Shannon Wright - Division (2017)

di Nino Ciglio

Quindici anni di carriera, alcuni momenti di rilievo (Yann Tiersen & Shannon Wright) e una personalità sempre costante, uguale a se stessa, decisa a non scendere a compromessi con niente e nessuno. Questa, in breve, la carriera della musicista/compositrice di Atlanta, che, dopo quattro anni di assenza, progetti paralleli e un figlio, ritorna oggi con Division. L’innegabile bontà della proposta della Wright si svela sotto ogni sfumatura della sua lunga carriera artistica; la sua è musica fatta di stratificazioni, anzi, per meglio dire, di de-stratificazioni: ognuno degli album precedenti (da Flight Safety a Let In The Light) utilizza mezzi scomodi e non convenzionali che, quasi sempre, fanno rima con il rock and roll. A guardare bene, però, il suo rock and roll è molto diverso da quello di una PJ Harvey o di Sharon Van Etten, alla quale è stata spesso associata. Prendiamo Division, per esempio: l’album è stato concepito insieme alla pianista contemporanea Katia Labeque. Ed ecco la prima differenza rispetto al progetto noise chitarristico di In Film Sound (2013). Il lavoro espone un lato emotivo e molto più sofferente (e sofferto), dove le chitarre distorte e disordinate, le percussioni battute e indiavolate, incontrano l’animo meditativo di un pianoforte o di una viola. Soft Noise, in questo senso, ne è forse l’esempio più toccante: una cavalcata melodica fino ad una chiusura altamente rumoristica che, un po’, ricorda i Muse di Origin Of Symmetry.
E pensare che Wright aveva quasi deciso di smettere di suonare, al punto da confidarlo a Katia Labeque, artista che si è poi rivelata non solo una sua grande fan, ma soprattutto una importante fonte di ispirazione per questo lavoro. Division, quindi, concepito in otto intensissime tracce, è stato scritto in parte a Roma, di fronte al pianoforte della Labeque, ed in parte a Parigi. È decisamente l’album più complesso dell’artista, sebbene l’inizio, nella title track, sembri suggerire una certa continuità con gli album precedenti, ovvero, voce sofferente e biascicata accompagnata da un ritmo incalzante e deciso che, a parte i già citati Muse migliori, richiama alla mente alcune operazioni proto-grunge in chiave Melvins. Le cose si fanno più complicate (e affascinanti) con The Thirst, che sembra essere un connubio fra una colonna sonora di un film di Gaspar Noé e le cose più interessanti dei mai abbastanza citati Dirty Three. Le successive Wayward e Accidental inseriscono elementi di ritmica elettronica, synth e mellotron che non stonano nel clima di profondità generale. I beat sono elementari, ma immersi nell’atmosfera rivelatrice e orchestrale (nel senso più minimale del termine) del disco, riescono comunque nell’obbiettivo di de-costruire il genere, per toccare la materia.
Piccola nota di merito per la già citata Soft Noise, che fra vaghi richiami ai Radiohead (nel sistema melodico e nel crescendo finale) rappresenta il brano più rappresentativo; e per la speculare Lighthouse (Drag Us In), che biascica un mantra di piano e voce fino a una coda nella quale si scatena un piano soffocante e una batteria riverberata, fra Kyuss e Low. Questi ultimi brani, assieme a Division e al breve sipario elettronico, rendono il nuovo lavoro della Wright un oggetto affascinante, chiaramente difficile da digerire, ma assolutamente da ascoltare, per gli amanti del genere.

Commenti

Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Jeff Buckley - Grace (1994)

Jonathan Wilson – Rare Birds (2018)

Gorillaz - Gorillaz (2001)