Joe Bonamassa - Time Clocks (2021)

 di Paul Rigg

Per uno che canta di "non essere mai stato un amante del timbrare il cartellino" nella canzone che dà il nome a Time Clocks (29 ottobre 2021/ Provogue), Joe Bonamassa mantiene comunque un ritmo di lavoro che è estenuante solo a pensarci.   
"Ma quest'uomo non dorme mai?" chiede un commentatore sotto il video della canzone Notches, domanda comprensibile se ricordiamo che Guitars Exchange quest'anno ha già recensito l'album in studio Royal Tea; la registrazione dal vivo dello stesso disco al Ryman Auditorium di Nashville; e l'album di Joanna Connor, di cui Bonamassa era produttore. Inoltre, ci sono i video di accompagnamento, il recente documentario Guitar Man, e il suo lavoro di beneficenza con Keeping The Blues Alive, tra gli altri progetti.   
   
Amo ancora di più le sue collaborazioni con Beth Hart, ma nonostante le mie leggere perplessità sulla sua incredibile produzione - in particolare su come la qualità possa essere mantenuta con una tale quantità - questo album è senza dubbio un altro ascolto stimolante e molto piacevole. A lui non importa degli haters e perché dovrebbe; suona principalmente per il suo divertimento e la sua reputazione e il suo pubblico continuano a crescere rapidamente.   
Questo disco ha iniziato la sua gestazione a New York City nel febbraio 2021, dove Bonamassa ha vissuto e registrato, quando il blues man si è unito al suo produttore di lunga data e co-autore Kevin Shirley in Australia. Insieme il duo ha arruolato il batterista Anton Fig, il tastierista Lachy Doley e il bassista Steve Mackey, così come le coriste Juanita Tippins e Prinnie Stevens che stanno aggiungendo il loro tocco magico a diversi album in questi giorni (ascoltate la loro recente collaborazione con Robert Jon & The Wreck su Shine A Light On Me Brother, per esempio).   
   
Il tema dell'album è il tempo, e Pilgrimage inizia in modo appropriato con una specie di marcia araba senza tempo, alcuni rintocchi ben piazzati e Bonamassa che taglia con una bella chitarra, che ricorda Dave Gilmour nei suoi anni migliori. Il canto orientale sfocia gradualmente nella meravigliosa Notches, che dà il via al suono rock blues pesante che è ormai la firma di Bonamassa. "Ho miglia sotto le mie ruote, tacche nel mio bastone da passeggio, ammiccando ancora ai tempi duri, sorridendo alla pioggia battente", canta; e sai che il ragazzo-prodigio della chitarra di una volta se n'è andato davvero.    
The Heart That Never Waits continua in uno stile roboante ma più blues, con Bonamassa che usa la sezione ritmica serrata e i meravigliosi cori come trampolino per un assolo che si impenna poco dopo i tre minuti. Il video che accompagna questa canzone si apre con un'amorevole ripresa di Joe che suona la sua Fender 1954 Blackguard Telecaster.   
   
Questions and Answers introduce qualche sperimentazione che non raggiunge il suo obiettivo, mentre il lento piano e le chitarre che iniziano Mind's Eye sono più efficaci, in particolare il testo: "Sono tormentato, dai ricordi che non puoi vedere, un posto che è facile da raggiungere, ma difficile come l'inferno da lasciare". Curtain Call sfoggia un'interessante apertura a ritmo di batteria militare, mentre The Loyal Kind presenta flauto e chitarra acustica, e un testo che fa riferimento a fanciulle e cavalli, che inevitabilmente ricorda i Jethro Tull. Hanging on a Loser ci riporta al blues, ma questa volta Bonamassa vuole 'funkeggiare', come direbbe George Clinton. L'album si chiude con Known Unknowns che è un'altra centrale elettrica di blues-rock che offre uno spazio benvenuto per un ultimo assolo di Bonamassa.     
Time Clocks mostra la passione di Bonamassa per il suo mestiere, la sua etica di lavoro mozzafiato e il suo grande talento come musicista e compositore. Finora è stato chiamato Blues Man, Smokin' Joe e Guitar Man, ma forse se continua così potrebbe diventare noto come The Man Who Never Sleeps. Non che il suo crescente numero di fan abbia intenzione di lamentarsi... 

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Ani Difranco – Simultaneously (2021)

Quicksilver Messenger Service - Happy Trails (1969)

La Mahavishnu | “The Inner Mounting Flame”, il frenetico album fusion che ha occupato tutti gli spazi/tempo