Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

William Blake

L'esercizio e l'occasione ben presto insegnano il linguaggio dell'arte... Spirito e poesia, concentrati sulla sola immaginazione, non possono mai essere insegnati, ed è questo che crea l'artista.

You Are My Sister - Antony and the Johnsons

Sei mia sorella Sei mia sorella, siamo nati Così innocenti, così bisognosi Alcune volte siamo stati amici, altre sono stato crudele Ogni notte ti chiedevo di vegliarmi nel sonno Avevo così tanta paura della notte Sembrava che tu attraversassi i luoghi da me temuti Vivevi nel mio mondo così dolcemente Protetta solo dalla tua naturale bontà Sei mia sorella E ti amo Che tutti i tuoi sogni possano avverarsi Allora ci sentivamo così diversi Ma poi negli anni così simili Il modo di ridere o di soffrire Così tanti ricordi Ma nulla più si può ottenere dai ricordi Facce e mondi che nessun altro conoscerà mai Sei mia sorella E ti amo Che tutti i tuoi sogni possano avverarsi È quello che voglio per te Si avvereranno (si avvereranno)

David Crosby

Immagine
Ci sono personaggi la cui esistenza si dipana su un canovaccio ricco di svolte, di pieghe improvvise, di parabole inebrianti e di rovinose cadute, di successi fulminei e di paurosi sbandamenti. Il mondo del rock ne è pieno, anche se purtroppo, sovente queste vicende assumono inevitabilmente i contorni mitologici dell’eroe bello e dannato condannato a una morte prematura. E’ solo per una serie di incredibili scherzi del destino o di karma direbbe un Buddista se oggi David Crosby è ancora qui con noi. Una vita intensissima, estrema, spesso spericolata, ma che nel corso degli ultimi quattro decenni è stata testimone di pressoché tutti gli eventi chiave della storia del rock. Quasi quarant’anni nel corso dei quali David Crosby è sembrato morire diverse volte, preparando in più d’una circostanza i suoi irriducibili fans alla triste notizia che puntualmente non è arrivata: come un gatto a nove vite. Musicalmente Crosby ha segnato almeno due decenni con una serie di capolavori culminati con que…

Philip Glass

Immagine

Vye Music

Vye Music si presenta un po’ come web radio e un po’ come motore di ricerca mp3. In realtà si tratta soprattutto di un sito dove ascoltare musica gratis in streaming online e creare palylist personalizzate. Quello che colpisce del sito è la sua interfaccia grafica gradevole e pulita. Le sue funzioni principali sono: ricerca di musica, radio, player audio, generatore di playlist. Si possono effettuare ricerche in base al nome dell’artista, al titolo delle canzoni, al genere musicale e il servizio indicherà anche la musica similare. Aggiungere brani alle nostre liste è semplicissimo, basta cliccare su un apposito pulsante. Vye Music, come la stragrande maggioranza delle applicazioni simili, si basa sull’enorme database della musica contenuta su YouTube e quindi possiamo anche vedere i video clip musicali. Il servizio è del tutto gratuito e non è necessario registrarsi a meno che non si vogliano creare playlist e in tal caso ci si può connettere via FaceBook. Decisamente un ottimo servi…

Jackson Browne

Songwriter della generazione folk dei '70, Jackson Browne (1948) è uno dei più quotati e ispirati cantori della scuola californiana. Browne entra nelle cronache musicali nel 1966, come membro di una delle prima formazioni della Nitty Gritty Dirt Band. Dal 1967 si esibisce in pubblico come solista, ma si fa conoscere soprattutto come accompagnatore di Tim Buckley e Nico, con cui collabora per "Chelsea Girl" (tre brani del disco portano la sua firma).
Discografia e Wikipedia

Bob Dylan e The Grateful Dead nell'estate 1987

Immagine
A metà degli anni '80, Bob Dylan si trovò al "punto" più basso della sua carriera. Nella sua autobiografia ricorda: "Tutto è stato distrutto. Le mie canzoni mi erano diventate estranee, non ho avuto la capacità di toccare i "nervi giusti". Dylan, in tour con Tom Petty, si sentì in fondo alla "miniera" e Petty al top. Grazie anche a questo, arrivò alla conclusione che era arrivato il momento di mettere le cose in "chiaro" e uscire dal tunnel buio della musica. Una delle prima cose fu di accettare di fare dei concerti con i Grateful Dead. Era l'estate del 1987 e da quella reunion uscirono una valanga di tracce. Qui ne potete ascoltare 74.

River Of Tears - Eric Clapton

Fiume Di Lacrime

E'lontano tre miglia il fiume
Che vorrebbe portarmi via
E due miglia la strada polverosa
Dove ti ho vista oggi

E'lontana quattro miglia la stanza solitaria
Dove nasconderò il mio viso
E'lontano circa mezzo miglio il bar del centro
Dal quale mi sono allontanato con disonore

Signore, per quanto tempo dovrò continuare a correre
Sette ore, sette giorni o sette anni?
Tutto quello che so è che da quando te ne sei andata
Mi sento come se stessi annegando in un fiume
Annegando in un fiume di lacrime
Annegando in un fiume
Mi sento come se stessi annegando
Annegando in un fiume

Fra tre giorni lascerò questo paese
E sparirò senza lasciare traccia
A un anno da ora, forse sparito
Dove nessuno conosce la mia faccia

Spero di poterti abbracciare
Ancora una volta per diminuire il dolore
Ma il mio tempo sta per finire, devo andare
Devo correre via ancora

Sto ancora cercando di capire i miei pensieri
Un giorno troverò il senso della mia vita tornando indietro qui
Mi salverai…

Bruce Springsteen - Working On A Dream (2009)

Immagine
di Silvano Bottaro
Attribuendo la qualità di un disco in base al mio teorema musicale: “La somma di quante volte un cd suona nel lettore musicale è uguale alla somma di quanto il disco piace”, il disco suona poco.
Effettivamente la “paura” della vicinanza a “Magic”, uscito poco più di un anno fa era fondata. Il boss ci aveva abituato a dei lunghi silenzi discografici, proprio perché era capace di restare in sala d’incisione 5/6 mesi anche per incidere un solo brano, e faceva passare degli anni, anche 4 o 5, prima di pubblicare un altro album.
Comunque non per questo, il disco è da buttare, anzi la sufficienza (e anche più) non fa difetto.
Working On A Dream non è un disco pop, è neanche un disco di scarti di “Magic”, è un disco atipico. Uscito praticamente in contemporanea con l’ingresso di Barack Obama (di cui Springsteen è stato il più forte sostenitore rock) alla Casa Bianca, a differenza della riflessione amara o di tradimento che riscuoteva l’idea dell’America in “Magic”, Working …

Ben Harper

La musica è come il vento: soffia, continua a passare, a fluire. E finché c'è vento ci sono nuove canzoni.

Etichette

Mostra di più