24 ottobre 2016

Keaton Henson – Kindly Now (2016)

Era già evidente dagli esordi l’abilità di Keaton Henson di scavare nella profondità dell’animo umano, rivelandone tutta la sofferenza e la fragilità.
In questo percorso, musica e pittura rappresentano per l’artista londinese una terapia spirituale, un diario intimo e delicato dove leccarsi le ferite lontano da occhi indiscreti. In questa chiave interpretativa, la copertina di “Kindly Now” è il manifesto più trasparente della complessa personalità di Henson, qui alle prese con il progetto più accessibile e immediato della sua discografia.

La musica di Keaton Henson è un art-folk brutale, scorbutico, acerbo, ma onesto, che il musicista ha trascinato nel blues (“Birthday”), e poi nella neoclassica (“Romantic Works”), ricompattandone infine gli elementi più scarni ed essenziali, nel tentativo di sfiorare anche solo per un attimo la seduzione della felicità.
Approdato all’etichetta Play It Again Sam e quindi sorretto da un’organizzazione più capillare, l’artista sta raccogliendo critiche positive e attenzioni, anche da organi di stampa fino ad ora sordi alla sua poetica. Sarà forse questo il motivo che ha spinto uno dei più arditi sostenitori di Keaton Henson, ovvero il quotidiano The Guardian, a criticare senza pietà il nuovo album “Kindly Now”, colpevole, a loro dire, di enfatizzare e di svendere quella genuina rappresentazione della sofferenza degli esordi.

La verità è che il londinese introverso ha trovato, finalmente, il coraggio di alzare la voce aprendo nuovi scenari lirici e strumentali, dove trovano spazio il dolore e l’agonia, prendendo il sopravvento su acerbi collage di musica sintetica con glitch orchestrali (“March”), scardinando tutte le insicurezze dell’autore (”The Pugilist”) e accompagnando con toni funerei testi ansiogeni (“non dimenticarmi”, “ho ancora canzoni in me, e ho paura”). Tutto questo senza che l'ascoltatore possa trovare conforto o pace, anche quando la musica accenna sensualità e passione (“Good Lust”). Continua a leggere...

0 commenti: