I 100 Album Jazz che hanno sconvolto il mondo #34 #33 #32

WOODY HERMAN: LE MANDRE TUONANTI (COLUMBIA)

Herman (cl, as, v) Sonny Berman, Pete Candoli, Conte Candoli, Shorty Rogers, Conrad Gozzo, Ernie Royal (t), Bill Harris (tb), Sam Marowitz, John LaPorta, Flip Phillips, Pete Mondello, Herbie Steward, Stan Getz, Zoot Sims, Serge Chaloff (ance), Margie Hyams, Red Norvo (vb), Ralph Burns, Jimmy Rowles (p), Billy Bauer, Chuck Wayne (g), Chubby Jackson (b), Dave Tough e Don Lamond (d). Ric. 1945-47

Le bande di Herman del 1945-47 - che divennero note come First e Second Herds - erano big band punk degli anni '40, piene di adrenalina, che mettevano alla prova tutti i confini e suonavano musica precipitosa che rimane una delle più eccitanti degli ultimi cinquanta anni, qualunque sia il genere: questi ragazzi hanno preso la raffinatezza di Ellington, l'hanno innestata nell'eccitazione agghiacciante dei solisti della big band di Gillespie e l'hanno ancorata con la sezione ritmica follemente oscillante del bassista Chubby Jackson e del batterista Dave Tough. Questo set, messo insieme per la prima volta su vinile negli anni '60 e da allora rielaborato molte volte su LP e CD, conserva il meglio di una grande big band e del suo leader. (KS)

JAN GARBAREK: PEPPERBIRD AFRICA (ECM)

Jan Garbarek (ts, fl), Terje Rypdal (g), Arild Andersen (b) e Jon Christensen (d). Ric. 1970

Dal brano di apertura "Scarabee", il mondo del jazz al di fuori della Scandinavia è stato introdotto a una sensibilità nordica nel jazz, il Nordic Tone. Intensità, significato e spazio sono essenziali per comprendere quello che probabilmente è l'approccio più frainteso all'improvvisazione jazzistica. Garbarek combina l'intensità di Albert Ayler e l'economia di Dexter Gordon, ma li reinscrive con allusioni folkloristiche nordiche, per produrre, nelle parole del produttore Manfred Eicher "un'alternativa all'approccio americano al jazz", un approccio che sostiene ancora oggi. (SN)

JIMMY SMITH: UN NUOVO SUONO, UNA NUOVA STELLA (BLUE NOTE)

Smith (org), Thornel Schwartz (g), Bay Perry e Donald Bailey (d). Ric. 1956

È così semplice: Jimmy Smith ha inventato l'organo jazz moderno e questo è l'album (in effetti, volume uno dei due volumi pubblicati rapidamente registrati nelle stesse sessioni di febbraio 1956) in cui ha annunciato il suo arrivo. Fin dall'inizio, Blue Note era alla ricerca del successo commerciale e la sua versione di "The Champ", sebbene non fosse il primo singolo di Jimmy Smith Blue Note (sul volume due anziché sul volume uno), ha ottenuto grandi risultati. A quel punto il primo album aveva fornito un progetto blues-plus-bebop per il trio di organi jazz che Smith avrebbe successivamente sviluppato, perfezionato e occasionalmente revisionato, ma che rimase notevolmente coerente nel contenuto e nella qualità nel decennio successivo. (KS)

I 100 album jazz che hanno sconvolto il mondo sono stati ideati e compilati da Jon Newey e Keith Shadwick con il contributo di Stuart Nicholson, Brian Priestley, Duncan Heining, Kevin Le Gendre, Charles Alexander e Tom Barlow per JazzWise

Tradotto con Google Traslate

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Ani Difranco – Simultaneously (2021)

Quicksilver Messenger Service - Happy Trails (1969)

La Mahavishnu | “The Inner Mounting Flame”, il frenetico album fusion che ha occupato tutti gli spazi/tempo