30 luglio 2014

Jefferson Airplane - Volunteers (1969)

di Silvano Bottaro

A metà degli anni sessanta, specialmente in California esplodono le feste hippy, la sbornia mistica, l'equazione tra amore e libertà trionfa, la maggior parte dei gruppi West-Coast sono attivissimi ed in prima fila nella contestazione al "sistema" ed alla guerra al Vietnam.
I Jefferson, formatosi nel '65, conoscono già il successo, soprattutto grazie a un percorso artistico che partendo dal folk revival acustico li portano alla psichedelia, al rock "acido", alle ballate libertarie e impegnate. La loro "visione" musicale è per lo più una ricerca collettiva che li porta pian piano ad annullarsi come entità fissa per ridefinirsi come collettivo aperto alle collaborazioni.
Nel novembre del 1969 esce "Volunteers" il loro l'album più polemico. Gli ospiti del disco sono come sempre importanti: Jerry Garcia, Joey Covington, David Crosby, Nicky Hopkins al pianoforte e Stephen Stills all'organo hammond. Paul Kantner, Steve Stills e David Crosby firmano insieme "Wooden ships" uno dei momenti più riusciti dell'album. "Volunteers" si apre con "We can be together", un vero e proprio inno alla fratellanza mentre "Hey Fredrick", scritta da Grace Slick è uno dei momenti più toccanti con il piano di Nicky Hopkins. Altri brani interessanti sono "Good Shepherd" un traditional arrangiato da Jorma Kaukonen e "Meadowlands" con Grace Slick all'organo.
Un album fantasioso, provocatorio nel quale i Jefferson esprimono la violenta presa di posizione del gruppo sui temi politici in linea con la protesta studentesca nei "campus" delle università californiane. Musicalmente il disco è costruito intorno al talento individuale dei vari componenti della band che presentano Grace Slick alla voce, Paul Kantner alla chitarra, Marty Balin (fondatore del gruppo), Jorma Kaukonen alla chitarra, Spencer Dryden alla batteria e Jack Casady al basso.
La musica dei Jefferson Airplane è stata un perfetto esempio di musica allo stesso tempo militante, almeno nell'accezione del grande movimento americano, e totalmente disposto ad ogni "apertura". Questa peculiarità è confermata in "Volunteers", nel quale il vecchio patriottismo, l'attaccamento ai valori fondamentali della nazione americana, erano completamente rigenerati alla luce della rivoluzione di quegli anni: una vera e propria chiamata alle armi che col senno di poi suona come il canto del cigno del movimento. (Valutazione: Ottimo)

0 commenti: