Albert Ayler

Sax tenore, alto e soprano, cornamusa (Cleveland, Ohio, 1936 - New York 1970). La sua breve carriera ha scatenato reazioni estreme e fanatiche, siua pro che contro. Al pari di tutta la seconda ondata di musicisti free (Archie Shepp, Pharoah Sanders), Ayler si è preso musicalmente con una ferocia ineguagliata, in una clamorosa scommessa sull'irrazionale che ha il senso di una asserzione dell'identità dei Neri e di un rifiuto del criterio europeo di gusto e di accettabilità, non a caso manifestatisi parallelamente agli sviluppi delle rivolte afroamericane degli anni '60.

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Jeff Buckley - Grace (1994)

Counting Crows - August and Everything After (1993)

Jonathan Wilson – Rare Birds (2018)