno di età, Tim Buckley (1947 - 1975) sperimenta le prime forme musicali con vari gruppi country prima di stabilirsi a Los Angeles dove suona, tra glia altri, con Jim Fielder (poi con i Blood Sweat & Tears). Le prime esibizioni come solista acustico, ma soprattutto l'incredibile voce e lo stile personale, attirano l'attenzione di Herb Cohen, già manager di Frank zappa, che gli procura un contratto con la Elektra.
Discografia e Wikipedia

Etichette

Mostra di più