Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

Neville Brothers - Yellow Moon (1989)

Immagine
di Silvano Bottaro
Assieme a Brothers Keeper è senz'altro Yellow Moon il disco più importante della produzione musicale dei Neville Brothers. Seguendo coerentemente una linea di sviluppo artistico che dall'iniziale influenza del cajun e della tradizione creola di New Orleans li ha portati man mano ad una miscela sempre più veriegata di stili, i Neville Brothers arrivano alla tappa più importante del loro lunghissimo cammino discografico iniziato negli anni sessanta come Meters.
Aaron, Ivan e compagnia decidono di estendere lo spettro di interessi e di indirizzi musicali con un prezioso lavoro di ripescaggi colti tra rock, gospel, musica etnica ed altri ricordi.
E' un clima magico in uno swingante caleidoscopio di cori e controcanti fatti ad incastri che si muovono nella corrente più nobile della black music e del pop adulto. Yellow Moon è musica che scorre via corposa, ricca di contrasti tematici e sonori tra nero e bianco, dosata fino all'ultima nota dalla produzione a…

Le Orme - Collage

Immagine

Enrico Rava

Trombettista (1939). E' il più noto musicista di jazz italiano, quello che si è inserito meglio e con più continuità nella comunità mondiale dei jazzmen. Trascorse l'infanzia a Torino dove la famiglia si era trasferita; scoprì il jazz dai dischi acquistati dal fratello e ben presto si dedicò da dilettante al trombone. Passò alla tromba nel 1957 dopo aver ascoltato dal vivo Miles Davis.
Discografia a Wikipedia

Dave Brubeck Quartet al Jazz Classic 625 Show, 1964

Al grande pianista jazz Dave Brubeck, morto nel dicembre 2012, un giorno prima del suo 92esimo compleanno, va dato il merito di aver creato una musica che era allo stesso tempo sperimentale e popolare. Il 9 giugno 1964, il Dave Brubeck Quartet ha suonato un paio di set di mezz'ora per il "Jazz 625 Show" di Londra. Il video è uno di quei due episodi nella sua forma completa. E' un ottimo concerto, con cinque brani, e il quartetto è composto da Brubeck al piano, Paul Desmond al sax alto, Eugene Wright al basso e Joe Morello alla batteria. Ecco i brani:
Di Danny London Blues (D. Brubeck) Dialoghi per Jazz Combo & Orchestra, 2nd Movement (H. Brubeck) La Wright Groove (E. Wright) Take Five (P. Desmond) Sounds of the Loop (D. Brubeck)

Sweet Jane - Cowboy Junkies

Immagine
In piedi in un angolo, valigia in mano
Jack nel suo cappotto, e Jane
Con una camiciola, e io
Io sono in una rock'n'roll band
Quando giravamo su una Stutz-Bearcat, Jim, sai, erano altri tempi
Tutti i poeti hanno studiato
Le regole dei versi
E le donne, loro giravano gli occhi
Ti dirò una cosa
Jack fa il banchiere
E Jane è un’impiegata
Entrambi risparmiano i loro soldi
E quando tornano a casa
Dal lavoro
Seduti vicino al fuoco
La radio suona
Musica classica qui, Jim
“La Marcia dei soldatini di legno”
Tutti voi ragazzi protestate
Puoi sentire Jack dire
Fate presto
Dolce Jane! dai bambina! dolce Jane!
Ad alcune persone piace andare a ballare
E altre persone devono lavorare
Però guarda me adesso!
Ci sono ancora alcune cattive madri, loro ti diranno che
Tutto è spazzatura. Sai
Che le donne non svengono mai veramente, e che i criminali
battono le palpebre
E che, sai, i bambini sono
Gli unici che arrossiscono,
Che la vita è solo morire,
e, tutti quelli che hanno mai avuto un cuore
non cambieranno e non
lo spezzeranno…

Bob Dylan & Robbie Robertson

Immagine

Kate Bush

Cantante, compositrice e ballerina, Kate Bush (1958) studia pianoforte e violino da autodidatta, si interessa di studi soprannaturali e, negli anni, sviluppa un'incredibile voce di ben quattro ottave di estensione. A sedici anni entra nel gruppo del fratello, la K.T. Bush Band nella quale interpreta cover di Beatles e Stones, scrivendo per l'occasione la sua prima canzone, James And The Cold Gun (poi su The Kick Inside). L'ingresso nel mondo del rock avviene quando David Gilmour dei Pink Floyd ottiene per lei un contratto con la EMI.
Discografia a Wikipedia

Bob Marley, The Legend: Live in Santa Barbara

Nell'autunno del 1979 Bob Marley e la sua band, i Wailers, andarono in tour per promuovere il loro album; Survival. Anche se già malato di cancro, Marley sembrava essere in ottima forma. Fortunatamente per noi, una troupe televisiva era lì per registrare uno dei suoi spettacoli.
Il film di cui sopra, è stato girato al Santa Barbara County Bowl in California il 25 Novembre 1979, a soli 16 mesi della prematura morte di Marley, all'età di 36. E 'stato pubblicato in DVD nel 2003 come Bob Marley: The Legend Live. I The Wailers erano alla loro seconda incarnazione dopo la partenza nel 1974 di Peter Tosh e Bunny Wailer.
Nel film/concerto ci sono: Marley alla chitarra ritmica e voce, i fratelli Aston e Carlton Barrett al basso e batteria, Junior Marvin e Al Anderson alla chitarra, Tyrone Downie e Earl "Wya" Lindo alle tastiere, Devon Evans e Alvin "Seeco" Patterson alle percussioni, Glen DaCosta al sassofono, Dave Madden alla tromba e la "I Threes" (…

Who – David Byrne & St. Vincent

Chi sarà la mia ragazza per S. Valentino?
Chi porterà questo pesante carico?
Chi dividerà con me questo taxi?
Chi vuole arrampicarsi a bordo?Chi è un uomo onesto?
Chi è un uomo onesto?Chi ha tenuto un soldato moribondo
Lontano dalla sua città natia?
Portate questi uomini e queste donne
Che si sono persi quando è calato il sole
Chi?

Chi è un uomo onesto?
Chi è un uomo onesto?

Chi percorre questa strada polverosa?
Chi dimostra sempre i suoi modi?
Chi è questa dentro di me
Che ha commesso un grosso sbaglio?

Chi vede queste costellazioni
Viste in questo mondo che gira
Contando questi uomini e queste donne
Che si sono persi quando è calato il sole

Chi è un uomo onesto?
Chi è un uomo onesto?

Con un movimento pieno di grazia lei si è seduta lentamente
Ha bevuto una tazza di caffè e ha piegato la biancheria
Inizia a raccontarci la storia della sua vita
Tutti intorno al tavolo, tutti a fissarla

Chi urla “alleluia”?
Chi canterà a squarciagola?
Portate questi uomini e queste donne
Che si sono pe…

Don Pullen

Pianista (1941 - 1995). Debuttò su disco con il quartetto di Giuseppi Logan, dove incontrò il batterista Milford Graves, col quale formò una sorta di asse privilegiato, particolarmente incline ad un'improvvisazione informale, a macchine sonore.
Discografia e Wikipedia

Give A Little Love - Noah And The Whale

Immagine
<p><p><p><p><p><p><p><p&am…

Etichette

Mostra di più