Nadine Khouri – The Salted Air (2017)

di Francesco Mendozzi

“The Sal­ted Air” è l’ul­ti­ma fa­ti­ca di­sco­gra­fi­ca della li­ba­ne­se Na­di­ne Khou­ri, la prima in or­di­ne di tempo dopo l’EP “A Song to the City” del 2010. La Khou­ri è nota ai più per aver pre­sta­to la pro­pria voce in un epi­so­dio di “Screen­play” di John Pa­rish, una delle rac­col­te più ete­ro­ge­nee e spiaz­zan­ti degli ul­ti­mi dieci anni. E pro­prio dalla col­la­bo­ra­zio­ne con Pa­rish – sta­vol­ta in veste di me­ce­na­te e pro­dut­to­re – nasce l’e­si­gen­za di tor­na­re alle stam­pe con un la­vo­ro fiero e coeso, si­cu­ra­men­te ma­tu­ro, fatto di eva­ne­scen­ze so­no­re e ca­rat­te­riz­za­to da un can­ta­to raf­fi­na­tis­si­mo: dieci trac­ce per que­sto “The Sal­ted Air”, tutte ce­sel­la­te se­con­do i ca­no­ni del buon­gu­sto e della com­pat­tez­za.
Ri­spet­tan­do con ri­go­re l’or­di­ne della trac­kli­st co­min­cia­mo da “Thru You I Awa­ken”, mi­ni­ma­le e con­tem­pla­ti­va, che sem­bra usci­re dal tea­tro del Si­len­zio di David Lynch; segue “I Ran Thru the Dark”, de­ci­sa­men­te più rit­mi­ca, dove tam­bu­rel­li e chi­tar­re acu­sti­che crea­no un af­fa­sci­nan­te bot­ta-e-ri­spo­sta e danno vita ad una can­zo­ne che tocca i temi della per­di­ta, della se­pa­ra­zio­ne e del ten­ta­ti­vo di tro­va­re il pro­prio posto in que­sto mondo; la Khou­ri ap­pa­re poi sin­ce­ra­men­te li­ri­ca e spi­ri­tua­le in “Je­ru­sa­lem”, una città di cui è im­pos­si­bi­le non su­bi­re il fa­sci­no. Con “Bro­ken Star” l’u­mo­re del disco vira verso una qual­che forma di me­sti­zia, che di­ven­ta di­spe­ra­zio­ne vera nella suc­ces­si­va “Day­break”, rotta sol­tan­to dal la­men­to­so vio­li­no di Emma Smith. La ti­tle-track, il brano più lungo di que­sto CD, è sem­pli­ce­men­te pa­ci­fi­can­te, è un sogno ad occhi aper­ti, un viag­gio mi­sti­co e me­ra­vi­glio­so nella tun­dra del­l’a­ni­ma: ac­com­pa­gna­ta da pochi stru­men­ti e da ta­stie­re di­la­ta­te, non­ché dalla voce ba­ri­to­na­le del can­tau­to­re ir­lan­de­se Adrian Cro­w­ley, Na­di­ne Khou­ri ser­peg­gia tra i sen­tie­ri bui e ce­spu­glio­si del pro­prio Es, dando prova di fine in­tro­spe­zio­ne psi­co­lo­gi­ca e di raf­fi­na­to senso mu­si­ca­le.
La bal­sa­mi­ca aria sa­la­ta ri­tor­na vee­men­te con “Sur­fa­ce of the Sea”, una can­zo­ne che pos­sia­mo tran­quil­la­men­te ascri­ve­re alla mu­si­ca da viag­gio: c’è tanto della pa­ca­tez­za di Mark Ko­ze­lek, un po’ di quel­la psi­che­de­lia dei Mazzy Star, qual­co­si­na del­l’am­pol­lo­si­tà di Björk e forse anche un piz­zi­co del­l’ir­re­quie­tez­za di PJ Har­vey. “You Got a Fire” si ada­gia in­ve­ce su strut­tu­re jaz­zi­sti­che, anche gra­zie al brush drum­ming di Jean-Marc Butty, men­tre “Shake It Like a Sha­man” striz­za l’oc­chio al folk e al dream pop, di­mo­stran­do che la Khou­ri è ca­pa­ce di dar vita anche a brani di pura e go­di­bi­lis­si­ma leg­ge­rez­za. Il disco si con­clu­de nella scon­fi­na­ta ele­gan­za di “Ca­ta­pult”, piena di in­cre­spa­tu­re di­ver­se che ren­do­no ma­gni­fi­co il tutto, e che vanno dal fa­sci­no dram­ma­ti­co di una Bat for La­shes alla po­ten­za espres­si­va di Ja­nel­le Monáe, dal­l’im­ma­gi­na­rio folk di un Howe Gelb ai ri­schio­si vo­ca­liz­zi della sem­pre­ver­de Róisín Mur­phy.
“The Sal­ted Air” è uno di quei di­schi che rie­sco­no a de­fi­ni­re con pre­ci­sio­ne di det­ta­glio l’i­den­ti­tà del­l’ar­ti­sta, tanto che Na­di­ne Khou­ri emer­ge da que­sto la­vo­ro per ciò che pro­ba­bil­men­te è dav­ve­ro: un’ar­ti­sta in­ti­ma e ri­fles­si­va, ma anche ener­gi­ca e mu­sco­lo­sa, un’au­tri­ce at­ten­ta e pun­ti­glio­sa, una can­tan­te di gran­de ta­len­to; di­mo­stra inol­tre di poter rap­pre­sen­ta­re un so­li­do ponte tra la cul­tu­ra me­dio­rien­ta­le di ori­gi­ne e quel­la bri­tan­ni­ca d’a­do­zio­ne. E va detto che gra­zie agli odier­ni fe­no­me­ni mi­gra­to­ri nei pros­si­mi de­cen­ni co­no­sce­re­mo nuove e ancor più af­fa­sci­nan­ti ibri­da­zio­ni ar­ti­sti­co-cul­tu­rali.

Commenti

>>>>>>>>>> Etichette

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Arcade Fire – Everything Now (2017)

Counting Crows - August and Everything After (1993)

Jeff Buckley - Grace (1994)