5 aprile 2014

Samson - Regina Spektor



Sansone

Tu sei la mia dolce rovina
ti ho amato per primo, ti ho amato per primo
la mia verità giace sotto i fogli di carta
devo andare, devo andare
i tuoi capelli erano lunghi la prima volta che ci siamo incontrati

Sansone tornò a letto
pochi capelli rimasti sulla sua testa
mangiò una fetta di meraviglioso pane e tornò dritto a letto
e i libri di storia ci hanno dimenticato e la Bibbia non ci ha menzionato
e la Bibbia non ci ha menzionato neanche una volta

Tu sei la mia dolce rovina
ti ho amato per primo, ti ho amato per primo
sotto le stelle cadenti arrivarono sulle nostre teste
ma sono solo vecchie luci, sono solo vecchie luci
i tuoi capelli erano lunghi la prima volta che ci siamo incontrati

Sansone venne al mio letto
disse che i miei capelli erano rossi
disse che ero meravigliosa ed entrò nel mio letto

Oh tagliai i suoi capelli da sola una notte
un paio di forbici sorde in una luce gialla
mi disse che avevo fatto la cosa giusta
e mi baciò fino alla luce del mattino
la luce del mattino
e mi baciò fino alla luce del mattino

Sansone tornò a letto
pochi capelli rimasti sulla sua testa
mangiò una fetta di meraviglioso pane e tornò drittò a letto

Oh noi non potremmo buttare giù le colonne
non potremmo distruggerne una soltanto
e i libri di storia ci hanno dimenticato
e la Bibbia non ci ha menzionato neanche una volta

Tu sei la mia dolce rovina
ti ho amato per primo

0 commenti: