26 settembre 2011

Bill Evans

Pianista (1929 - 1980). Il suo tocco è uno dei più personali del jazz: poche note, e la sua identità è chiara. Egli attribuiva a George Shearing il merito di averlo illuminato sull'importanza del tocco; Bud Powell e Horace Silver furono gli altri due modelli del suo periodo formativo. Dopo alcune importanti esperienze al fianco di Geore Russell e di Charles Mingus, Evans entrò nel sestetto di Mile Davis, col quale incise il classico "Kind of Blue".


2 commenti:

Blackswan ha detto...

A mio avviso, Evans ebbe il grande merito di universalizzare il linguaggio del jazz rendendolo comprensibile a tutti.Grande tecnica,ma un approcio,se mi si passa l'espressione, nazional popolare.

novalis ha detto...

Sono d'accordo Black.

ot. Se ancora non l'hai e ti può interessare, ho quattro inviti a Google Music. Se si mandami la tua mail utilizzando il "Contattami" in fondo alla sidebar. ☺