I 100 Album Jazz che hanno sconvolto il mondo #10 #9 #8

KEITH JARRETT: THE KÖLN CONCERT (ECM)

Keith Jarrett (p). Rec. 1975

Jarrett irruppe sulla scena jazz internazionale come parte del rivoluzionario Charles Lloyd Quartet degli ultimi anni '60, passò a dirigere il suo trio, si unì brevemente alle zuppe elettroniche voodoo di Miles Davis dei primi anni '70, quindi si ritirò alla musica acustica e un riesame di ciò che stava cercando di ottenere nella sua musica. Ciò ha portato a una sorta di eclissi temporanea nel suo profilo nella prima metà degli anni '70, sebbene la sua creatività abbia continuato a diversificarsi e ad approfondirsi. Abile nei recital solistici (il suo Facing You per ECM nel 1970 è stato un forte presagio), ha iniziato una serie di recital in concerto per l'etichetta di Manfred Eicher che ha attirato consensi e crescente interesse del pubblico, ma nessuno era preparato per quello che è successo a Il concerto di Colonia quando è apparso. Una lunga serie di improvvisazioni intensamente ritmiche divenute ipnotiche e ripetibili all'infinito sui giradischi di tutto il mondo, l'album è diventato un bestseller in fuga per passaparola, sfuggendo rapidamente ai confini della comunità degli ascoltatori jazz e diffondendosi nei salotti di persone che non mai ascoltato, figuriamoci posseduto, un altro album jazz. Questo rimane il caso di Jarrett e del disco, che non è solo una svolta jazz a sé stante, ma uno dei dischi più venduti del genere. (KS)

MILES DAVIS: BITCHES BREW (COLUMBIA)

Miles Davis (t), Wayne Shorter (ss), Bennie Maupin (b cl), Joe Zawinul, Chick Corea (el p), John McLaughlin (g), Dave Holland (b), Harvey Brooks (el b), Lenny White, Jack DeJohnette (d), Don Alias (perc) and Jumma Santos (shaker). Rec. 1969

Da qualunque prospettiva scegliate di vedere gli anni '60: dalla crisi dei missili di Cuba all'ascesa del movimento controcultura, dalle rivolte studentesche a Parigi nel maggio 1968 alle crescenti proteste anti-Vietnam negli Stati Uniti, dall'avvento della pillola al ascesa della musica rock: i valori consolidati venivano apertamente messi in discussione, capovolti e in generale scossi. Quindi in un decennio in cui il leitmotiv era il cambiamento, è discutibile che Bitches Brew sia stato l'album che ha scosso di più il mondo della musica. Dopotutto, unire jazz e rock? Sì, c'erano stati album prima di Bitches Brew che facevano proprio questo, ma la posizione di Miles Davis nel mondo del jazz ha sancito l'unione tra due compagni di letto apparentemente opposti. Con Bitches Brew il messaggio jazz-rock è stato tramandato dal monte su tavole di pietra. Dalla title track con Davis, Shorter e Maupin che emergono dalla matrice del mix prima di essere inghiottiti da questa turbinosa miscela elettrica, a "Miles Runs the Voodoo Down" con il trombettista alle calcagna di Hendrix, il suono del jazz è stato cambiato per sempre. (SN)

CHARLIE PARKER: BIRD: THE COMPLETE ORIGINAL MASTER TAKES. THE SAVOY RECORDINGS (SAVOY JAZZ)

Parker (as, ts), Miles Davis (t), Dizzy Gillespie, Argonne Thornton, Clyde Hart, Bud Powell, John Lewis, Duke Jordan (p), Tiny Grimes (g, v), Curley Russell, Tommy Potter (b), Harold West and Max Roach (d) plus others. Rec. 1945-48

Parker, ovviamente, ha realizzato la sua musica più innovativa su disco prima dell'invenzione dell'LP, quindi ogni raccolta della sua brillante musica degli anni '40 è una compilation degli ultimi giorni dei singoli originali a 78 giri. I primi tentativi in ​​vinile di raccogliere il suo miglior materiale furono nella migliore delle ipotesi casuali, specialmente dall'azienda originale Savoy, quindi fu solo negli anni '60 e '70 che le cose si organizzarono in qualche modo e le ristampe cronologiche appropriate furono portate con successo sul mercato. In questi giorni, è possibile acquistare l'intero Parker Savoys e Dials in un sontuoso set multiplo di CD, ma si ottengono tutti i guasti, le riprese alternative e altri frammenti, rendendolo una prova per tutti tranne che per gli appassionati di Parker. Per coloro che vogliono conoscere e provare l'emozione di incontrare per la prima volta il genio del movimento terra, master prende solo, allora questo set di 2 CD degli anni '80 è il miglior punto di ingresso: ottieni la performance approvata da Parker, ottieni solo i Savoy e ottieni una rimasterizzazione superiore su soli due CD anziché cinque o sei. Musica pura e innovativa di Parker, aiutata e incoraggiata dai colleghi migliori e più simpatici dell'epoca. (KS)

I 100 album jazz che hanno sconvolto il mondo sono stati ideati e compilati da Jon Newey e Keith Shadwick con il contributo di Stuart Nicholson, Brian Priestley, Duncan Heining, Kevin Le Gendre, Charles Alexander e Tom Barlow per JazzWise

Tradotto con Google Traslate

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Ani Difranco – Simultaneously (2021)

Quicksilver Messenger Service - Happy Trails (1969)

La Mahavishnu | “The Inner Mounting Flame”, il frenetico album fusion che ha occupato tutti gli spazi/tempo