29 settembre 2016

Il treno, l’uomo, l’America e il mito

Il 23 settembre è uscito "Shine a Light: Field Recordings from the Great American Railroad", una raccolta di canzoni tradizionali dedicate alla ferrovia. Gli autori, Billy Bragg e Joe Henry, lo hanno registrato direttamente in treno lungo un viaggio di 65 ore sulla Texas Eagle, la linea che collega Chicago a Los Angeles.

Il confronto più celebre fra uomo e macchina nella storia della ferrovia americana ebbe luogo nei pressi di Talcott, West Virginia attorno al 1870. Erano i muscoli degli uomini a spianare la strada al progresso su rotaia: armati di mazze, i lavoratori scavavano nicchie nella roccia di granito dove inserire cariche d’esplosivo. Protestarono quando apparve la trivella a vapore che prometteva di scavare la roccia più velocemente e con minore dispendio d’energie: quella macchina avrebbe tolto loro il lavoro e comunque non sarebbe stata in grado di battere un operaio americano. Là dove si stava costruendo il Big Bend Tunnel fu organizzata una gara fra una trivella a vapore e il più forzuto dei lavoratori, un afroamericano di nome John Henry sulle cui possenti spalle gravava il destino dei colleghi. Qualcuno diede il via. Nel tempo prestabilito la trivella penetrò tre metri di roccia. L’uomo ne scavò più di quattro prima di accasciarsi a terra, ucciso dallo sforzo.

Autentica o apocrifa che sia, la vicenda dell’eroe che cerca di resistere al progresso tecnologico ha ispirato articoli, libri, musical, composizioni colte e una celebre ballata folk che hanno cantato tutti, da Johnny Cash a Bruce Springsteen. Ora John Henry è una delle tredici canzoni che l’inglese Billy Bragg e l’americano Joe Henry interpretano in Shine a Light: Field Recordings from the Great American Railroad, un omaggio all’epopea delle ferrovie americane che riunisce storie d’eroi, lavoratori dalla forza sovraumana, magnifici malvagi, carcerati e naturalmente cuori infranti, un mondo di uomini affratellati dall’esistenza segnata o persino trasformata dalla rete ferroviaria che andava formandosi nel tempo in cui le canzoni furono composte, un universo descritto nei primi anni ’80 da Norm Cohen in Long Steel Rail: The Railroad in American Folksong (University of Illinois Press). Continua a leggere...


0 commenti: