11 ottobre 2016

Dead Kennedys - Fresh Fruit For Rotting Vegetables (1980)

Il 1979 è un anno intenso per Eric Boucher, che i piú, a San Francisco, conoscono con il nome di Jello Biafra. Candidato sindaco della città californiana, conduce una campagna elettorale memorabile: scrive il proprio programma su un fazzoletto di carta durante un concerto dei Pere Ubu, propone che tutti gli uomini d'affari siano costretti a vestirsi da clown, indossa le magliette delle precedenti campagne di un suo concorrente repubblicano, propone di chiudere al traffico automobilistico il centro città (ma questa è una provocazione?) e di legalizzare l'occupazione delle case sfitte. Finisce quarto su dieci candidati, con il 3,5 per cento dei voti. Considerato che il terzo piú votato è la drag queen Sister Boom-Boom, il consiglio comunale appena eletto stabilisce il vieto di proporsi come sindaco con un nome che faccia ridere. Nel 1979 Jello Biafra trova anche il tempo per registrare con la band l'album di debutto. Attesissimo dalla scena punk hardcore della città, uscirà l'anno seguente con una serie di pezzi ugualmente appuntiti, ugualmente provocatori, efficaci come slogan, paradossali come parole d'ordine situazioniste. Kill The Poor (Uccidi i poveri), propone l'uso della bomba all'idrogeno, che stermina la gente ma salva gli edifici, per rinnovare i quartieri problematici delle città. California ÜberAlles ipotizza una dittatura alla californiana, un po' hippie, un po' radical chic, comunque spietata (qualche anno dopo, quando il governatore sarà Ronald Reagan, la canzone verrà aggiornata e diventerà We've Got A Bigger Problem Nov, «Abbiamo un problema piú grande ora»). Holiday In Cambodia è una sorta di paradossale invito nel paese dei Khmer Rossi, con un ritornello POI Pot POI Pot») geniale e sconcertante. I Dead Kennedys hanno appreso la lezione dei Ramones, e portano il suono delle chitarre elettriche a vette inarrivabili di metallica precisione. Si dice però con qualche ragione che Fresh Fruito. sia il disco punk musicalmente piú complesso mai realizzato e Biafra stesso parlerà, citando le proprie influenze, di Wagner e del Botero di Ravel (per Califomia Über Alles) e nessuno sarà scandalizzato dal parallelismo. Il gruppo autoproduce l'album (Norm, indicato come produttore nelle note di copertine, è il gatto di uno dei tecnici del suono), che infatti è compatto e privo di momenti deboli. (Mia valutazione: Buono)

di P. M. Scaglione - Rock! (Einaudi)

0 commenti: