I 100 Album Jazz che hanno sconvolto il mondo #7 #6 #5

CHARLES MINGUS: MINGUS AH UM (COLUMBIA)

Mingus (b), Jimmy Knepper/Willie Dennis (tb), John Handy (as, ts), Shafi Hadi (as), Booker Ervin (ts), Horace Parlan (p) and Dannie Richmond (d). Rec. 1959

Just as with the Monk at number six, this classic album also represented a career breakthrough. Recorded not long after his Blues And Roots, but Atlantic deliberately held that back for over a year because the bassist had signed his first contract with Columbia, the major whose distribution, especially to the white audience, was much more powerful. Ah Um’s release came in the same year as his first evening appearance at the Newport Festival and the start of his record-breaking residency with Eric Dolphy.

Il presente album, tuttavia, era un'avventura in studio con un gruppo appositamente costituito che aveva familiarità con i quintetti di lavoro di Mingus. I contributi di Ervin, per esempio, 'Fables Of Faubus'‚ e l'opener gospel 'Better Git It In Your Soul', sono una definizione di "caldo", mentre Knepper sul volutamente antiquato 'Jelly Roll'‚ lo rende satirico e serio allo stesso tempo. Cose simili si applicano a "Bird Calls" e "Goodbye Pork Pie Hat", dove Handy rende omaggio obliquo rispettivamente a Parker e Lester Young, ma non ignora le reazioni cruciali del Richmond registrato in modo nitido. Il montaggio serrato del produttore alle prime armi Teo Macero ha permesso di ottenere più brani e una presentazione più user-friendly rispetto a Blues And Roots. (PA)

THELONIOUS MONK: BRILLIANT CORNERS (RIVERSIDE)

Monk (p, celeste), Ernie Henry (as), Sonny Rollins (ts), Oscar Pettiford/Paul Chambers (b), Max Roach (d) and Clark Terry (t). Rec. 1956

La registrazione di Brilliant Corners è iniziata 50 anni fa il mese prossimo, con un impatto difficile da immaginare in questi giorni. Il primo nuovo album dei Monk a ricevere più di un'accoglienza riservata dalla stampa, l'elogio era del tutto giustificato. A differenza delle sue prime due uscite Riverside, rispettivamente degli standard di Ellington e di un mucchio di altri standard jazz, questi erano quasi tutti i brani di Monk e tre dei quattro erano nuovi, niente più che la straordinaria title-track che ha dato così tanti problemi al cast stellare che non l'aveva mai visto prima. Rollins e Roach, che attualmente stanno ottenendo un successo con il nuovo quintetto di Roach senza Clifford Brown, avevano già lavorato per Monk, ma entrambi sono stati seriamente messi alla prova dal suo materiale qui. Il meno noto Ernie Henry era nel quartetto regolare del pianista e un deviante post-Parker paragonabile a Jackie McLean, mentre Pettiford era un pioniere del bopper amato da Monk tranne quando non erano d'accordo. Usare lo spumeggiante Clark Terry e Paul Chambers in una sessione successiva è stato un colpo di genio, così come la traccia per pianoforte non accompagnata. E il tutto è stato rilasciato proprio mentre Monk ha iniziato il suo storico gruppo con Coltrane. (PA)

SONNY ROLLINS: SAXOPHONE COLOSSUS (PRESTIGE)

Rollins (ts), Tommy Flanagan (p), Doug Watkins (b) and Max Roach (d). Rec. 1956

Sonny Rollins era pronto nel 1956? Era pronto! Oltre a questo capolavoro, ha anche diretto in prima fila Plus 4, un album con il Brown/Roach Quintet del giorno in tutto tranne che nel nome, più Tenor Madness (la title track con uno scontro frontale con Coltrane) e lo squisito Plays Per Uccello. Ma Saxophone Colossus troneggia su tutti loro, non solo perché si concentra su un'ambientazione per quartetto che consente un accesso senza diluizione al processo creativo di Sonny nella sua forma più ispirata, ma perché è una di quelle felici coincidenze in cui tutti gli elementi sono venuti fuori ugualmente bene, compreso il uso di repertorio insolito e originali ispirati. Lo stesso Rollins è stato chiaramente ispirato abbastanza da materiale come "St Thomas" e "The Moritat" dell'Opera da tre soldi da suonarli ancora in concerto 50 anni dopo. Tuttavia, si è tentati di definire definitive queste registrazioni originali, se non altro perché definiscono l'essenza dell'approccio di Rollins all'improvvisazione, strappando ogni sfumatura e variazione possibile dal tema e dai suoi schemi melodici e ritmici associati. Il blues "Blue 7" è stato notoriamente sezionato per tale metodologia da Gunther Schuller all'epoca dell'uscita iniziale di Saxophone Colossus, ma ciò non è riuscito a fermare Rollins da altri due anni di sassofono sovrumano prima del suo drammatico ritiro nel 1959. Questo è ancora l'album jazz più venduto di tutti i tempi in Giappone. (KS)

I 100 album jazz che hanno sconvolto il mondo sono stati ideati e compilati da Jon Newey e Keith Shadwick con il contributo di Stuart Nicholson, Brian Priestley, Duncan Heining, Kevin Le Gendre, Charles Alexander e Tom Barlow per JazzWise

Tradotto con Google Traslate

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Ani Difranco – Simultaneously (2021)

Quicksilver Messenger Service - Happy Trails (1969)

La Mahavishnu | “The Inner Mounting Flame”, il frenetico album fusion che ha occupato tutti gli spazi/tempo